IL DOPPIO PROGETTO DELLA ISRAEL PREMIER TECH: VINCERE SU STRADA E NELLA SOLIDARIETA'

TOUR DE FRANCE | 01/07/2022 | 08:14
di Francesca Monzone

Correre per vincere e al tempo stesso per donare un’opportunità importante ai giovani del Ruanda. Questa è l’idea della Israel-Premier Tech, che a Copenaghen si è presentata con una maglia veramente speciale. La parola è stata presa immediatamente da Sylvan Adams, uno dei proprietari del team, che ha voluto spiegare il significato della maglia che ha indossato con la scritta “Racing for Change”.


«Questa non  è solo un’idea - ha spiegato Adams - ma un sogno che grazie al contributo di tante persone può diventare realtà. Come ho spesso affermato, Israel-Premier Tech è più di una squadra di ciclismo e il nostro intento è quello di costruire delle infrastrutture in Africa, che permetteranno a 120.000 giovanissimi tra 6 e i 18 correre in bici e avere un’istruzione».


Le immagini di Aline Uwera, la testimonial di questo progetto che grazie alla Israel-Premier Tech è divenatata una ciclista, sono state trasmesse durante la conferenza e hanno riassunto quanto la Israel-Premier Tech ha fatto in Ruanda nella provincia di Bugesera. «Vogliamo dimostrare come la Israel-Premier Tech sia molto più di una squadra di ciclismo – ha continuato Adams –. Il nostro intento è quello di vincere a 360°, perché grazie alle vittorie nelle corse anche il progetto “The Field of Dreams”, parte integrante di “Racing for Change”, avrà maggiore visibilità e successo».

Il centro sorgerà non lontano dalla zona dove, negli anni Novanta, ci fu uno dei più cruenti genocidi della storia dell’Africa. Con la maglia “Racing for Change”, c’erano anche Chris Froome, Jakob Fuglsang e Michael Woods che hanno risposto a domande sul Tour.

Chris Froome inizierà oggi il suo decimo Tour de France e il quattro volte vincitore della Grande Boucle sembra avvicinarsi poco a poco al suo livello migliore dopo la caduta del 2019 al Delfinato. «Riprendermi da quella brutta caduta è stato un grande traguardo – ha detto Froome - È stato solo negli ultimi mesi, durante la preparazione per il Tour, che mi sono finalmente sentito libero da qualsiasi problema. Non vedo l'ora di sfruttare ogni opportunità e vedere dove mi porteranno le gambe». Froome senza dubbio è uno dei corridori più vittoriosi del Tour de France e sa perfettamente, come le montagne siano determinanti per vincere la corsa gialla.

«Negli ultimi 12 mesi ho superato parecchi ostacoli, ma sento che durante questo periodo ininterrotto da gennaio ad oggi, tutto è stato su una linea ascendente. È un po' un'incognita sapere dove sono in questo momento. Il vero banco di prova per me sarà in montagna».  

Commosso Fuglsang ha spiegato come sia emozionante per lui correre sulle strade di casa, con il pubblico che fa il tifo. «Naturalmente il mio obiettivo è quello di vincere una tappa in questo Tour de France e per me sarebbe ancora più bello se riuscissi a vincere sulle strade di casa. La concorrenza è alta ma noi siamo qui per fare bene e mi piacerebbe regalare al mio Paese una vittoria sulle nostre strade».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Silvia Zanardi continua la sua bellissima parabola di crescita e conquista una splendida medaglia d'argento nella corsa a punti. La prova è stata letteralmente dominata dalla belga Lotte Kopecky, campionessa mondiale della specialità, che ha fatto il bello e il...


Arrivo in parata per Antonio Carvalho e Frederico Figueiredo (Glassdrive) nella nona tappa della Volta ao Portugal che si è conclusa a Nuestra Señora de Gracia. La Glassdrive prosegue il suo dominio: domani Figueiredo e il suo compagno di squadra...


Andreas Leknessund è l'assoluto protagonista dell' ultima tappa del Arctic Race of Norway 2022 disputata con partenza ed arrivo a Trondheim. Il 23enne norvegese del Team DSM ha vinto la quarta frazione della corsa "artica" davanti a Nicola Conci (Alpecin-Deceuninck) e- Axel...


Lorenzo Rota ha sfiorato un altro successo: il bergamascod ella Intermarché Wanty Gobert ha chiuso infatti al secondo posto la 42a edizione de la Polynormande, disputata da Avranches a Saint-Martin-de-Landelles per 170 km. A vincere lo sprint ristretto è stata...


Vittoria di peso per Nicolò Buratti. Il friuliano, del Cycling Team Friuli, va a segno nel 46simo Gran Premio Sportivi di Poggiana Riese Pio X internazionale per la categoria under 23 dove supera in volata i compagni di fuga Federico...


Elia Viviani non lascia, ma raddoppia: dopo aver gareggiato su strada a Monaco ed essere giunto 7° nella gara vinta da Fabio Jakobsen, sarà in serata al via della gara su pista ad Eliminazione (alle ore 20:00). L'azzurro ha raggiunto...


l campione italiano Juniores Dario Igor Belletta vince il 5° Trofeo Danilo Fiorina a.m. prova del Criterium 648. Il milanese della GB Team – Pool Cantù ha superato, nello sprint conclusivo in salita sul pavé del centro storico, il bergamasco Nicolò Arrighetti (Gs Massì Supermercati) e...


Fabio JAKOBSEN. 10 e lode. Il miracolato si prende quello che tutti erano pronti a dargli fin dalla vigilia. Vince da assoluto favorito, con una squadra che non sbaglia una mossa. Si piazza lì nel finale e controlla a velocità...


Daniele Bennati, all’esordio da ct, commenta così la prova della nazionale all’Europeo di Monaco di Baviera: «Sapevamo che era molto difficile, ma sono molto contento di come hanno corso i ragazzi. Sapevamo che non dovevamo sbagliare niente per combattere con...


Elia Viviani è noto per l alucidità e anche a caldo analizza con precisione la corsa degli azzurri: «Abbiamo preso bene l’inversione della corsa all'ultimo chilometro, avevamo i numeri giusti ma li abbiamo sfruttati un po’ male. Guarnieri ha visto...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach