SOLER. «VITTORIA CERCATA, LA DEDICO AL NOSTRO MEDICO, JESUS HOYOS»

PROFESSIONISTI | 30/04/2021 | 17:30
di Francesca Monzone

In una giornata di lutto per la Movistar, Marc Soler ha conquistato la terza tappa del Tour di Romandia, dedicando la vittoria a Jesús Hoyos, il medico della squadra, scomparso oggi al termine di breve una malattia.


«Sono così felice di questa vittoria e voglio ricordare, prima di tutto, il nostro medico di squadra che per tanti anni è stato con noi, Jesús Hoyos, scomparso durante la corsa. Voglio dedicare a lui questa vittoria, purtroppo lo abbiamo perso. Lui in poche settimane a causa di una malattia ormai al termine, si è spento ed è davvero triste per tutta la nostra squadra».


La Movistar oggi voleva il successo e fin dall’inizio della corsa ha giocato in prima linea. Gli uomini della Movistar sono stati presenti già con nella fuga iniziale, conclusa poi a 12 chilometri dal traguardo. Una giornata veramente difficile, con il freddo e la pioggia che hanno reso più dura la gara.

«La corsa è stata molto complicata, soprattutto a causa della pioggia e del freddo. Stavo tenendo il mio attacco per un momento preciso, volevo attendere l'ultima salita. Woods andava forte, ci sono stati diversi attacchi nel gruppo, e volevo provare ad attaccare, ma non troppo presto».

Soler ha calcolato tutto nel minimo dettaglio e grazie al lavoro della squadra, oltre alla tappa, è riuscito a prendere il primo posto della classifica generale. «Ho aspettato quegli ultimi 500 metri per fare un vero divario, sperando di vincere la tappa. Alla fine, insieme alla tappa è arrivata anche la maglia della classifica generale e lotteremo duramente per difenderla».

Il Romandia si concluderà domenica e a cercare di conquistare la corsa ci saranno gli uomini della Ineos Grenadiers, che hanno Geraint Thomas e Richie Porte, al secondo e terzo posto, ad appena 14” dallo spagnolo. Il vincitore della corsa si deciderà con la cronometro di domenica, dove i corridori saranno impegnati in una prova di 16 chilometri, con partenza e arrivo a Friburgo.

«La Ineos è una squadra molto forte e tra noi c’è un divario molto sottile. Loro sono molto abili nelle prove a cronometro, ma noi lotteremo e abbiamo una squadra forte che darà il massimo. Solo la strada deciderà il vincitore. A volte le persone dubitano di ciò che puoi fare, ma siamo sempre andati avanti passo dopo passo, e le cose stanno andando bene. Questo ci fa ben sperare per le prossime sfide, ma prima del Giro, dobbiamo concentrarsi su questo weekend».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Gino MADER. 10 lode. Vince per sé, per Landa, per una squadra che in questi giorni - e soprattutto oggi - è stata spaziale. Vince perché forse una giustizia divina c’è e non può sempre girare storta. Non c’è sempre...


Salutiamo con adeguata enfasi il ritorno imprevisto e perentorio del Giro Vip. Mi metto io per primo in cima alla lista, la lista di quelli che diffidavano molto su questa edizione particolare, con alcuni nomi bellissimi però tutti reduci da...


Ancora una volta, e non è certo la prima in questo Giro d'Italia, Giulio Ciccone è andato all'attacco: «Oggi è stato un test importante per la mia condizione. Sensazioni più che buone, direi quasi oltre le aspettative, nonostante una giornata...


Se al Team Bahrain Victorius venisse concessa la possibilità di dimenticare, sicuramente sceglierebbe la giornata di ieri. Una tappa terribile la Modena-Cattolica in cui il team bahreinita si è visto sfilare via il capitano designato rimasto vittima di una terribile...


Volata a ranghi compatti nel tradizionale Circuito di Vallonia, in Belgio, e successo di Christophe Laporte. Netta la vittoria del francese della Cofidis che anticipa il connazionale Marc Sarreau (Ag2r Citroen La Mondiale) e il giovane neozelandese Laurent Pithie della...


Sprint vincente del giovane neoprofessionista Jordi Meeus nella seconda tappa del Giro di Ungheria, che oggi si è disputata sulla distanza di 183 chilometri da Balatonfüred a Nagykanizsa. Il belga della Bora Hansgrohe ha regolato un Alberto Dainese (Team DSM)...


Sentendo il nome Attila il richiamo è più che scontato al grande traghettatore degli Unni, dopo tutto le lunghe lezioni di storia ci hanno insegnato ad alzare le antenne all’udire questo nominativo. Mai avremmo immaginato che un Attilla prendesse anche...


Lo hanno fatto capire sin dal mattino, i corridori della Bahrain Victorious, che oggi avrebbero fatto la corsa. In tutti gli attacchi ci sono stati e alla fine sono entrati in due - Gino Mäder e Matej Mohoric - nella...


Ancora un giorno all’attacco al Giro per l’Androni Giocattoli Sidermec. Nella sesta tappa Grotte di Frasassi-Ascoli (160 chilometri) con arrivo in salita a mettersi in evidenza, in un’altra giornata di pioggia, è stato Simone Ravanelli. Il corridore bergamasco al chilometro...


Ha rischiato la beffa come alla Parigi-Nizza (quando Roglic lo superò a 50 metri dal traguardo, ndr), ma stavolta Gino Mader ha potuto alzare le braccia al cielo e conquistare la sesta tappa del Giro d'Italia. Finale fantastico di un'altra...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155