DI ROCCO. «ITALIA, PUNTA SUL CICLISMO»

POLITICA | 13/12/2016 | 07:39
A poco più di un mese dall'appuntamento elettorale, nel quale dovrà vincere la concorrenza di Norma Gimondi e Carlo Roscini, Renato Di Rocco ha fatto il punto sullo stato del ciclismo italiano in una intervista concessa a Gabriele Di Bari de Il Messaggero. Ecco i passaggi più importanti:

SQUADRE & SPONSOR.
«La carenza di sponsor italiani è lo specchio delle difficoltà economiche che atraversano l'Italia. Tante grandi aziende del passato sono finite in mani straniere, così il nostro ciclismo fa sempre più fatica a trovare risorse. In più, il ciclismo a livello mondiale sta ricalcando quel che è accaduto nel calcio: dopo il periodo della Russia, che comunque rimane, adesso la nuova frontiera è la Cina».

DOPING. «Secondo la Wada, il ciclismo è sceso al settimo posto nella classifica degli sport più coinvolti, il sesto per il Ministero della Salute. Merito del passaporto biologico che, introdotto per primo dal ciclismo, è diventato punto di riferimento per tante discipline. Dico che dobbiamo tenere alta la guardia e continuare su questa strada».

PISTA. «Il solo velodromo di Montichiari è poco per le esigenze del movimento e dei tanti ragazzi che vogliono praticare la pista. Per quello di Treviso, già finanziato, aspettiamo che comincino i lavori, peccato per l'occasione persa con le Olimpiadi di Roma che ci avrebbero consentito di realizzare un altro grande impianto. Il mio sogno? Vedeere un velodromo a Roma e uno a Milano e tornare a respirare anche in Italia il profumo delle Sei Giorni».

PROGRAMMA. «In un eventuale nuovo mandato, mi propongo di continuare a favorire la crescita del movimento femminile, investire nella BMX, disciplina che riscuote il consenso dei giovani, incrementare il paraciclismo, che sta già registrando progressi notevoli. E, come detto, continuare la lotta al doping. E naturalmente cominciare a lavorare per Tokyo 2020: vedrete, ai prossimi Giochi le done italiane stupiranno il mondo».
Copyright © TBW
COMMENTI
elezioni
14 dicembre 2016 02:56 siluro1946
Come può essere credibile colui che è al governo della federazione ciclistica da decenni, portando il ciclismo italiano praticamente all'estinzione, come possa portare novità e soluzioni ai molteplici problemi che affliggono questo sport rimane un mistero.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Non solo è il primo sloveno ad aver vinto un Grande Giro, oggi Primoz Roglic diventa anche il primo sloveno a raggiungere la vetta della classifica mondiale dell'UCI. Grazie al successo colto alla Vuelta, arrivato dopo uno strepitoso filotto di...


Nessuna storia anche oggi in volata al Tour of China 2019: Marco Benfatto è stato nettamente il più forte partendo lungo e tenendo a bada i rivali che non hanno potuto far altro che rimanere in scia. La maglia blu...


Dopo quella di Vincenzo Nibali, arrivano altre due defezioni importanti per il Mondiale delloYorkshire: Egan Bernal e Michal Kwiatkowski hanno deciso di non disputare la sfida iridata perché non sono in condizione di essere competitivi. Bernal è stato incluso proprio...


Settimana da tripla attività per l’Androni Giocattoli Sidermec che alla Cina (conclusione il 22 settembre) aggiunge le classiche del calendario italiano e un importante appuntamento del calendario europeo. In Italia si comincia domani con il Giro di Toscana, per poi...


«La maglia azzurra per me è sacra e va rispettata. Non sono al top e non è giusto che porti via il posto a un compagno». Il senso del ragionamento di Nibali, al termine del week-end delle gare in Canada,...


Ancora un successo per Marco Benfatto che si è imposto nella prima tappa del Tour of China II 2019 dopo 141, 3 km con prima parte in linea e conclusione dopo sei giri di un circuito cittadino a Jianghua. Per...


La Ciclismo Cup è arrivata a dieci prove stagionali, dopo che nell’ultimo weekend si sono disputate con grande successo la Coppa Agostoni e la Coppa Bernocchi. La classifica a squadre è tutt’altro che definita, l’Androni Giocattoli-Sidermec resta al comando, ma...


Lo scalatore francese Kenny Elissonde sta per concludere la sua avventura con il Team Ineos e nelle prossime due stagioni difenderà i colori della Trek Segafredo. Passato professionista nel 2012, ha vinto una tappa nella Vuelta a España un anno...


Con la rassegna iridata che si avvicina, l’UAE Team Emirates sarà di scena in Italia per tre gare: il Giro della Toscana (18 settembre), la Coppa Sabatini-Gp Peccioli (19 settembre) e il Memorial Pantani (21 settembre). Il tecnico Marco Marzano...


La volata è partita e, come è naturale che sia, in testa c'è il più orte dei nostri velocisti: Elia Viviani pedala a tutta verso la conquista dell'Oscar tuttoBICI Gran Premio Vittoria. Il veronese delal Deceuninck Quick Step conserva un...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy