SOMMESSA PROPOSTA: IL GIRO PORTI NIBALI SUL PALCO DELL’ARENA

GATTI&MISFATTI | 27/05/2022 | 18:14
di Cristiano Gatti

Va bene, non c'è bisogno che ce lo ripetano: bisogna aspettare domani. Temo ce lo diranno anche domenica sera. Il copione è rigido, si recita a gettone, ogni giorno: “Domani ne vedremo delle belle” (quest'anno hanno riesumato anche questa antica espressione che sembrava sepolta tra i fossili lessicali). Telecronisti, tecnici, diesse: domani ne vedremo delle belle.


Sai che c'è? Belle o brutte che siano, domani dovremo vederne davvero, una volta per tutte, perchè c'è la Marmolada e soprattutto perchè poi con le montagne abbiamo chiuso. Si va alla minicrono di Verona, poi eventualmente come dice il direttore Stagi con felice ironia resta solo la monetina.


Anche dopo la temibile e temuta tappona italo-slovena, sempre lì siamo: un'altra fuga che arriva in fondo (come dimenticare i Giri in cui i fuggitivi venivano immancabilmente asfaltati nei finali dai migliori della classifica), epilogo allo sprint (con tanto di lungo e surreale simil-surplace tra i cinque fuggitivi sull'ultima salita), neanche stavolta la vittoria di un big (siamo fermi all'unico centro di Hindley sul Blockhaus, comunque in volata).

Quanto al simpatico trio d'alta classifica, Carapaz-Hindley-Landa, ancora una volta procede affiatato e indissolubile, come Aldo-Giovanni-Giacomo, in qualche momento con la stessa comicità: gli scattini e gli allunghini che ancora propongono negli ultimissimi metri della gara non possono essere considerati una cosa seria, proprio per niente. Dopo tutto, la cosa più seria resta lo sprint finale di Carapaz, comunque un minuscolo segnale di buona salute. E fine.

In tutto questo, noi italici possiamo consolarci ancora una volta con l'incrollabile Vincenzo, che alla soglia dei 38 anni combatte imperterrito fino all'ultima goccia di energia, meritandosi chilometro dopo chilometro il quarto posto che non costringe l'Italia a nascondersi tra i rossori dell'imbarazzo.

E allora, e allora. Comunque vada a finire sulla Marmolada, questo suo modo così dignitoso e così decoroso di salutare il Giro non può passare sotto silenzio. Se al Giro comandassi io, non avrei esitazioni: domenica pomeriggio, troverei un minuto per inserire nel magnifico cerimoniale dell'Arena il saluto fuoriprogramma al campione, a questo campione particolare, che il Giro l'ha sempre amato e onorato, che il Giro l'ha vinto due volte, che il Giro l'ha comunque sempre guardato dal podio, che l'ultimo Giro l'ha corso a questo modo.

Si può fare? Troppo stravagante l'idea? Impensabile sovvertire così la procedura? Per quanto mi riguarda, anche il protocollo più rigido può e deve prevedere sempre un'eccezione. Nibali, questo Nibali finale, se la merita tutta. Dipende solo se pesa più la sensibilità degli uomini o la formalità delle cerimonie.

In ogni caso, qualunque decisione venga presa, fosse anche un che cavolo ti viene in mente, grazie dell'interessamento. E amici come prima.

Copyright © TBW
COMMENTI
guarnieri & co
27 maggio 2022 18:44 alerossi
cosa diranno per difendersi ora i vari corridori che sostengono lo spettacolo? lo spettacolo c'è stato nelle tappe per attaccanti, ma in quelle di salita. sempre più noia. oggi si è toccato l'apice: i 5 davanti che negli ultimi 7Km sono andati avanti a guardarsi come fossimo nell'ultimo Km di un arrivo piatto. i big che fanno finti scatti negli ultimi 2Km. ora lo si può dire: in salita (e ripeto solo in salita) il giro con la qualità più scarsa della storia.

alerossin
27 maggio 2022 18:53 maxlrose
poi mi spieghi cosa centra il tuo commento con la semi-seria proposta di portare Nibali sul podio ...per lamentarti di tutto e tutti ci sono altri articoli piu consoni alle tue fisime....

Poco spettacolo anche perchè...
27 maggio 2022 20:05 Notorious
mezzo parterre se n'è andato, l'unico BIG rimasto è carapaz che sta vincendo un giro quasi senza squadra, gli altri 2 non riescono a staccarlo manco con 2 squadroni, ci fosse stata una cronometro in più...

Portiamo
27 maggio 2022 20:20 Carbonio67
Portiamo in blocco la squadra dei proclami, assieme a Nibali.

Alerossi
27 maggio 2022 20:21 Ale1960
Solidale con te e con la PRIMA parte dell'articolo di Gatti,che probabilmente qualcuno non ha letto... Il giro più squallido di sempre! La mediocrità assoluta! Per quanto riguarda Nibali, se lo meriterebbe un fuori programma sul palco delle premiazioni. Ma non penso sia possibile.

Record
27 maggio 2022 22:08 PaoloM
Ma lo sapete che l'altro giorno hanno battuto un record di ascesa di Pantani?
Ma che Giro guardate?

E poi quando tutte le fughe erano controllate (da team Sky o squadre velocisti) polemiche per uso radio, ciclismo pilotato eccetera... Ora che le fughe arrivano: no non va bene nemmeno quello!

Nibali
27 maggio 2022 22:10 PaoloM
In merito alla proposta Nibali, sembra un'idea abbastanza ovvia. Mi stupirei se gli organizzatori non ci abbiano già pensato. È pratica comune in molti sport (e non solo) premiare qualcuno a fine di una gloriosa carriera.

Lo ripeto ancora
27 maggio 2022 22:21 PaoloDgs
Qui sono tutti Eddy Merckx dietro la tastiera... In un giro d'Italia corso a tutta manetta sempre e comunque come questo, non avrebbero neanche concluso una tappa in discesa stando dentro al tempo massimo... Maledetta fu la libertà di parola...

@PaoloM
27 maggio 2022 22:38 mandcu
Un record di un Pantani giovanissimo, non stiamo parlando dei record mutanti 1997-1998-1999.

L'unica tappa che si salva è quella di Torino.

Gatti,fammi capire
27 maggio 2022 23:31 pickett
Nibali andrebbe premiato per essersi fatto battere da Aldo-Giovanni e Giacomo?Mi pare che lei si contraddica un po'.Come mai non li ha stracciati tutti,se sono così ridicoli?

Nibali sul podio
27 maggio 2022 23:34 Hal3Al
mi sembra l'omaggio minimo al nostro campione.

Vincenzo Nibali
28 maggio 2022 00:02 apprendista passista
D'accordissimo su un...fuori programma con questo fenomeno sul palco delle premiazioni, Ma...e se ci arrivasse per (almeno) terzo? E' una ipotesi cosi peregrina? Se uno dei tre domani molla qualcosa alla crono di dopodomani (benchè corta) potrebbe dire la sua...

Acredine
28 maggio 2022 00:55 Loipkio
Provo grande simpatia per i 3 distinti (ottimi?) corridori che si stanno contendendo il Giro, rispettati a livello internazionale. Unica sfortuna: equivalersi.
Rimpiango le giornate in cui spadroneggiavano al Giro solo corridori italici di cui venivano magnificate le gesta, seppure di un livello decisamente più basso (Pietro C? Marzio B? Eddy M?).
Io sto con il sig. Jacopo G che spiega ciclismo al popolo da quando aveva 16 anni. Spero umilmente di potergli offrire uno spritz al tramonto.

Info
28 maggio 2022 01:27 Loipkio
P.S. Sfortunatamente è ora di farsene una ragione che il nostro immenso Vincenzo Nibali (idolo sempre e comunque) non è più in classifica dal 10 maggio (oggi è il 27 maggio)

mandcu
28 maggio 2022 04:19 PaoloM
Vero. 1994, 3'30" davanti a Miguel Indurain...

https://lanternerouge.com.au/2022/05/24/carapaz-keeps-maglia-rosa-doing-his-best-watts-giro-ditalia-stage-16/

NIBALI
28 maggio 2022 07:54 Eiger
Grazie Nibali !!!!

Vengo questo Grazie lo deve assolutamente a Nibali.
Al diavolo il protocollo e altre amenità.

PaoloDgs
28 maggio 2022 08:53 Ale1960
Sono le persone come te,alle quali dovrebbe essere tolta la libertà di esprimersi. Quelli che sono convinti che la loro opinione è sacrosanta e invece quella di chi la pensa in maniera diversa è inconcepibile... Ripeto questo giro è il più noioso che abbia mai visto! E siamo davvero in tanti a pensarla così. Rispetta le opinioni altrui e rilassati.

Mai
28 maggio 2022 09:28 Il serpente
Ma cosa ha' attaccato dietro la bici nibali, un carretto che lo frena così evidentemente!!! Non và avanti!!!

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Nella giornata più difficile per la Jumbo-Visma, Primož Roglič ancora una volta è stato il corridore che ha dovuto pagare il conto più alto. Lo sloveno è finito a terra insieme a Caleb Ewan, a causa di una balla di...


Simon Clarke ha realizzato il suo sogno. L’australiano della Israel-Premier Tech, che lo scorso inverno era ancora senza contratto ed è tormatoin sella grazie alla fiducia che gli è stata data dal suo nuovo team, ha realizzato il suo sogno...


Tadej Pogačar è stato ancoa una volta il migliore fra gli uomini di classifica e archivia con un sorriso la temutissima tappa del pavé: «Temevo tutti i pericoli che oggi potevano accadere, ho sentito parlare della caduta nel gruppo ma...


Simon CLARKE. 10 e lode. Il 35enne australiano fa vedere a tutti come fa un ciclista finito per la fatica a vincere con quel poco e con quel tutto che gli rimane. Colpo di reni, colpo di mano, colpo d’occhio,...


«Bisogna conoscere il pavé» vale per tutti: corridori, pubblico e addetti ai lavori. Detto che oggi al Tour ne abbiamo viste di tutti i colori - quello che forse le telecamere non mostrano alla Roubaix perché concentrate solo sui battistrada...


Incredibile Primož Roglič! Lo sloveno della Jumbo Visma si è lussato una spalla nella caduta di cui è stato vittima e se l'è rimessa a posto da solo, prima di ripartire. «Una moto staffetta ha colpito una una balla di...


Spettacolo e risultati clamorosi ci si attendeva dalla tappa del pavé: non siamo stati delusi. C'è un vincitore di tappa che è Simon Clarke che batte al fotofinish Taco van der Hoorn, c'è un vincitore di giornata per quanto riguarda...


Ancora Vos, è la trentaduesima volta per l’olandese nella corsa rosa: 32 successi al Giro in una carriera costellata di successi. Appena qualche giorno fa la “cannibale” aveva sbaragliato la concorrenza con una volata incredibile ad Olbia, con tanta emozione...


Silvia Persico l’aveva sognata, sperata e anche studiata per bene. Oggi si arrivava a “Berghem” la sua città, una piccola capitale e centro di una tradizione che solo la gente che è cresciuta qui può veramente capire. La portacolori del...


Si è spento nella giornata di ieri Gedeone Rebellin, papà di davide, il corridore più esperto del gruppo professionistico. Era statp lui, grande appassionato di ciclismo, a mettere in sella il figlio: Davide racconta infatti che «Da bambino papà Gedeone...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach