ALEX TOLIO: «GUARDO E STUDIO NIBALI, SOGNANDO LA STRADE BIANCHE»

INTERVISTA | 02/01/2022 | 08:19
di Carlo Malvestio

Regolarità, costanza, determinazione. Alex Tolio ha basato la sua scalata al professionismo su questi tre fondamenti e tra qualche settimana, al Tour of Antalya e le classiche turche che lo precedono, comincerà ufficialmente la sua avventura nel mondo dei grandi con la maglia della Bardiani-CSF-Faizanè.


Vive a Crespano del Grappa, in provincia di Treviso, ma è nato a Bassano del Grappa, in provincia di Vicenza, quindi si può dire sia mezzo trevigiano e mezzo vicentino: «Anche se vivo nel trevigiano da sempre, mi sento un po' più vicentino, perché sono molte di più le volte in cui mi sposto verso Bassano e Marostica, sia negli allenamenti che nella vita privata. Ho iniziato ad andare in bicicletta che avevo 7 anni, solo per gioco, non avrei mai creduto di andare avanti così tanto, e ancor meno che sarebbe diventato il mio lavoro, sperando possa rimanerlo ancora per molto tempo» racconta Tolio a tuttobiciweb.


Il suo primo e ultimo anno da U23 li ha vissuti alla Zalf Euromobil Fior, inframezzati da una parentesi di un anno alla Casillo-Petroli Firenze-Hopplà, ma è stato proprio il 2021 ad innalzarlo ad alti livelli, con due vittorie di prestigio come la Piccola Sanremo e la Strade Bianche di Romagna. «Il professionismo era l'obiettivo, lo sentivo vicino e sono contento che con pazienza e lavoro ci sono arrivato - spiega il classe 2000 -. Tra gli U23 ho sentito anno dopo anno una crescita graduale, sia fisica che mentale, e credo di passare nel momento giusto, né troppo presto né troppo tardi. Non ho mai fatto il passo più lungo della gamba e spero di poter continuare così anche tra i professionisti. Non ho vinto tantissimo, ma quest'anno i successi sono arrivati nelle corse giuste al momento giusto. La vittoria alla Strade Bianche di Romagna è stata memorabile, sia perché all'arrivo ero esausto dopo una gara estenuante, sia per la soddisfazione e l'orgoglio di essere riuscito a portare a casa una corsa così bella».

Tolio è un corridore che ama le corse dure, siano essere gare di un giorno o corse a tappe. Anche al Giro d’Italia U23 ha dimostrato di avere un motore non indifferente, terminando 11° a un solo secondo di distanza dalla Top 10. «Le soddisfazioni più grandi quest’anno le ho ottenute nelle corse di un giorno, ma al Giro U23 ho dimostrato di poter dire la mia anche nelle corse a tappe – continua Alex, che facendo parte del progetto giovani della Bardiani alternerà l’attività professionistica a quella dilettantistica -. La Top 10 mi è sfuggita per alcuni dettagli, qualche disattenzione e inesperienza, anche se i primi 5 avevano un altro passo in salita e seguirli era quasi impossibile. Da under e junior ho sempre vinto arrivando da solo, in una volata ristretta non arrivo ultimo ma quasi sicuramente nemmeno primo, ed è anche per questo che magari non ho vinto moltissimo».

Sul finale di stagione si è ben disimpegnato anche tra i professionisti: «Grazie alla Zalf abbiamo avuto modo di testarci coi professionisti e, soprattutto nella parte finale dell'anno con Giro di Sicilia, Giro del Veneto e Veneto Classic, mi sono reso conto di non essere così lontano dai livelli richiesti a un buon professionista. Ovviamente dovrò fare un ulteriore step se vorrò emergere, ma poter constatare che il mondo dei sogni non è più così un sogno mi dà molta fiducia».

Grande appassionato di sci alpino – quando può va a San Martino di Castrozza – e di automobilismo, in particolare di rally come suo papà, ha un grande modello di riferimento che il prossimo anno incontrerà anche in gruppo: «Il mio idolo è sempre stato Vincenzo Nibali, quando da bambino uscivo in bicicletta pensavo sempre alle sue azioni e quando l'ho visto vincere ad Asolo, la prima volta che vedevo una corsa dal vivo, ho deciso di prenderlo come modello assoluto. L'anno scorso al Giro di Sicilia è stato emozionante pedalargli a fianco, non gli ho chiesto niente perché sono riservato e non mi piace disturbare, ma magari quest'anno se ce ne sarà l'occasione due chiacchiere le faccio volentieri. La corsa dei sogni? Dopo aver vinto la Strade Bianche di Romagna sogno di fare bene nella mitica Strade Bianche di Siena. Però mi piacerebbe provare a fare qualcosa di buono anche al Giro d'Italia o magari in una corsa a tappe di una settimana come la Tirreno-Adriatico».

 

Intanto, per questo primo anno, si accontenterà di accumulare esperienza e, perché no, provare ad emergere nelle gare U23, come il Giro Giovani che nel 2021 lo aveva visto tra i migliori italiani: «Non mi pongo obiettivi particolari per questo 2022, se non dimostrare a me stesso e a chi ha puntato su di me che la scelta è stata azzeccata e valgo il professionismo».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Partirà da Carpi il “Giro dell’Emilia” 2022, edizione numero 105 di una fra le corse ciclistiche più antiche d’Europa: sabato 1 ottobre, infatti, la città ospiterà il “via!” alla gara, mentre l’arrivo, come tradizione, avverrà a Bologna, sulla salita di...


Egan Bernal affida ai social il suo primo messaggio dopo il terribile incidente in cui è rimasto coinvolto lunedì scorso. «Ho avuto il 95% di possibilità di diventare paraplegico e ho rischiato di perdere la vita facendo ciò che...


Il terzo “round” della Challenge Mallorca 2022 (da Lloseta a  Lloseta)  è di Tim Wellens (Lotto Soudal) che si imposto dopo 158, 9 di corsa avendo la meglio Valverde (Movistar) e  Clarke (Israel-Premier Tech) ripettivamente secondo e terzo al traguardo. LA CORSA...


L'australiano Cyrus Monk è il primo leader del Tour of Sharjah (2.2) in svolgimento negli Emirati Arabi. Il corridore di Melbourne, classe 1996 del team MEIYO CCN Pro Cycling, ha vinto la prima tappa a cronometro individuale che si è...


Con le prove della staffetta (stasera ora italiana 19.30) non valida per l'assegnazione del titolo iridato, iniziano oggi i Campionati del Mondo di Ciclocross 2022 che si concluderanno domenica. La rassegna iridata è in programma nella città di Fayetteville, nello...


Ci saranno anche i migliori dilettanti delle categorie under 23 ed élite italiani domenica 27 febbraio a sfidarsi e a regalare emozioni nella spettacolare e suggestiva cornice dell’Autodromo di Misano Adriatico dedicato a Marco Simoncelli nella nuovissima Misano 100. Un...


Il Presidente della Commissione Strada Luciano Fusar Poli ha firmato il primo comunicato relativo alal partecipazione dlele squadra al Giro d'Italia Under 23. Le squadre che parteciperanno al Giro Ciclistico d’Italia Giovani U23 cl. 2.2 MU, in calendario dal 8...


Questa mattina alle 10:15 dall'aeroporto dei Malpensa, gli Juniores azzurri Valentina Corvi e Luca Paletti sono partiti alla volta degli USA, destinazione Fayetteville, dove nel week end si tiene il Campionato Mondiale di Ciclocross. Finita la quarantena di 5 giorni,...


Jabal Al Akhdhar (Green Mountain) torna a profilarsi all'orizzont. Nel 2022, il Tour of Oman e le sue strade iconiche tornano nel calendario internazionale con l'11aedizione della gara, proposta in sei tappe dal 10 al 15 febbraio. Il Sultanato e...


Eva Lechner domani a Fayetteville negli Stati Uniti sarà al via del suo dodicesimo Campionato del Mondo di ciclocross nelle Donne Elite. La bolzanina, classe 1985, con la casacca azzurra della Nazionale cercherà nella località in Arkansas di entrare nelle...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI