TRENTIN. «SIAMO UN GRUPPO FORTE, FAREMO UN GRANDE MONDIALE»

MONDIALI | 25/09/2021 | 16:05
di Francesca Monzone

Nel ciclismo maschile è stato Matteo Trentin a portare l’ultima medaglia mondiale all’Italia nella categoria elite. Era il 2019 quando il ragazzo di Borgo Valsugana conquistò la medaglia d’argento nello Yorkshire, al termine di un duello con Mads Pedersen che salì sul gradino più alto del podio. Quello fu un Mondiale duro, segnato dalla pioggia e dal vento e Matteo riuscì a resistere fino al termine della corsa, anche se quell’argento, per lui, resta una grande delusione. C’è un conto aperto per il trentino e il Mondiale, un anello che potrebbe finalmente chiudersi qui in Belgio.


«Abbiamo guardato con molta attenzione il percorso. Alcuni tratti sono gli stessi del Brabante, ma la differenza la farà il percorso di Lovanio». Alcune salite sono le stesse della Freccia del Brabante, mentre altri tratti verranno percorsi al contrario dai corridori rispetto al senso tradizional. Sarà una gara difficile su un percorso molto tecnico che farà sicuramente la selezione. «Le salite non sono quelle che ti spezzano le gambe, ma sono inserite in un contesto dove le difficoltà sono tante, per tanto saranno un ulteriore ostacolo in corsa. Sarà una corsa molto dura con un percorso estremamente tecnico».


Trentin è in camera con Sonny Colbrelli, i due azzurri sono amici e insieme hanno decise di condividere la stanza. «Parliamo della corsa ma non solo, ma poi ognuno di noi il percorso lo guarda con i propri occhi e noi siamo stati in camera insieme tante volte e abbiamo visto che funziona bene e quindi perché cambiare?».

I belgi sono favoriti ma non ci saranno soltanto loro e Trentin, più che pensare a quello che faranno gli altri, preferisce concentrarsi su ciò che dovrà fare in corsa. «Ho sentito parlare delle polemiche tra Remco e Van Aert, ma onestamente sono cose che non mi riguardano, vedremo domenica cosa succederà. Sono una squadra forte, ma anche la Danimarca e la Slovenia hanno uno squadrone, poi se vogliamo parlare di squadre importanti, io direi che ci siamo anche noi».

La nazionale italiana sarà formata da Trentin, Colbrelli, De Marchi, Ulissi, Nizzolo, Bagioli, Ballerini e Moscon, corridori forti che sanno fare gruppo. «La nostra è una squadra con molte carte da giocarsi, possiamo inserirsi in molte azioni e questo farà la differenza». Matteo ha portato al ciclismo italiano l’ultima medaglia maschile nella categoria elite. Il corridore della UAE Emirates aveva conquistato la medaglia d’argento nel 2019 nello Yorkshire, finendo alle spalle di Mads Pedersen. Per Trentin quell’argento non fu una conquista, ma un oro mancato, dove la delusione fu tanta.

«Mi sono avvicinato molto alla maglia iridata e poi non l’ho presa. Posso dire che si può sempre migliorare e che in corsa si va sempre per vincere. Non ho conti in sospeso con il Mondiale, quel giorno Pedersen fu più forte di me e con molta onestà posso dire che non ho commesso errori e quel giorno lui fu più forte e non c’è altro da dire».

Sonny e Matteo saranno le punte della nostra nazionale, i due capitani che potranno giocarsi la vittoria. «Abbiamo dimostrato di poter andare bene, stiamo facendo belle cose, ma in squadra non ci siamo solo io e Sonny. Siamo una squadra, un gruppo forte ed è bello poter appartenere ad una squadra che corre per cogliere il risultato migliore. Noi daremo il massimo e sappiamo di essere un ingranaggio di una grande macchina e ognuno di noi ha il proprio ruolo e sarà questo che ci porta ogni volta a ottenere risultati importanti».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Ritorna anche questo Natale, per la'11° volta consecutiva, l’asta benefica Regala un sogno che accompagnerà, gli amanti del ciclismo e non solo, con oggetti prestigiosi provenienti dai campioni e campionesse del pedale. Testimonial di quest’anno è Vincenzo Nibali, portabandiera del ciclismo italiano...


La Scuola Tecnici della Federazione Ciclistica Italiana, in collaborazione con l’Associazione Corridori Ciclisti Professionisti Italiani e la Lega Ciclismo Professionistico, organizza un incontro formativo, rivolto ai ciclisti neoprofessionisti e alle atlete che nel 2023 entreranno, per la prima volta, a...


Una serata con due glorie del ciclismo bresciano che hanno alimentato entusiasmi a cavallo degli anni ’60 e ‘70 a raccontare e raccontarsi al pubblico di fans attraverso episodi e aneddoti biografici inediti o poco conosciuti al grande pubblico. Venerdì...


Chi pratica ciclismo e si allena duramente anche in inverno lo sa bene, quando si fatica servono capi dinamici in grado di isolare bene ma anche di dare respiro quando il ritmo sale. Veloplus, marchio che ha una enorme esperienza nel...


È stato presentato ieri sera a Nizza il percorso del Tour des Alpes-Maritimes et du Var 2023. La prima delle tre tappe in programma si correrà il prossimo 17 febbraio con partenza da Saint-Raphaël ed arrivo a Ramatuelle. La frazione...


Il tempo scorre, l’inverno avanza, e Sacha Modolo ancora non è riuscito a trovare una sistemazione per la stagione 2023. La Bardiani-CSF-Faizanè non gli ha rinnovato il contratto e il 35enne di Vazzola sta sempre più prendendo in considerazione l’ipotesi...


Edoardo Zardini ha deciso di chiudere la sua carriera agonistica. Complici anche le difficoltà della Drone Hopper Androni, il trentatreenne veronese ha preso la sua decisione: «Durante il Giro d’Italia ho cominciato a maturare questa decisione, anche perché penso di...


Fino a un anno fa, la Velocità  italiana su pista era praticamente morta, abbandonata a se stessa e a quei pochi coraggiosi corridori che si arrangiavano a fare praticamente tutto. Dal cemento, però, sta nascendo un fiore e l’ultimo mondiale...


Antonio Mario Molteni è nato a Eupilio il 28 giugno 1944, e tuttora residente nel medesimo comune nella zona di Erba, in provincia di Como, piacevole località alle pendici del monte Cornizzolo, altitudine m. 1241, luogo frequentatissimo dagli amanti del...


E allora vorremmo di novembre, d’altronde è più che naturale con il clima che stiamo vivendo, che il maggio del 2023 fosse ciclisticamente già qui. Con la ratifica appena promulgata di ben tre-tappe-tre in Campania del Giro d’ Italia, nella...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach