NICOLAS MILESI, UN TALENTO EMERGENTE CHE ARRIVA DALLA MTB

INTERVISTA | 31/10/2022 | 08:07
di Danilo Viganò

Nicolas Milesi è un altro dei nuovi volti che dal prossimo anno seguiremo con la maglia della Colpack Ballan, formazione in cui affronterà il salto dalla categoria juniores agli under 23. Il giovane ciclista bergamasco si diverte e si allena tra le montagne orobiche della Valle Seriana, con diverse pendenze possibili. Abita a Parre a due passi da Clusone, a due passi da Rovetta verso Colle Vareno e il Monte Pora. Ha precedenti in mountain bike e si muove bene con gli sci di fondo, da discesa e di alpinismo.


"Mi sono sempre considerato un ciclista abbastanza completo, ma resta da vedere in futuro che tipo di corridore potrò diventare. Mi difendo bene in salita, un pò meno allo sprint, e non ho paura di lottare nelle cronometro dove vorrei specializarmi ancora di più già a partire dal prossimo anno".

Milesi viene dal mondo del cross country, dove ha ottenuto risultati importanti (un bronzo anche agli Europei giovanili), ma è nelle gare su strada che sta consolidando gradualmente la sua presenza in campo internazionale.
"Con la Ciclistica Trevigliese ci sono stato nei due anni da juniores ed era come stare in famiglia. Personalmente mi ritengo soddisfatto dei risultati ottenuti con questo team che ringrazio per tutto quello che ha fatto per me. A livello internazionale ho preso parte alle migliori corse: ho disputato sia l'europeo che i mondiali su strada, il Trofeo Buffoni, la Parigi-Roubaix e sempre con la maglia azzurra il Trofeo LVM Saarland in Germania. Ma non ho ottenuto una vittoria ed è questo il rammarico più grande".

Milesi è maturato come ciclista nella società MTB Parre. Ha iniziato a pedalare all'età di 7 anni. Un suo amico, aveva qualche esperienza agonistica, e un giorno è salito sul rampichino nel campetto vicino a casa e le sensazioni sono state incredibili.
"L'impatto è stato meraviglioso , molto divertente e molto eccitante", ricorda Nicolas che da quando è stato adottato dalla MTB Parre ha continuato sui percorsi sterrati di tutta l'Italia. "Poi la Trevigliese mi ha offerto di correre con loro e l'anno scorso ho conquistato due vittorie e ho iniziato a vedere che mi piace davvero gareggiare su strada".

Vuoi dire che abbandonerai la mountain bike?
"La verità è che ci sto pensando. Quest'anno sono stato più concentrato sulla strada e non è andato affatto male. Ho avuto una stagione coerente e sono finito molte volte tra i primi dieci. Ovviamente ho ancora tutto da dimostrare ma la risposta avuta in questi due anni è eloquente. E' una grande opportunità correre per la Colpack Ballan per diventare un giorno un professionista".

Ti sei diplomato geometra e affronterai quello che sarà il tuo primo anno dedicato esclusivamente al ciclismo nel 2023. Cosa ti aspetti?
"La possibilità di iniziare a studiare all'Università è sempre aperta, ma prima voglio prendermi il mio tempo e capire dove posso arrivare con il ciclismo. Sono consapevole delle difficoltà e anche della dinamica che comporta il salto di categoria. Personalmente ritengo che due anni tra gli under 23 sono necessari per capire e crescere".


LA SCHEDA
Nicolas Milesi è nato a Clusone il 22 luglio 2004  e risiede a Parre in provincia di Bergamo. Abita con il padre Giovanni, muratore, e la madre Ambra che è nell'Amministrazione della ATS. E' il maggiore di tre fratelli: il più piccolo, Davide è un ciclista, mentre Filippo fa atletica leggera. Nicolas viene dalla mountain bike e ha iniziato da G1 con la MTB Parre. L'anno scorso ha esordito con gli juniores della Ciclistica Trevigliese ottenendo due successi: nella gara di casa a Clusone e sul traguardo di Arcore. Una settimana dopo il trionfo in Brianza ha avuto un grave incidente in allenamento procurandosi la frattura di 4 vertebre della schiena, due del collo, della calvicola e delle costole. In questo 2022 si è laureato Campione Europeo di Mtb nel Team Relay ad Anadia in Portogallo, mentre su strada è giunto terzo al tricolore crono e su strada, al Trofeo Buffoni e alla Treviglio-Bracca. Nella prova contro il tempo degli Europei è arrivato sesto, e al mondiale australiano tredicesimo. Ha corso il Trofeo LVM Saarland in Germania e il Gran Premio Ruebliland in Svizzera. Durante l'estate si è preso una breve parentesi partecipando al tricolore di Cross Country di Val Casies (Bolzano) dove si è classificato in quarta posizione. E' seguito da Luca Quinti lo stesso preparatore di Fausto Masnada e Lorenzo Rota, e dai procuratori Giuseppe Acquadro e Omar Piscina.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
DAVIDE REBELLIN ENNESIMA VITTIMA DI OMICIDIO STRADALE Art. 589 Bis Cod. Pen.   Il tragico evento che ha visto vittima il nostro amico Davide ha scosso tutto il mondo del ciclismo, ma non solo, poiché il fatto è stato talmente...


Il programma antidoping dell'UCI, uno dei più completi al mondo, è una priorità per l'UCI e per tutti gli stakeholder del ciclismo. Per aumentare l'indipendenza e la professionalizzazione del suo programma, l'UCI ha delegato tutti gli aspetti operativi antidoping all'ITA...


La carriera dei neoprofessionisti italiani parte dai banchi di scuola, nel ricordo di Davide Rebellin e di Ercole Baldini, presidente ACCPI per due stagioni. Un folto numero di ragazze e ragazzi hanno partecipato all'incontro formativo rivolto ai ciclisti neoprofessionisti e...


È stato individuato il camionista responsabile dell'investimento mortale dell'ex campione di ciclismo Davide Rebellin. Si tratterebbe di un cittadino tedesco di 62 anni, identificato grazie alla collaborazione tra carabinieri e polizia tedesca. Dopo l'incidente, avvenuto l'altro ieri, l'uomo aveva...


Gianni Savio, manager di lungo corso del ciclismo italiano, dedica parole colme di emozione al ricordo di Davide Rebellin: «Provo una tristezza infinita pensando a quanto è successo a Davide Rebellin. Di Davide ricordo il sorriso buono e i modi...


Da oggi è ufficialmente in vigore il nuovo statuto del CPA – Cyclistes Professionnels Associés e per tutti i ciclisti e le cicliste della massima categoria si prospettano novità importanti. Lo scorso 21 novembre l'associazione mondiale dei corridori ha...


Caro Direttore, per chi ama il Ciclismo non possono certo questi definirsi giorni felici. Prima l'omicidio stradale in danno di Davide Rebellin e, dopo poche ore, il Padreterno che si porta via Ercole Baldini. Ce n'è ben a sufficienza per...


48 ore dopo la tragica morte di Davide Rebellin, è ancora complicato farsene una ragione. E lo è ancora di più per chi, come Davide Formolo, ne era amico, collega e compagno di allenamenti. I due vivevano nei pressi di...


Lo staff tecnico azzurro del ciclismo ha reso omaggio alla memoria di Franco Ballerini al cimitero di Casalguidi in provincia di Pistoia, e quindi a casa di Alfredo Martini a Sesto Fiorentino presenti le figlie di Alfredo, Silvia e Milvia....


«Ridurre il numero di vittime della strada si può». Davide Cassani, già ciclista e ct della Nazionale, ha corso con Rebellin. Anche lui fa parte della categoria "mai senza bici": da ex, pedala regolarmente. Curiosamente, deve il suo ritiro dalle...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach