I VOTI DI STAGI. NIZZOLO VELOCE A CAPIRE LA VOLATA CHE NON C'È, GLI ALTRI GUARDANO

GIRO D'ITALIA | 21/05/2021 | 19:27
di Pier Augusto Stagi

Giacomo NIZZOLO. 10 e lode. Non fa una volata, decolla e vola: plana leggero. Con il sorriso stampato sul volto, per festeggiare quella vittoria maledetta, un po’ carogna e bastarda, accarezzata per undici volte undici e finalmente ottenuta con una volata che non è una volata, ma un capolavoro. Affini il capolavoro lo tenta nel finale, il mantovano capisce prima degli altri il pericolo e si getta all’inseguimento con una sparata degna di Usain Bolt. Parte e insegue, agguanta e sfreccia: non ce n’è per nessuno. Oggi volata perfetta, per una volata che non è una volata, ma è il volo del deltaplano, che sorvola e plana silenzio per un grido di rabbia, prima di un sorriso di gioia e una vittoria “certificata”. Finalmente.


Edoardo AFFINI. 9. Entra nella sua Mantova all’ora del Te e saluta con dolcezze e baci, anche se lui vorrebbe una sbrisolona. Generalmente il ragazzo della Jumbo Visma è un treno, anche quando pilota Dylan Groenewegen (anche se lui adora il riso alla pilota), ma oggi dalla sua Mantova passa tranquillo al passo: per i saluti non c’è fretta. Poi nel finale scappa come un treno, inseguendo il sogno e il colpo della vita. Per poco non gli riesce, se non ci fosse quello là…


Peter SAGAN. 8. Lui c’è sempre, perché sa sempre che qualcosa da lui ci si aspetta. Non sono i suoi arrivi, ma lui una via di fuga la trova sempre e si piazza subito lì, dietro a quei due, che fanno saltare ogni piano, e lasciano i velocisti a bocca aperta: proprio come noi.

Davide CIMOLAI. 8. Il 31enne della Istrael Start-Up Nation è ormai una garanzia. In ogni volata c’è, puntuale. Meriterebbe anche lui qualcosa di più, e non è detto che arrivi. Si segni Stradella.

Fernando GAVIRIA. 5,5. Non sbaglia la volata, non la fa, come tutti i velocisti che si fanno sorprendere da Affini e soprattutto da Nizzolo, l’unico che capisce il pericolo.

Stefano OLDANI. 6. Due milanesi nei primi dieci, Stefano e Giacomo. Per il 23enne della Lotto Soudal un sesto posto che vale, anche perché fa tutto da solo.

Andrea PASQUALON. 5,5. Ha le gambe e l’esperienza per fare di più, come in altre circostanze.

Elia VIVIANI. 5. Conoscendo bene Elia so quello che avrebbe voluto fare in questo arrivo che gli arriva quasi sull’uscio di casa, eppure non solo non riesce a vincere, ma l’unica cosa che capisce immediatamente è che c’è poco da fare, quei due sono andati. Lui troppo dietro, quando davanti ormai la battaglia è scoppiata.

Simon PELLAUD. 8. Nella fuga iniziata fin dal primo metro,  lo svizzero dell’Androni Giocattoli è l’ultimo a rientrare sui due battistrada: Umberto Marengo (Bardiani-CSF-Faizanè) e Samuele Rivi (EOLO-Kometa). Pellaud guidava la classifica dei traguardi volanti che questa sera è copmandata da Umberto MARENGO, mentre quella denominata “fuga Bianchi” è sua sempre davanti a Marengo e Rivi. Persa la classifica dei TV, questa sera si “consola” con quella della “combattività”. 

Vincenzo NIBALI. 7. In tanti ieri hanno arricciato il naso per il suo attacco (e il mio voto 7) nel tratto finale del passo del Carnaio e probabilmente per evitare il “carnaio”, la confusione, lungo la discesa si è avvantaggiato prima supportato e spalleggiato da Ciccone e poi da solo. Un’azione di prova, per verificare polso e gambe, testa e cuore. Ma molti amici lettori hanno avuto da ridire. Le opinioni sono tutte rispettabilissime, ma se l’azione dello Squalo per alcuni osservatori è stata giudicata quantomeno azzardata e non necessaria, la risposta della maglia rosa Bernal che si è mosso in prima persona per andare a stopparlo come la valutiamo? Io resto dell’avviso che se si fa tutto con il manuale del buon ciclista – che ricorda il manuale Cencelli - spesso le imprese non nascono neanche. Se Coppi avesse dato retta alla sua ammiraglia, non avrebbe creato l’epica della Cuneo-Pinerolo. Così come Chris Froome, tre anni fa. Nibali si prova? Bernal lo va a riprendere? Cara grazia…

 

 

Copyright © TBW
COMMENTI
E.B.
21 maggio 2021 21:15 sbunda
Ah ah ...la tigre allora del te...
Questa mi mancava come peripezia citazionistica!
Qui quello che mangerà tutto sarà E.B.!

GAVIRIA
21 maggio 2021 23:09 ZECCA
HA FATTO LA VOLATA SENZA SELLINO !!

Nibali
21 maggio 2021 23:23 Anbronte
Il fatto è che Lei caro direttore a Nibali da sempre voti positivi, anche quando si stacca, vedi Montalcino, con la scusa che ha aiutato Ciccone , arrivato a 5 Min. Dai, un po' di onestà intellettuale.

Grande
22 maggio 2021 09:48 frakie
Grandissimo Nizzolo. Finalmente premiata la costanza. Riprendere Affini (Superbo), che andava come una moto GP, pareva impresa impossibile. Nizzolo l'ha portata a termine con meritato successo. Forte e intelligente. Bravo due volte.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Se non l'avessi vissuta dal vivo, stenterei a crederci. È successo davvero: l'Italia del ciclismo è nell'Olimpo. Il quartetto azzurro si è tramutato d'oro firmando un nuovo record del mondo: 3'42”032. La Danimarca, che tanto ci ha fatto innervosire negli...


Doppio colpo per la Intermarché-Wanty-Gobert Matériaux che annuncia l'ingaggio dei norvegesi Alexander Kristoff, vincitore di 79 gare tra i prof, e di Sven Erik Bystrøm, ex campione del mondo U23. L'esperto duo di Stravanger sta attualmente gareggiando per l'UAE Team...


Sventola la bandiera colombiana sul traguardo della seconda tappa della Vuelta Burgos 2021. Juan Sebastian Molano, velocista 26enne della UAE Team Emirates, ha ottenuto la prima affermazione stagionale anticipando sulla linea bianca il veneto Alberto Dainese (Team DSM).Terzo gradino del podio...


Anche in Romania sventola il tricolore. Andrea Guardini si è aggiudicato la prima tappa del Tour of Szeklerland, da Târgu Mureș a Odorheiu Secuiesc di 124 chilometri. Lo sprinter del team Giotti Victoria Deu Savini ha regolato l'austriaco Daniel Auer...


Cambia decisamente volto la Bora Hansgrohe per le prossime stagioni e lo fa annunciano i contrati triennali firmati con Jai Hindley, Sergio Higuita e Marco Haller. «La firma di Jai, Sergio e Marco è un passo importante verso un'ulteriore mutamento...


Doppio annuncio per la Groupama FDJ che ingaggia per le prossime due stagioni Quentin Pacher e Michael Storer. Il 29enne francese e il 24enne australiano, recente vincitore del Tour de l'Ain, rafforzeranno il gruppo degli scalatori del team francese. ...


Grandissima emozione in casa Biesse Arvedi Premac! Il nostro Francesco Lamon, con Simone Consonni, Jonathan Milan e Filippo Ganna regala un oro storico all'Itala nel quartetto e il record del mondo. Francesco ha sposato il progetto Arvedi Cycling, fortemente voluto...


Ivano Fanini nella sua carriera di scopritore di talenti, ne ha lanciati davvero tanti e tra questi c'è anche Marco Villa, attuale tecnico della nazionale italiana e responsabile della pista. Con Fanini, Villa ha vinto un mondiale, quindi è naturale...


L’avventura olimpica della nazionale italiana al velodromo di Izu continua domani con l’omnium che vedrà impegnato a Elia Viviani.Il veronese è campione olimpico uscente anche se la specialità da Rio 2016 è completamente cambiata: allora erano sei specialità in due...


Il primo vagone, colui che apre le danze, che fa carburare i motori e lancia i compagni. Francesco Lamon verrà ricordato come il grande apripista di questo quartetto azzurro che ha fatto la storia: «La partenza è delicata perché non devo...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI