«RACING FOR CHANGE», LA ISRAEL AL FIANCO DELLE RAGAZZE DEL RUANDA

NEWS | 02/05/2021 | 07:45
di Francesca Monzone

La Israel Start Up Nation è ancora protagonista di un progetto di solidarietà e sviluppo legato al mondo femminile. Il team, attraverso lo sport e il progetto “Racing for Change”, sta cercando di aiutare quelle nazioni nei quali le problematiche sono talmente tante,che il ciclismo non rientra tra le priorità.


Cherie Pridham, direttore sportivo della Israel Start Up Nation, si trova in Ruanda, dove da oggi la squadra parteciperà per la quarta volta, al Tour del Ruanda. Cherie, unico direttore sportivo donna nel World Tour, questa volta non sarà solo in ammiraglia: nei giorni scorsi ha partecipato in modo attivo al progetto del club Rwanda Girls, sostenuto dalla Israel Start Up Nation.


Se lo sport in alcuni Paesi è difficile da praticare, per le donne troppo spesso  rimane un sogno che non può realizzarsi. Attraverso il progetto “Racing for Change”, la squadra Rwandan Girls Club è stata adottata dalla Israel Start Up Nation. Si tratta dell’unica squadra femminile in Ruanda e una delle pochissime in Africa. Cherie Pridham ha incontrato le ragazze del team e con i proprietari della Israel, Sylvan Adams e Ron Baron e l'ambasciatore israeliano in Ruanda Ron Adam, hanno donato alle ragazze materiale e i meccanici del team si sono resi disponibili nel sistemare le bici anche ai bambini e ragazzi del villaggio di Kibungo, nel distretto di Bugesera. L’intento della Israel Start Up Nation è quello di sviluppare il ciclismo in zone difficili, con la speranza che in altri Paesi nascano progetti simili.

«La visita al Bugesera Women’s Cycling Club è stata meravigliosa – ha detto Cherie –. Un’esperienza che non dimenticherò mai. Come parte del nostro progetto "Racing for Change", mi sento molto orgogliosa e onorata di essere stata in grado di aiutare a supportare queste straordinarie ragazze nella loro ricerca di diventare cicliste di alto livello».

La Israel Start Up Nation continuerà a seguire le ragazze del Ruanda supportandole e accompagnandole in un processo di crescita, affinchè possano emergere atlete da inserire in team di professionisti.

«Attraverso questa iniziativa abbiamo fornito kit e attrezzature all'unica squadra di ciclismo femminile in Ruanda e speriamo che questo possa essere un esempio da riprendere in altri Paesi. Credo davvero che qui ci sia un grande potenziale per le ragazze che vogliono affrontare il ciclismo e sono entusiasta di poter offrire il mio contributo».

Il ciclismo in Ruanda sta facendo molti progressi e l’intento della Israel Start Up Nation è quello di poter portare alcuni di questi giovani nella propria squadra giovanile, con la volontà di aiutarli a progredire e formare squadre competitive anche in Ruanda.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
C'è anche la Francia nel calendario della Vini Zabù che aprirà un mini ciclo di corse in terra francese con il Tour d'Eure et Loir in programma dal 14 al 16 maggio. Tre le frazioni che verranno affrontate dal team...


Joao Almeida non ci sta e questa mattina al villaggio di partenza di Piacenza ha avuto il suo bell'impegno: il portoghese ha incontrato la giuria per spiegare che ieri non ha commesso alcuna infrazione e quindi non meritava l'ammonizione (accompagnata...


Difficile marcare il campo d’azione di una gravel, del resto questa speciale bici intrappola il neofita, lo stradista e il biker in cerca di nuove emozioni. Tutto accade come una esperienza quasi ancestrale e per come la vedo io, vi...


Wout van Aert potrebbe essere costretto a cambiare i suoi programmi di avvicinamento al Tour de France. Il belga della Jumbo Visma, infatti, è stato operato per una appendicectomia. Scrive il quotidiano belga Het Laatste Nieuws che Van Aert era...


La stagione di Thibaut Pinot rischia davvero di trasformarsi in calvario. Lo si capisce chiaramente dalle parole del general manager della Groupama-FDJ Marc Madiot rilasciate ad Eurosport francese: «C'è una possibilità su un milione di vedere Thibaut al via del...


Tramite il canale del tam-tam sempre attivo, seppure assai stagionato, degli specialisti del mezzofondo - gli “stayer” di collaudata esperienza a livello internazionale che guidavano le mastodontiche cilindrate dei tempi che furono sulle piste di tutto il mondo - è...


E’ tappa tutta emiliana questa quarta frazione, la prima al di fuori del Piemonte per il Giro d’Italia n. 104, con un percorso che conduce dal cuore della Pianura Padana, Piacenza, a Sestola, sull’Appennino Modenese. L’altimetria propone una prima parte...


Davide Cimolai la vittoria l’ha cercata e l’arrivo a Canale lo aveva cerchiato sul suo Garibaldi come uno degli obiettivi possibili da raggiungere. Voleva vincere e dedicare il successo alla sua compagna, a casa, che tra pochi giorni darà alla...


Storie di corse e di corridori, di maglie e di mogli, di tappe e di toppe, di scatti e di cotte, e perfino di qualche vittoria. La seconda puntata è dedicata a Sandro Quintarelli: Ciamberle. Accadde al militare: gli fecero...


Geoffrey Bouchard della AG2r Citroen e Callum Scotson della BikeExchange nella seconda tappa, Samuele Zoccarato della Bardiani CSF Faizané e Joao Almeida della Deceuninck Quick Step nella terza tappa. Sono i quattro corridori sanzionati finora dalla giuria per lancio di...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155