I VOTI DI STAGI. CARAPAZ TRIPLETTA DA CAMPIONE, EVENEPOEL LACRIME D'ORO

I VOTI DEL DIRETTORE | 10/09/2022 | 18:36
di Pier Augusto Stagi

Richard CARAPAZ. 10 e lode. È un cecchino micidiale, un sontuoso opportunista, capace di leggere le corse come pochi e nessuno. Due scatti due: il primo per andare via, il secondo nel finale per scrollarsi di dosso Higuita. Non si agita, non va in ambasce, sa il fatto suo e fa sua la terza tappa di questa Vuelta. Olé!


 


Thymen ARESMAN. 9. È un grande corridore, non solo per via della sua stazza, per via dei suoi 192 centimetri, ma perché ha talento, tenuta e recupero. Va forte in montagna, va forte contro il tempo. Insomma, ha tutto.

 

Juan AYUSO. 9. Faremo i conti anche con questo nuovo prodigio del pedale che a soli 19 anni sale sul podio del suo primo Grande Giro della carriera. Era qui per imparare, per provare e testarsi, per alcuni era prematuro, al limite della follia, lui ha risposto a tutti, nell’unico modo che hanno i campioni: con le gambe.

 

Remco EVENEPOEL. 10 e lode. Che la fiesta cominci, per questo ragazzo e per quelli che con lui hanno costruito questo successo. A 22 anni fa suo il Giro di Spagna, primo belga dopo 44 anni, il settimo della storia a vincere la corsa a tappe spagnola. A soli 22 anni conta già 36 vittorie in carriera, numeri di capogiro, da capogruppo, da capopopolo, per un predestinato del pedale, che si aggiunge a questa schiera di “nati pronti”, di ragazzi rampanti che non temono i confronti e gli scontri. Beata gioventù, beati noi che ce li godiamo. Beati i belgi che hanno lui e non solo. Piange a dirotto dopo il traguardo. Piange lacrime di gioia. Piange lacrime d’oro, il bimbo.

 

Enric MAS. 7. Il primo scatto a 40 km dal traguardo, per provare la gamba, per provare quella di Remco. Per provare, non si sa bene che cosa. Se vuoi provare a vincere la Vuelta devi tentare il tutto per tutto, non sull’ultima salita, ma su quella precedente. Dà sempre l’impressione di pedalare molto bene, di avere grandi intenzioni, poi tutto resta nelle intenzioni.

 

Louis MEINTJES. 7. Prova a vincere la tappa e a carpire il 10° posto che però resta a Hindley. Ci prova, e non è poco.

Sergio HIGUITA. 7. Lotta fino alla fine, fin quando si deve arrendere allo strapotere di Carapaz.

 

Thibaut PINOT. 5. Ha l’occasione per dare senso ad una Vuelta anonima, ma la perde.

 

Mikel LANDA. 5. Potrebbe fare tante cose, perché il talento c’è e si vede, ma lui ormai gioca solo a nascondersi.

 

Miguel ANGEL LOPEZ. 5,5. La squadra fa tutto il necessario per metterlo nelle condizioni migliori, ma la sua condizione è questa qui.

 

Robert STANNARD. 6. Il corridore dell’Alpecin attacca immediatamente. È suo il primo attacco di giornata. Il primo, dopo pochi metri.

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Bravo Remco
10 settembre 2022 19:06 GianEnri
Grande Remco, un grandissimo campione, dovremmo solo ammirarlo per lo spettacolo che ci regala! Ora lo so, i grandi esperti dei social scriveranno che il percorso non era abbastanza duro, avversari forti non ne aveva e il più temibile è caduto, fortunato de la tempo sempre bello e chi ne ha più ne metta! Grazie Remco

Sorprese
10 settembre 2022 19:21 Albertone
Come ogni anno la Vuelta regala sorprese. Aresman e Ayuso, non li avrebbe quotati nessuno al via. Landa e Lopez sono semplicemente incommentabili. Sia per modo di correre, sia per le potenzialita' ( inespresse ) che hanno e non tirano mai fuori al 100%.

ayuso
10 settembre 2022 19:24 mandcu
Ayuso è un 2002.... Bernal è del 1997 e in confronto è ormai quasi un anziano (ironico...)... Bernal, Evenepoel, Pogacar, Vingegaard, Hindley, forse non abbiamo mai assistito ad una dream generation di questo calibro.
Lasciamo perdere Froome che ormai il quinti sigillo può solo sognarlo la notte ma questi ragazzotti stanno finendo le carriere di Landa, Pinot, ecc..

Vuelta
10 settembre 2022 20:53 fransoli
ci ha detto che Evenepoel è anche ciclista da grandi giri (solo un giorno di difficoltà in tre settimane ci può stare) e ha ancora margine, non so se se sia al livello dei migliori in salita, ancora credo di no, ma attenzione che se al Tour dovessero riproporre molti chilometri a cronometro sarebbe già domani un osso duro per tutti.. ci ha detto che la Spagna che ultimamente stava latitando ha trovato di un botto due corridori come Ayuso (fenomeno) e Carlos Rodriguez in grado di raccogliere l'eredità di Valverde... Aresman un altro alteta completo da tenere d'occhio... per l'Italia buio pesto, ma non è una novità, continuino pure a dirci che va tutto bene (senza Colbrelli anche per le classiche siamo a 0)

mah..
10 settembre 2022 21:00 ConteGazza
ricordi a tutti gli ultimi vincitori del giro di Spagna: Horner, Aru, Simon Yates, Roglic, tutta gente che dopo non ha vinto nè Giro nè Tour perchè sono altra cosa rispetto a una Vuelta dài. Quindi vedremo il buon Remco..

Vittoria
10 settembre 2022 21:01 italia
Per me remco avra' vinto la Vuelta non oggi m quando tagliera' domani la linea del traguardo.

@ mandcu
10 settembre 2022 21:21 Thedoctorbike
Analisi perfetta. C'e' tanto materiale umano per i prossimi giri.
Sara' bello.
P.s. Landa, per il quale ho sempre tifato, e' sempre piu' avviato a un maliconico tramonto. Peccato

Conte Gazza
10 settembre 2022 23:25 Buzz66
Sinceramente, pensi che Roglic avrebbe problemi a vincere il Giro???
Dai su, non scherziamo…lo hanno vinto Hindley e Geoghan Hart…di cosa stiamo parlando? Non lo ha vinto perché non è più venuto

Vittoria,non trionfo
10 settembre 2022 23:55 pickett
Ha mostrato preoccupanti debolezze già al termine della seconda settimana.La terza settimana non proponeva salite selettive(Escartin 4)e il belga se l'é cavata senza patemi.Personalmente ho molti dubbi sulla sua foratura nella tappa di martedì.Per essere chiaro,mi é parsa una riprovevole furbata,che me lo ha reso antipatico.Il Tour se lo sogna di notte.

Io
10 settembre 2022 23:59 Bicio2702
aspetterei a dire che Evenepoel è già nel circus dei campioni dei Grandi Giri a tappe.
La prova del 9 la si fa al Tour con tutti i migliori del mondo e cono stress dei Tour, unico al mondo. Se arriverà nei primi 3 allora possiamo brindare

Ha vinto al secondo GT
11 settembre 2022 06:33 michele79
a cui ha preso parte, altrimenti il primo se non consideriamo il Giro 2021 corso e non finito come prima gara dopo 9 mesi fermo. Mi sembra un buon biglietto da visita. Poi certo i suoi limiti li scopriremo meglio in GT con terza settimana non insulsa come questa.

Vero campione
11 settembre 2022 07:17 MA2022
REMCO nei prossimi anni vincerà tanti Tour tanti Giri e tante Vuelte,Remco è già superiore a tutti!!!!!!!!!!!!!!! FORZA REMCO!!!!!!!

Mah
11 settembre 2022 07:31 Ruggero
Tour o non Tour, mettere in discussione Evenepoel e pura follia, non è che se non vinci il Tour non sei un fuoriclasse, non scherziamo, l'avessimo noi......... che oramai possiamo solo fare i siparietti al Concerto di Jovanotti

Nibali?
11 settembre 2022 08:39 uybello79
Era in corsa?

Pickett
11 settembre 2022 08:46 Buzz66
Una furbata, perché? Temeva di perdere gli otto secondi da Roglic?
Dai su…non scherziamo neanche…

yubello79
11 settembre 2022 13:09 maxlrose
si,era in corsa Nibali . Il vincitore della triplice corona e svariate classiche . Ha lavorato da gregario per il bluff Lopez,e lo ha fatto egregiamente. Gli è mancato l'acuto? e va beh,gli annali non se ne ricorderanno...

@ bicio 72
11 settembre 2022 16:02 Àaaaaaa
L'hai detta giusta. Questo ragazzo è un gran campione, ma attendiamo prima di mettere su la coroncina di reuccio.
Negli ultimi anni di meteore da 1 giro (poi evaporati) è pieno : Cunego, Aru, Cobo, Horner,Tao Geoghegan Hart , solo per citarne alcuni

Buzz
11 settembre 2022 16:48 pickett
Di secondi rischiava di perderne molti di più,in quel finale caotico.Non si aspettava quell'attacco,chiaramente é rimasto sorpreso.E se anche i secondi fossero stati solo 8,visto l'esiguo vantaggio e l'inerzia della Vuelta chiaramente a favore di Roglic,potevano pesare moltissimo.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
La prima corsa del 2024 per Primoz Roglic sarà in Francia, quando il 3 marzo lo vedremo al via della Parigi-Nizza. La stagione dello sloveno proseguirà poi con i Paesi Baschi e poi il Giro del Delfinato, prima di volare...


Alla presentazione degli eventi primaverili RCS la scorsa settimana c'era pure Moreno Moser, vincitore nel 2013 della Strade Bianche. Dalla corsa senese giovane ma già mitica, e rinnovata quest'anno con doppio circuito finale e distanza complessiva di 215 chilometri, parte...


Il mese di marzo è alle porte e si comincia a sentire profuno di primavera, almeno per quel che riguarda il ciclismo. E la primavera, come preambolo alle grandi classiche, porta con sé l'appuntameto con le prime gare a tappe...


Q36.5 introduce Elemental: la nuova collezione per la primavera e l’estate del 2024. La nuova collezione si compone di due linee capisaldo del marchio bolzanino: Dottore Pro e Gregarius Pro. Nei prodotti Dottore Pro, Q36.5 utilizza un tessuto tridimensionale caratterizzato da un tempo di asciugatura più...


La Coppa San Geo che si corre sabato 24 febbraio con partenza da Ponte San Marco e arrivo a San Felice del Benaco, fin dalla sua prima edizione è stata seguita, descritta, corteggiata e vinta da giornalisti e corridori che...


Il più giovane della squadra è il lucchese Pini che compirà 19 anni il 7 marzo prossimo; quello con la maggiore età invece Senesi classe 2002. E’ una squadra giovane, tutta di under 23 la lucchese Gragnano Sporting Club-La Seggiola,...


“Aspettando…… il Tour de France” che partirà da Firenze il 29 giugno, arriva sabato prossimo la Firenze-Empoli, la classica promossa dai compianti Paolo Marcucci e Renzo Maltinti nel 1988 e che da allora apre in Toscana la stagione dei dilettanti....


Oggi, 14 anni fa, morì Vanni Pettenella. Grazie al Comune di Milano, e in particolare al Municipio 9, ho dato parole e voce a questo podcast sulla vita e i miracoli di un pistard geniale e semplice. A ricordo di...


La tappa più dura del Tour du Rwanda arriva già al terzo giorno su otto: sette Gran Premi della Montagna in 140 chilometri a premiare il giusto mix di tenuta e potenza. Un tragitto da Huye a Rusizi che premia...


In un ciclismo amatoriale che oggi sembra trasformato, continua a crescere la passione per il Gravel, del resto è piuttosto evidente che i nuovi appassionati si moltiplichino alla velocità della luce e con loro le manifestazioni dedicate in tutta la...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi