GIRO DEL VENETO 2021. STOCCATA DI MEURISSE! BEFFATO ANCORA TRENTIN, TERZO DAINESE

PROFESSIONISTI | 13/10/2021 | 16:25
di Carlo Malvestio

Lo splendido Prato della Valle di Padova premia Xandro Meurisse (Alpecin-Fenix) nel grande ritorno del Giro del Veneto. Il belga ha bruciato allo sprint Matteo Trentin (UAE Team Emirates), partito troppo lungo per evitare il rientro del gruppo, che è stato regolato dal padrone di casa Alberto Dainese (Italia), al quale non è riuscita per poco la rimonta sui due corridori di testa. Una bella gara, tirata fino agli ultimissimi metri, che sancisce il ritorno dopo 9 anni di stop di una delle classiche più storiche del panorama italiano.


La gara è stata animata nelle prime battute da Davide Bais (Eolo-Kometa), Luka Pajek (Hrinkow Advarics Cycleang), Simone Bevilacqua (Vini Zabù), Giacomo Garavaglia (Work Service Marchiol), Matteo Zurlo (Zalf Euromobil Fior), Niccolò Salvietti (Mg.k Vis VPM), Marco Grendene (Beltrami Tsa Tre Colli) e Matteo Baseggio (General Store Essegibi Curia), che sono arriva a guadagnare fino a 3'40" sul gruppo tirato quasi esclusivamente da Astana-PremierTech e UAE Team Emirates.


Il circuito dei Colli Euganei ha scremato pian piano il gruppo, che è riuscito a rientrare sui battistrada a circa 40 km dall'arrivo. Ma è stato lo strappo de Il Roccolo a far esplodere il gruppo, con Alexey Lutsenko (Astana) e Marc Hirschi (UAE Team Emirates) che hanno scollinato prima di tutti. In discesa, però, lo svizzero ha dovuto dire addio ai sogni di gloria per una scivolata, così il kazako si è fatto da un drappello di una decina di corridori, che sono poi diventati 17 in pianura e poi 35, a causa del poco accordo.

Nel drappello di testa c'erano anche corridori veloci, come Dainese, Simone Consonni (Cofidis), Andrea Pasqualon (Intermarché-Wanty-Gobert) e Kristian Sbaragli (Alpecin-Fenix), così negli ultimi 15 km è stato un susseguirsi di scatti per cercare di evitare la volata a ranghi ristretti. L'attacco risolutore è arrivato ai -6, quando un generoso Jhonatan Restrepo (Androni-Sidermec) si è portato via Trentin e Meurisse. I tre hanno guadagnato 10" sul gruppo trainato da Italia, Eolo-Kometa e Intermarché, e hanno mantenuto il divario fino all'ultimo chilometro, quando hanno cominciato a studiarsi.

Restrepo è partito lungo, venendo risucchiato dal gruppo, mentre Trentin ha fatto partire la sua volta a 300 mt dall'arrivo, venendo saltato da Meurisse negli ultimi 50 metri. Dietro Dainese ha provato la rimonta disperata, dovendosi accontentare del terzo posto.

Seguiranno aggiornamenti...

Per rivivere la diretta della gara CLICCA QUI

ORDINE D'ARRIVO

1. Xandro Meurisse (Alpecin-Fenix) 3h54'11"
2. Matteo Trentin (UAE Team Emirates) s.t.
3. Alberto Dainese (Italia) s.t.
4. Simone Consonni (Cofidis) s.t.
5. Alessandro Covi (UAE Team Emirates) s.t.
6. Vincenzo Albanese (Eolo-Kometa) s.t.
7. Jhonatan Restrepo (Androni-Sidermec) s.t.
8. Andrea Pasqualon (Intermarché-Wanty-Gobert) s.t.
9. Simone Velasco (Gazprom-Rusvelo) s.t.
10. Davide Orrico (Vini Zabù) s.t.

Copyright © TBW
COMMENTI
trentin
13 ottobre 2021 17:11 berto
credo che quel secondo posto al campionato del mondo abbia lasciato dei segni profondi nella testa di questa ragazzo!!! Felicissimo di essere smentito il prima possibile.

trentin
13 ottobre 2021 17:56 alerossi
se perdere da lutsenko, corridore completo, ci può anche stare poichè sul lissolo trentin ha speso più del kazako; perdere da meurisse fa capire che c'è qualcosa che non va in volata.

trentin
13 ottobre 2021 18:30 Darkprince
molto semplice, con gli anni che passano ha aumentato la resistenza ma ha perso la punta di velocità

Purtoppo
13 ottobre 2021 19:06 Thedoctorbike
Occorre farsene una ragione. Non e' un vincente in assoluto.

Oggi
13 ottobre 2021 20:01 Robtrav
Ho visto un grande ben tullet. Occhio a questo ragazzo il prossimo anno alla ineos. Con pidckok potrebbe essere una coppia devastante

Trentin
13 ottobre 2021 21:55 Ale1960
Come ho sempre detto,la botta di Harrogate, ha lasciato segni indelebili. Se poi si aggiungono età e il fatto che non sia un vincente nato,il conto è presto fatto. Grande professionista. Niente di più.

@ ale1960
13 ottobre 2021 22:29 ghisallo34
Oltre a quello, e' stato "pompato mediaticamente". I risultati non sono pero' all'altezza delle aspettative

Trentin
14 ottobre 2021 00:07 fransoli
trovo alcuni commenti inutilmente acidi... Trentin è quello che è, si sa che non è un fenomeno... chiediamoci piuttosto come mai se lui arriva secondo non sia un altro italiano di 5 o 6 anni più giovani a batterlo... lui non sarà un vincente, ma lo era forse Colbrelli fino a quest'anno con oltre 70 piazzamenti? Se non avesse vinto la Roubaix aveva un palmares molto diverso da quello di Trentin?

azz
14 ottobre 2021 08:30 kristi
non mi funziona il tasto L nel pc , scusate il commento precedente

@ fransoli
14 ottobre 2021 18:33 Thedoctorbike
Basta non leggere. Il tuo commento da mediatore non e' da meno, eppure nessuno ti viene a fare la morale.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
La stagione agonistica si è appena conclusa e ancora una volta chiediamo ai lettori di esprimere il proprio voto per eleggere il miglior tecnico italiano della stagione. Insieme ad alcuni grandi saggi, abbiamo selezionato una rosa di sette tecnici per...


Si chiama Tomas Van Den Spiegel ed è il CEO di Flanders Classics. Arriva dal basket e con i suoi 214 cm di altezza vuole riscrivere le leggi del ciclocross. Presidente della Lega Europea del Basket, nel suo passato ci...


I mondiali di Roubaix hanno entusiasmato l’Italia del pedale che ha applaudito i risultati migliori sempre - 10 medaglie complessive - al termine di una settimana eccezionale.Un’emozione che ha coinvolto anche chi le imprese azzurre ha raccontato come Marco Cannone,...


Tra iscrizione al World Tour 2022 ancora mancante, svincolamento dei corridori e ricerca di sponsor last minute, le ultime due settimane hanno fatto sorgere una fatidica domanda tra gli appassionati di ciclismo: che ne sarà della Qhubeka? L'abbiamo chiesto direttamente...


Conclusione in volata per l'Oscar tuttoBICI Gran Premio Eolo riservato agli Esordienti di secondo anno (nati nel 2007): dopo una lotta serratissima il successo è andato al trentino Alessio Magagnotti, portacolori della CC Forti e Liberi. Novantanove i punti conquistati...


Tempo di festeggiamenti in casa della Scuola Ciclismo Mincio Chiese. A pedali fermi e stagione agonistica portata a termine, il sodalizio mantovano si è dato appuntamento a Ceresara per chiudere il 2021. Con i saluti del consigliere comunale con delega...


Nasce a Napoli la prima scuola di ciclismo riconosciuta dalla Federazione Ciclistica Italiana. La Bike School Napoli è gestita dall’associazione sportiva dilettantistica Emmevi con Mario Fontana come direttore tecnico che opera sul territorio metropolitano da dieci anni...


Una bella novità in Toscana a sostegno dell’attività del paraciclismo, frutto di un accordo raggiunto tra Publiacqua e Comitato Regionale Toscana che sarà presentato domenica mattina 24 ottobre a Campi Bisenzio in occasione della gara nazionale di Handbike “Gastone Nencini...


Non si è interrotta neanche nel 2021 la tradizione positiva che lega il Bici Club Spoleto “Castellani Impianti” al Circuito dei Due Mari, giunto al termine domenica 24 ottobre con la Gran Fondo Città di Fara in Sabina. La compagine...


«Non vedo l'ora di sistemare la situazione del mio cuore che in questa fase è stato ballerino. Si sono verificati un paio di piccoli episodi in corsa in cui la frequenza era salita ed ora abbiamo deciso di risolvere il...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO
SONDAGGIO
OSCAR TUTTOBICI 2021. SCEGLIETE IL MIGLIOR TECNICO ITALIANO DELL'ANNO
I voti dei lettori saranno conteggiati insieme a quelli di una giuria di addetti ai lavori e giornalisti specializzati





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI