LONGO BORGHINI: «UNA VITTORIA DI VALORE E CHE GIOIA LA ROSA, CON LIDL TREK VOGLIAMO VIVERE UNA BELLA SETTIMANA»

DONNE | 07/07/2024 | 15:05
di Luca Galimberti

Una vittoria ottenuta pedalando ad oltre 45 km di media, un successo che le ha permesso di indossare la prima maglia rosa del Giro d’Italia 2024. Quando arriva in sala stampa Elisa Longo Borghini è sorridente e ancora un po’ incredula. «Questa vittoria e questa maglia rosa significano tanto, soprattutto dopo lo scorso anno. Per vincere bisogna sempre faticare, nulla è scontato e per questo vorrei ringraziare la Lidl Trek per il supporto che mi ha dato. Adesso si tira dritto, guardiamo avanti perché abbiamo dei buoni piani per i prossimi giorni. Cerchemo di fare del nostro meglio come squadra» afferma la piemontese.


Longo Borghini ha cominciato ad accarezzare il sogno della vittoria nel momento in cui l’australiana Brown ha tagliato il traguardo: «Mi hanno detto che all’intertempo avevo 11 secondi su Kopecky e lo stesso tempo di Brown, quando Grace ha tagliato il traguardo con un colpo di reni ed ho visto che era alle mie spalle per un secondo ho pensato dentro di me di avere delle buone chances. L’attesa è stata lunga ma ora indosso questa maglia rosa, è una vera gioia e me la godo».


Elisa guarda anche al futuro e alle prossime tappe: «Le dirette avversarie questo pomeriggio sono lontane, è vero. Ma non bisogna mai abbassare la guardia. Ci aspetta un cammino molto duro e in salita, il Giro ha molte tappe che possono nascondere dei tranelli, dovremo stare sempre molto attente» spiega. Poi aggiunge: «In squadra non ci sono solo io ma ho compagne molto forti e tra queste anche Gaia Realini con cui lavoriamo davvero molto bene. Tutte noi siamo molto affiatate e abbiamo voglia di rendere questa settimana una bella settimana». 

 Nella agenda della campionessa piemonte ci sono anche i Giochi Olimpici di Parigi, e a proposito dell'appuntamento a cinque cerchi Elisa dichiara:«È una grande emozione essere stata convocata per la terza volta alle Olimpiadi. Oggi ci tenevo a far bene anche per dimostrare che nelle cronometro vado forte e a Parigi non partirò giusto per partire ma cercherò di fare un buon risultato».

In molti hanno applaudito Longo Borghini e in tanti si sono congratulati con lei. Anche Paolo Sangalli, CT delle nazionali femminili su strada ha elogiato la campionessa di Ornavasso e ai microfoni di tuttobiciweb ha dichiarato: «Ero convinto che oggi Elisa potesse far bene, ne avevamo anche parlato nei giorni scorsi, le faccio tanti complimenti, sono davvero felice per lei. La vittoria di oggi è di spessore, si è lasciata alle spalle Grace Brown che ha vinto medaglie mondiali di specialità. Brava, avanti così»

 

 

 

 

 

in aggiornamento

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Tadej POGACAR. 10. “Gna fà”, non ce la fa a regalar tappe. È un agonista e come tale si comporta. Non è qui per fare le pierre, è qui per vincere il Tour de France, a viso aperto. I saggi...


Ancora una volta UAE Development Team conquista una Top 5 e ancora una volta la velocista Sara Fiorin ha ottenuto un buon risultato. Dopo il terzo posto conquistato nella seconda tappa del Baloise Ladies Tour oggi è andata in scena...


In questo Tour de France non ce n'è per nessuno, anche sulle Alpi Marittime Tadej Pogacar (UAE) va a prendersi il suo trionfo vincendo l'ennesimo duello di questa edizione con Jonas Vingegaard (Visma Lease a Bike). A completare il podio della...


Dopo 17 anni è tornato il ciclismo dilettanti sul circuito collinare empolese di Corniola ed al termine di una gara selettiva con soli 23 arrivati sui 94 partenti, è stato il valdarnese di Incisa Matteo Regnanti ad aggiudicarsi il Gran...


La legge della salita è una sola: chi ha le gambe vince. E questa è anche la legge di Jarno Widar (Lotto Dstny Development) che a Champoluc si prende tappa e maglia gialla di leader. Il belga, già vincitore del...


Doppio colpo per Erazem Valjavec al Giro del Veneto juniores. Il figlio d'arte della Autozai Contri trionfa nell'arrivo in salita a Passo Croce d'Aune dove lo sloveno si scatena rifilando 40" ad Andrea Bessega (Borgo Molino Vigna Fiorita) e 43"...


Questa settimana Radiocorsa va in onda oggi, sabato 20 luglio, alle 18 su Raisport. Per celebrare due donne, due cicliste, che hanno fatto grande il movimento azzurro negli ultimi tempi. La piemontese Elisa Longo Borghini, con la sua vittoria al...


Era un pistard e con la maglia gialloblu della nazionale ucraina aveva partecipato a diverse edizioni dei campionati europei stabilendo anche dei record nazionali nel km da fermo e nella velocità a squadre. Andreyi Kutsenko aveva studiato all'università di Leopoli,...


Le lacrime e il lungo abbraccio con la moglie Trine: questa è l’immagine di Jonas Vingegaard dopo il traguardo a Isola 2000. Il danese che il Tour lo ha vinto già due volte, nella diciannovesima tappa si è arreso, ammettendo...


Qualcuno lo ha definito il nuovo Cannibale, perché non ha lasciato vittorie a nessuno. Lo sloveno domenica a Nizza salirà sul podio del vincitore e per lui questo sarà il terzo successo finale al Tour de France. «Quando Simon Yates,...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi