EL GOUZI: «HO FINITO IL 2022 IN CRESCENDO. PUNTO A UN BUON 2023 PER RIPAGARE I REVERBERI DELLA FIDUCIA»

INTERVISTA | 01/11/2022 | 08:15
di Luca Galimberti

Dopo tre anni nel mondo delle Continental in cui ha messo in mostra le sue qualità da scalatore, nel 2022   Omar El Gouzi ha fatto il salto nel “ciclismo dei grandi” difendendo i colori della Bardiani CSF Faizanè. Per ripercorrere un po’ la prima stagione alla corte della famiglia Reverberi, tuttobiciweb ha raggiunto telefonicamente il 23enne veronese di origini marocchine nella sua casa di Sega di Cavaion.


Omar, la tua stagione è iniziata a gennaio in Spagna. Sono passati diversi mesi, come valuti la tua annata?  


«È stato bello debuttare a fine gennaio tra i Pro tornando a correre dopo essere stato costretto a concludere il 2021 con tanto anticipo a causa della rottura di due vertebre che ho subito in allenamento. Sono convinto che l’ infortunio abbia condizionato un po’ anche il mio 2022 ma devo ringraziare Bruno e Roberto Reverberi, tutto lo staff della Bardiani CSF Faizanè e il mio preparatore per avermi sempre aiutato e sostenuto. Nell’ultima parte di stagione ho finalmente ritrovato delle buone sensazioni e ho concluso in crescendo».

Quale è stata la gara in cui hai avuto le migliori sensazioni?

«La Coppa Bernocchi. A Legnano ho capito che qualche cosa stava cambiando in meglio e ho preso morale».

Hai corso, concludendoli, anche due Monumenti come Milano – Sanremo e Il Lombardia.

«Due gare importantissime. Non è facile descrivere cosa prova un ragazzo giovane come me partecipando ad appuntamenti come quelli, e neppure spiegare ciò che si prova pedalando vicino a Nibali e Valverde, campionissimi che fino a qualche anno fa ammiravo in televisione».

Un altro momento importante della stagione per il Team Bardiani CSF Faizanè è stato il Campionato Italiano vinto da Zana. Come lo hai vissuto tu?

«All’italiano pensavo di rendere decisamente di più, mi dispiace ma non ero in giornata. Ovviamente la splendida vittoria di Zana ha fatto gioire tutti noi della Bardiani CSF Faizanè: in squadra c’è un clima splendido, siamo molto uniti e anche quel giorno lo abbiamo dimostrato».

Omar, farai parte della Green Project-Bardiani CSF-Faizanè anche il prossimo anno. Cosa speri per il tuo 2023?

«Mi auguro di avere subito buone sensazioni fin da quando riprenderò ad allenarmi tra qualche settimana. L’obiettivo è quello di dimostrare il mio valore ed essere protagonista anche tra i “grandi” come lo sono stato nelle stagioni nei Dilettanti. Voglio ripagare così la fiducia della famiglia Reverberi»

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
DAVIDE REBELLIN ENNESIMA VITTIMA DI OMICIDIO STRADALE Art. 589 Bis Cod. Pen.   Il tragico evento che ha visto vittima il nostro amico Davide ha scosso tutto il mondo del ciclismo, ma non solo, poiché il fatto è stato talmente...


Il programma antidoping dell'UCI, uno dei più completi al mondo, è una priorità per l'UCI e per tutti gli stakeholder del ciclismo. Per aumentare l'indipendenza e la professionalizzazione del suo programma, l'UCI ha delegato tutti gli aspetti operativi antidoping all'ITA...


La carriera dei neoprofessionisti italiani parte dai banchi di scuola, nel ricordo di Davide Rebellin e di Ercole Baldini, presidente ACCPI per due stagioni. Un folto numero di ragazze e ragazzi hanno partecipato all'incontro formativo rivolto ai ciclisti neoprofessionisti e...


È stato individuato il camionista responsabile dell'investimento mortale dell'ex campione di ciclismo Davide Rebellin. Si tratterebbe di un cittadino tedesco di 62 anni, identificato grazie alla collaborazione tra carabinieri e polizia tedesca. Dopo l'incidente, avvenuto l'altro ieri, l'uomo aveva...


Gianni Savio, manager di lungo corso del ciclismo italiano, dedica parole colme di emozione al ricordo di Davide Rebellin: «Provo una tristezza infinita pensando a quanto è successo a Davide Rebellin. Di Davide ricordo il sorriso buono e i modi...


Da oggi è ufficialmente in vigore il nuovo statuto del CPA – Cyclistes Professionnels Associés e per tutti i ciclisti e le cicliste della massima categoria si prospettano novità importanti. Lo scorso 21 novembre l'associazione mondiale dei corridori ha...


Caro Direttore, per chi ama il Ciclismo non possono certo questi definirsi giorni felici. Prima l'omicidio stradale in danno di Davide Rebellin e, dopo poche ore, il Padreterno che si porta via Ercole Baldini. Ce n'è ben a sufficienza per...


48 ore dopo la tragica morte di Davide Rebellin, è ancora complicato farsene una ragione. E lo è ancora di più per chi, come Davide Formolo, ne era amico, collega e compagno di allenamenti. I due vivevano nei pressi di...


Lo staff tecnico azzurro del ciclismo ha reso omaggio alla memoria di Franco Ballerini al cimitero di Casalguidi in provincia di Pistoia, e quindi a casa di Alfredo Martini a Sesto Fiorentino presenti le figlie di Alfredo, Silvia e Milvia....


«Ridurre il numero di vittime della strada si può». Davide Cassani, già ciclista e ct della Nazionale, ha corso con Rebellin. Anche lui fa parte della categoria "mai senza bici": da ex, pedala regolarmente. Curiosamente, deve il suo ritiro dalle...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach