GIORNO DELLA SCORTA. PER TE, PER VOI E PER I 30 ANNI DI LAVORO SULLA SICUREZZA

EVENTI | 08/11/2022 | 08:10
di Pier Augusto Stagi

In principio c’erano solo progettualità, idee e voglia di fare. Ma subito si sono messi al lavoro come è loro abitudine, perché sono fatti così. E non è nemmeno un caso che fin da subito si siano chiamati Gruppo Sportivo Progetti Scorta, perché questo gruppo di appassionati professionisti o appassionati pieni di professionalità ha compreso che era necessario fare ma anche formare, proporre e muovere proposte.


In questi trent’anni - e dico 30 - di cose ne hanno fatte un mucchio. In principio non c’era niente, se non un ciclismo che cresceva e cambiava, così come le strade e la nostra viabilità. Non c’erano corsi, non c’era l’articolo 9 del Codice della Strada, non c’erano le scorte tecniche né tantomeno l’ASA o i volontari professionisti. Insomma, era tutto da inventare, anche se Silvano Antonelli e il suo gruppo in mente avevano ben chiaro quale sarebbe stato il loro ruolo e la loro missione.


In questi trent’anni ne han fatte di cose, percorrendo strade e presidiando incroci: proteggendo gruppi. Avevano chiaramente compreso cosa sarebbe successo da lì a poco o quello che stava appunto accadendo. Era chiaro ed evidente che le forze di Polizia non potevano arrivare dappertutto, c’era bisogno di fare qualcosa, di ripensare quel tutto che c’era e andava riformato sulle basi di idee nuove. Il GS Progetti Scorta l’ha fatto e la sua storia è lì da vedere, da ripassare, sperando che non diventi solo esercizio mnemonico, ma spunto e fonte di altre progettualità.

Trent’anni fa non ci si perse d’animo, non ci si pianse addosso, al grido dateci più poliziotti! Ci si rimboccò le maniche, ci si interfacciò con i Ministeri e le prefetture, si cercò di fare squadra per trovare una via d’uscita che fu efficace e indolore, diciamo pure condivisa ad altissimi livelli, nel segno di una collaborazione che deve essere riconosciuta da parte di tutti: tra gruppi sportivi e la politica, dimostrando che quando si vuole si sa anche fare squadra.

È in questa ottica che la Giornata della Scorta 2022 assume significati davvero importanti. C’è un compleanno, un traguardo, una ricorrenza, ma c’è anche un premio, importante e mai assegnato prima. Il Premio Sicurezza andrà ad una prefettura, sarà consegnato al prefetto Castrese De Rosa, un cognome che sa di ciclismo e forse anche questo non è un caso. Un riconoscimento ad una Prefettura, quella di Ravenna, che da sempre ha collaborato con il Gs Progetti Scorta e che quindi raccoglie ciò che ha seminato negli anni. Una Prefettura premiata, in nome di tutte le Prefetture, che regolarmente collaborano per rendere possibile la pratica del ciclismo.

È giunto quindi il momento di festeggiare, senza fermarsi e senza perdere lo slancio che ha fatto partire il Gs Progetti Scorta, forti di quel carico di entusiasmo e progettualità che li hanno mostrati subito diversi dagli altri. In questi anni buona parte dei progetti sono stati realizzati, per gli altri è solo una questione di tempo.

Conosco Silvano Antonelli da anni e lo apprezzo da sempre: è un caro amico, preparato e scrupoloso, appassionato e rigoroso e oggi si dice anche appagato, ma sono certo che saprà poi andare avanti, anche se mi auguro che uno come lui, capace ancora di sistemare una transenna, presidiare un incrocio o far lezioni, possa andare a ricoprire - magari in seno alla Federazione - un ruolo apicale in materia. L’ho sempre sostenuto e lo ripeto: con Silvano in materia di sicurezza si va sul sicuro. Lo so, la battuta non è né nuova né tantomeno originale, ma quel che conta è l’uomo in questione: lui sì che sa sempre fare cose nuove.

 

 

 

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Il Team Novo Nordisk ha ufficializzato il suo organico per la stagione 2023: la prima squadra di ciclismo professionistica interamente formata da ciclisti diabetici avrà una rosa di 18 atleti con una sola novità rispetto alla scorsa stagione.  si tratta...


Simbolo del primato del Giro d’Italia, riconosciuta in tutto il mondo, tra storia e innovazione, la Maglia Rosa 2023 è caratterizzata da uno stile moderno e digitale. Rappresenta l’era in cui viviamo, contraddistinta dalla velocità e da un’incessante evoluzione tecnologica....


La regina della neve non ha alcuna intenzione di abdicare. Fem Van Empel, ventenne olandese di S’Hertogenbosch, cittadina del Brabante settentrionale conosciuta per il ciclocross (ha ospitato due edizioni degli Europei, 2018 e 2020) e per il tennis,...


Altri tre corridori promossi dal vivaio per il Team DSM: Tobias Lund Andresen,  Lorenzo Milesi e Oscar Onley faranno il salto di categoria nel 2023 portando a 18 il numero dei coridori cresciuti nel florido vivaio del team olandese. Lund...


A Reims, capitale dello champagne, si tennero nel 1958 i mondiali di ciclismo su strada. Gli scudieri della nazionale erano Baldini, Favero, Nencini, Coppi, Sabbadin, Pambianco, De Filippis, Moser, La Cioppa, Baffi, Nicolò e Conterno. Al via c’erano 67 corridori...


L'uno si allenava, l'altro è nel pieno della stagione. L'uno ha punte di velocità incredibili su strada, l'altro è un giovane asso del cross. L'uno ha un nome conosciuto, l'altro sicuramente si farà un nome. E comunque, con tutte le...


Si scaldano i motori, ma i rumors non hanno nulla a che fare con i cilindri dei motorhome rimessi a nuovo in questa brevissima sosta. Tutti, chi più chi meno, sono pronti a ripartire di slancio. Pronti per i primi...


L'avvicinarsi dell'assegnazione delle licenze da parte dell'Uci - la data chiave è sabato 10 dicembre, salvo sorprese - sta riaprendo una inaspettata finestra di mercato, complici le difficoltà che hanno condizionato il cammino di alcune formazioni. Su tutte, la crisi...


“Le corse si vincono d’inverno”, esclamano tanti saggi del ciclismo. Infatti Eleonora Camilla Gasparrini non perde tempo e da diverse settimane prepara la stagione 2023. «Tra fine ottobre e prima settimana di novembre – spiega Eleonora, 20 anni, torinese di...


Figlio d'arte Luca Zaina... di padre e di madre. Papà Enrico ex professionista, vinse di tre tappe al Giro d'Italia, una alla Vuelta e la Settimana Bergamasca, e fu secondo in classifia geneale al Giro d'Italia 1996 dietro Pavel Tonkov,...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach