GIRO D'ITALIA. YATES SI ARRENDE PER I PROBLEMI AL GINOCCHIO

GIRO D'ITALIA | 25/05/2022 | 16:57
di Giorgia Monguzzi

Nella tappa spettacolare da Ponte Di Legno Lavarone Simon Yates è stato costretto ad alzare bandiera bianca dicendo addio definitivo alla corsa rosa. Il britannico del team Bike Exchange si era presentato al giro con l'obiettivo di trionfare finalmente nella generale, alla vigilia della partenza da Budapest era sicuramente uno degli uomini più attesi, ma purtroppo dei problemi fisici lo hanno fatto saltare sin dalle prime asperità. La vittoria nella cronometro individuale della seconda tappa aveva acceso le speranze dei suoi tifosi, una prova contro il tempo magistralmente dominata rifilando addirittura minuti ai suoi diretti avversari, ma questo non è bastato per sconfiggere l'imminente sfortuna.


I problemi di Yates sono iniziati con il ritentro in Italia, nella quarta tappa con arrivo sull'Etna il britannico è caduto proprio nelle fasi iniziali pestando il ginocchio che da quel momento non ha mai smesso di dargli problemi. La caduta definitiva era arrivata alcuni giorni dopo sul Blockhaus dove, impossibilitato a mantenere la sua solita posizione in salita era andato letteralmente in crisi ritrovandosi a pagare oltre 11 minuti di ritardo da Carapaz e da tutta la compagnia, in pratica un tonfo da cui non avrebbe potuto pià risalire. Eppure il britannico a reagire ha provato eccome, è stato uno dei protagonisti della seconda settimana del Giro tra attacchi da lontano e addirittura una vittoria spettacolare a Torino che aveva fatto veramente sperare in una sua ripresa. «Al Blockhaus è stato un inferno, il dolore al ginocchio mi impediva di pedalare bene, terribile. Ora però sento di essermi ripreso, finlmente riesco a stare bene in bici e devo dire che sono in una buona forma» aveva dichiarato Simon Yates subito dopo la vittoria di Torino, un risultato che era arrivato anche grazie al prezioso aiuto dello staff medico della Bike Exchange, sempre al suo fianco. 


Il problema al ginocchio di Yates, più precisamente un edema della spongiosa ossea della rotula, si è pià rivelato più complicato del previsto e così, il britannico ha definitivamente alzato bandiera bianca ancora prima di intraprendere le salite più difficili della tappa odierna. Per lui ora l'importante è sottoporsi ad un attento reucpero onde aggravare la situazione e passo dopo passo rimettersi in forma in vista delle prossime gare.

 

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Si ma.....
26 maggio 2022 00:45 Franco P.
Ha avuto il tempo bel frattempo di staccare tutti i big e vincere a Torino. Questi dolori vanno e vengono a quanto pare.......

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Nella giornata più difficile per la Jumbo-Visma, Primož Roglič ancora una volta è stato il corridore che ha dovuto pagare il conto più alto. Lo sloveno è finito a terra insieme a Caleb Ewan, a causa di una balla di...


Simon Clarke ha realizzato il suo sogno. L’australiano della Israel-Premier Tech, che lo scorso inverno era ancora senza contratto ed è tormatoin sella grazie alla fiducia che gli è stata data dal suo nuovo team, ha realizzato il suo sogno...


Tadej Pogačar è stato ancoa una volta il migliore fra gli uomini di classifica e archivia con un sorriso la temutissima tappa del pavé: «Temevo tutti i pericoli che oggi potevano accadere, ho sentito parlare della caduta nel gruppo ma...


Simon CLARKE. 10 e lode. Il 35enne australiano fa vedere a tutti come fa un ciclista finito per la fatica a vincere con quel poco e con quel tutto che gli rimane. Colpo di reni, colpo di mano, colpo d’occhio,...


«Bisogna conoscere il pavé» vale per tutti: corridori, pubblico e addetti ai lavori. Detto che oggi al Tour ne abbiamo viste di tutti i colori - quello che forse le telecamere non mostrano alla Roubaix perché concentrate solo sui battistrada...


Incredibile Primož Roglič! Lo sloveno della Jumbo Visma si è lussato una spalla nella caduta di cui è stato vittima e se l'è rimessa a posto da solo, prima di ripartire. «Una moto staffetta ha colpito una una balla di...


Spettacolo e risultati clamorosi ci si attendeva dalla tappa del pavé: non siamo stati delusi. C'è un vincitore di tappa che è Simon Clarke che batte al fotofinish Taco van der Hoorn, c'è un vincitore di giornata per quanto riguarda...


Ancora Vos, è la trentaduesima volta per l’olandese nella corsa rosa: 32 successi al Giro in una carriera costellata di successi. Appena qualche giorno fa la “cannibale” aveva sbaragliato la concorrenza con una volata incredibile ad Olbia, con tanta emozione...


Silvia Persico l’aveva sognata, sperata e anche studiata per bene. Oggi si arrivava a “Berghem” la sua città, una piccola capitale e centro di una tradizione che solo la gente che è cresciuta qui può veramente capire. La portacolori del...


Si è spento nella giornata di ieri Gedeone Rebellin, papà di davide, il corridore più esperto del gruppo professionistico. Era statp lui, grande appassionato di ciclismo, a mettere in sella il figlio: Davide racconta infatti che «Da bambino papà Gedeone...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach