STASERA A MILANO LA GRANDE NOTTE DEGLI OSCAR TUTTOBICI: COLBRELLI E NIBALI GLI OSPITI D'ONORE

EVENTI | 18/11/2022 | 08:17
di Paolo Broggi

Al termine di una stagione finalmente... normale, nella quale per fortuna la pandemia ha avuto un ruolo marginale, anche la Notte degli Oscar tuttoBICI torna in scena nel­la sua collocazione tradizionale di metà novembre - come un ponte ideale fra la stagione che va in archivio e quella nuova che ormai è alle porte, con i primi raduni delle squadre in preparazione del 2023 - e nella sua formula classica.


Tutti i protagonisti della stagione, i mi­gliori di ogni categoria, torneranno a sfilare sul palco della Notte degli Oscar tuttoBICI, applauditi da una platea di campioni, dirigenti, sponsor e giornalisti.


Per la prima volta in carriera proverà questa emozione Matteo Trentin, mi­glior professionista italiano dell’anno che - grazie ad un eccellente finale di stagione che lo ha visto vincere fra l’altro il Giro del Veneto - è riuscito a completare la rimonta sull’altrettanto bravo Lorenzo Rota, che resta comunque una del­le note più liete della stagione in chiave azzurra. Magari vince poco, Matteo - per lui quest’anno Le Samyn in Belgio, una tappa e la classifica a punti del Giro del Lussemburgo e, come detto, il Giro del Veneto - ma si piazza spesso e soprattutto svolge un ruolo davvero prezioso nell’economia della sua squadra, la UAE Team Emiartes, che gli affida molto spesso il ruolo di regista in corsa.

Tra i volti nuovi del ciclismo italiano c’è quello di Luca Mozzato, re dell’Oscar tuttoBICI Maglia Bianca, il premio riservato ai corridori con meno di 26 anni: il fatto di correre da sempre all’estero con la francese B&B Hotels KTM, con la quale ha firmato un rinnovo triennale, lo porta un po’ fuori dai radar dei tifosi, ma Luca è sicuramente l’italiano più piazzato della stagione, ha disputato da protagonista il suo primo Tour de France e ha dimostrato una continuità di rendimento davvero notevole: ha colto il primo di 19 piazzamenti nelle top ten il 3 febbraio nella Vuelta a la Comunitat Valenciana (6°) e l’ultimo il 9 ottobre nella Parigi-Tours (5°).

Nelle ultime stagioni il Cycling Team Friuli di è proposto come vivaio di eccellenza e da qui arriva il vincitore dell’Oscar tuttoBICI Under 23 Nicolò Buratti che nella seconda parte della stagione ha letteralmente sbaragliato il campo vincendo, tra gli altri, sui prestigiosi traguardi di Poggiana, Capodarco e Rovescala.
Nella categoria Élite l’applauso e l’Oscar vanno all’abruzzese Francesco Di Felice che ha esaltato la maglia della Gallina Ecotek Lucchini Energy Colosio sia nelle corse in Italia che in quelle disputate all’estero.

In campo femminile, invece, la regina è sempre lei. Per la sesta volta in carriera Elisa Longo Borghini conquista l’Oscar tra le Donne Élite al termine di una stagione che l’ha vista battagliare per il successo finale con la sua compagna di squadra Elisa Balsamo. In più, Longo Borghini è anche risalita al terzo posto assoluto della classifica mondiale a conferma del suo grande valore e della sua continuità di rendimento. Nella categoria Donne Ju­nio­res torna all’Oscar una “vecchia conoscenza” come Eleonora Ciabocco.

Tra le Allieve l’Oscar va a Chantal Pegolo, altra ciclista friulana, mentre tra le Esordienti il nostro premio resta in Veneto: dopo il trionfo di Asia Sgaravato nel 2020 e Linda Sanarini nel 2021, è la volta della veronese Ma­tilde Rossignoli, figlia d’arte...

In campo maschile, il titolo nella categoria Juniores va al veneto Mat­teo Scalco, autentico dominatore della stagione, mentre nella categoria Allievi ad imporsi è Enea Sambinello, portacolori della storica Pol. FAIT Fiumicinese. L’Oscar per gli Esordienti II° anno va al bolzanino Brandon Fedrizzi (CC Forti e Veloci) mentre tra gli atleti del I° anno la palma del migliore spetta a Cesare Castellani, ennesimo corridore cresciuto nella scuola del Gs Fiorin.

Il ct azzurro della pista Marco Villa conquista per il terzo anno consecutivo l'Oscar tuttoBICI Fondazione Iseni y Nervi come miglior tecnico italiano. E questa sera a Milano, sul paco deglla Notte degli Oscar, saliranno anche due grandi campioni ai quali l'intero mondo del ciclismo vuol tributare un grade applauso e dire il proprio "grazie": Sonny Colbrelli e Vincenzo Nibali.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
DAVIDE REBELLIN ENNESIMA VITTIMA DI OMICIDIO STRADALE Art. 589 Bis Cod. Pen.   Il tragico evento che ha visto vittima il nostro amico Davide ha scosso tutto il mondo del ciclismo, ma non solo, poiché il fatto è stato talmente...


Il programma antidoping dell'UCI, uno dei più completi al mondo, è una priorità per l'UCI e per tutti gli stakeholder del ciclismo. Per aumentare l'indipendenza e la professionalizzazione del suo programma, l'UCI ha delegato tutti gli aspetti operativi antidoping all'ITA...


La carriera dei neoprofessionisti italiani parte dai banchi di scuola, nel ricordo di Davide Rebellin e di Ercole Baldini, presidente ACCPI per due stagioni. Un folto numero di ragazze e ragazzi hanno partecipato all'incontro formativo rivolto ai ciclisti neoprofessionisti e...


È stato individuato il camionista responsabile dell'investimento mortale dell'ex campione di ciclismo Davide Rebellin. Si tratterebbe di un cittadino tedesco di 62 anni, identificato grazie alla collaborazione tra carabinieri e polizia tedesca. Dopo l'incidente, avvenuto l'altro ieri, l'uomo aveva...


Gianni Savio, manager di lungo corso del ciclismo italiano, dedica parole colme di emozione al ricordo di Davide Rebellin: «Provo una tristezza infinita pensando a quanto è successo a Davide Rebellin. Di Davide ricordo il sorriso buono e i modi...


Da oggi è ufficialmente in vigore il nuovo statuto del CPA – Cyclistes Professionnels Associés e per tutti i ciclisti e le cicliste della massima categoria si prospettano novità importanti. Lo scorso 21 novembre l'associazione mondiale dei corridori ha...


Caro Direttore, per chi ama il Ciclismo non possono certo questi definirsi giorni felici. Prima l'omicidio stradale in danno di Davide Rebellin e, dopo poche ore, il Padreterno che si porta via Ercole Baldini. Ce n'è ben a sufficienza per...


48 ore dopo la tragica morte di Davide Rebellin, è ancora complicato farsene una ragione. E lo è ancora di più per chi, come Davide Formolo, ne era amico, collega e compagno di allenamenti. I due vivevano nei pressi di...


Lo staff tecnico azzurro del ciclismo ha reso omaggio alla memoria di Franco Ballerini al cimitero di Casalguidi in provincia di Pistoia, e quindi a casa di Alfredo Martini a Sesto Fiorentino presenti le figlie di Alfredo, Silvia e Milvia....


«Ridurre il numero di vittime della strada si può». Davide Cassani, già ciclista e ct della Nazionale, ha corso con Rebellin. Anche lui fa parte della categoria "mai senza bici": da ex, pedala regolarmente. Curiosamente, deve il suo ritiro dalle...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach