NIBALI: «I MIEI VALORI SONO BUONI, C'È SEMPLICEMENTE CHI VA PIÙ FORTE»

GIRO D'ITALIA | 18/10/2020 | 19:32
di Carlo Malvestio

Niente da fare, anche l’arrivo di Piancavallo ha certificato che Vincenzo Nibali, al momento, non ha le gambe per vincere il Giro d’Italia. Nessun problema di preparazione o altri alibi particolari; semplicemente gli avversari ne hanno di più.


Lo Squalo dello Stretto è ora settimo in classifica generale, a 3’29” dal leader Joao Almeida. Recuperare sembra piuttosto proibitivo, ma il siciliano prova a restare ottimista: «È stata una tappa dura che ho corso senza risparmiarmi – spiega dopo la tappa -. La Sunweb sull’ultima salita ha imposto un ritmo fortissimo, lo abbiamo visto in gara e lo confermano i numeri. Per me e tanti altri big era difficile da sostenere. Mi sono difeso e ho limitato il ritardo, perchè alla fine del Giro manca ancora una settimana e la posta in palio è ancora alta. Kelderman ha confermato le impressioni che già avevo e Almeida ogni giorno che passa si conferma molto solido. Questa è la realtà dei fatti, va accettata ma anche affrontata con grinta e determinazione nelle tappe che verranno».


Anche il suo allenatore e DS della Trek-Segafredo Paolo Slongo riconosce che quelli davanti a lui in classifica, per ora, hanno una marcia in più: «Vincenzo ha sviluppato i suoi soliti valori, che in passato gli hanno permesso di vincere gare importanti. Semplicemente ci sono corridori che al momento vanno più forte e dobbiamo prenderne atto. Fa parte dello sport. Vincenzo ha sempre fatto delle regolarità la sua forza e mentre gli altri cominciavano ad essere stanchi lui emergeva. Noi comunque non ci arrendiamo e proveremo a fare qualcosa nei prossimi giorni».

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Prodotti
18 ottobre 2020 20:04 italia
Vincenzo i tuoi valori sono buoni ma gli altri sono migliori; ti consiglio di modernizzare la tua integrazione.

Ascolta Cristiano Gatti!
18 ottobre 2020 20:08 marcodlda
Questo è il modo giusto di accettare una sconfitta, caro Cristiano, senza drammi e sceneggiate esagerate !!!

chapeau
18 ottobre 2020 20:40 fransoli
Bravo Vincenzo, questa dichiarazione ti rende onore, questa volta nella sconfitta hai dimostrato gran classe

Dubbi
19 ottobre 2020 01:43 lupin3
Quindi Nibali esprime i valori com cui si é sempre battuto per i podi in tutte le corse a tappe degli ultimi 10 anni, teoricamente con avversari di rango superiore a quelli di quest'anno. Avversari giovani (ma non Evenepoel) o 29enni che non hanno vinto una corsa in carriera... Delle due l'una: o Nibali e Slongo mentono sui valori, o ci sono nuove preparazioni piu efficaci

Nibali dice il vero!
19 ottobre 2020 09:53 Antoniodiel
Nibali sta dicendo la verità... Se analizziamo la sua performance del 2017 al Piancavallo, emerge che fece una VAM di 1699 (tempo di ascesa 39'07") perdendo solo 17" dal più forte in giornata che era stato Thibaut Pinot con una VAM di 1711 (tempo di ascesa 38'50"). Ora andiamo alla sua perfromance di ieri, VAM di 1695 (tempo di ascesa 39'13"), quindi a soli 6" dalla sua perfromance 2017... Come dice Vincenzo (ed aggiungo io che è molto strano) sono le performance degli altri.. Jai Hindley (gregario di Keldermann che è arrivato insieme a lui al traguardo) ieri ha fatto il KOM sul Piancavallo battendo di oltre un minuto il KOM di Pinot!!!!! Parliamo di una VAM di 1760!!! Fatta da un gregario (per l'amor di dio di buon livello) che comunque ha preso aria per quasi tutta la salita.. L'uninca differenza è che quella del 2017 era la 19sima tappa, ieri eravamo al primo vero arrivo in salita (dopo l'Etna). La speranza è quella che dice Slongo, ossia che gli altri iniziano ad accusare la fatica meno di Vincenzo nell'ultima settimana..

Errata corrige
19 ottobre 2020 10:07 Antoniodiel
La speranza è quella che dice Slongo, ossia che gli altri iniziano ad accusare la fatica PIU' di Vincenzo nell'ultima settimana..

@antoniodiel
19 ottobre 2020 11:37 fransoli
grazie per postato i numeri, quelli almeno sono inconfutabili

speranza
19 ottobre 2020 11:58 fransoli
senza squadra però anche se si verificasse questa ipotesi si va da poche parti

@fransoli
19 ottobre 2020 13:46 Antoniodiel
Verissimo... Ieri avesse avuto un buon gregario ad aiutarlo avrebbe contenuto i danni alla grande. Tieniamo conto che ieri si saliva ai 22/ 23 km/h, con anche punte oltre i 30 km/h e addirittura anche quasi 50 km/h nel pianetto a 3 km dall'arrivo.. Stare a ruota aiutava e come!!! Il roster presentato dalla trek al Giro è molto ma molto scarso per pensare di vincere il giro o anche pensare di poter difendere Nibali. Non capisco con quli uomini la Trek pensava di difendere una eventualmente maglia rosa di Nibali?!?!? Chi tirava per intere tappe? Anche portare Ciccone è stata una svista non da poco, uno che ha avuto il covid finao a 2 settimane prima, pensare di fargli fare il giro come primo gregario di Nibali sapendo che si andava incontro ad un meteo rigido!??! Risultato, bronchite e stagione finita per il buon Giulio e Nibali senza gregario di livello...

caro nibali
19 ottobre 2020 13:48 maxspeed2
con questa risposta "I MIEI VALORI SONO BUONI, C'È SEMPLICEMENTE CHI VA PIÙ FORTE" al giro ci posso venire pure io " CERTAMENTE CON I MIEI VALORI" ma non dire piu' cavolate e metti davanti che orami sei arrivato alla frutta e abbi il coraggio di dire stop e non cercare sempre il contratto

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Il nuovo leader della Vuelta di Spagna è l'ecuadoriano Richard Carapaz, che ha tolto a Primoz Roglic la maglia rossa della classifica generale. Adesso il corridore della Ineos Grenadiers è al comando della corsa con un vantaggio di 18” su...


Caro Nibali, finisce qui il calvario. Per te e per noi. Non neghiamolo: si avverte anche un certo senso di liberazione. In un Giro nato di suo già parecchio sconclusionato, per i motivi inevitabili che sappiamo, s'è dovuto incassare pure...


D come dubbio. Nel senso di incertezza, dilemma. Al Giro ne sono stati sollevati di continuo: la maggior parte sono rimasti sospesi in aria. Bellino è il direttore generale di Rcs o un giudizio tecnico su questo Giro? Perché si...


Tao Geoghegan Hart ce l’ha fatta, ha vinto il Giro d’Italia. I pronostici non avevano sbagliato, sulla carta veniva dato come netto favorito nei confronti di Jai Hindley e alla fine la strada lo ha confermato. Una crono incredibile, la...


Palermo, Camigliatello Silano, Valdobbiadene e Milano: Filippo Ganna firma uno straordinario poker in un Gior d’Italia che non potrà mai dimenticare e che lo consacra tra i grandi. Per la prima volta, dopo aver divoratouna pizza nella lunga attesa sulla sedia...


Vincenzo Nibali ha chiuso il suo Giro d'Italia con il trentesimo posto nella cronometroa 1'27" da Super Ganna e con il settimo posto finale a 8'15" dal sorprendente vincitore Tao Geoghegan Hart. «E’ stato un anno difficile, complicato, nel quale...


Jai Hindley è lo sconfitto di giornata, anche se il suo Giro d’Italia è stato davvero eccezionale. «Ovviamente in questo momento sono molto deluso e il risultato è difficile da accettare. Ma sarò sempre orgoglioso di quello che ho fatto...


Ion Izagirre mette a segno il colpaccio nella sesta tappa della Vuelta, la Biescas - Sallent de Gállego. Aramón Formigal di 146. km. Lo spagnolo della Astana è stato il migliore sui Pirenei spagnoli, è entrato nella fuga che ha...


Al termine dell'edizione 103 del Giro d'Italia il presidente Renato Di Rocco ha commentato: "Milano ha accolto il Giro con un disciplinato entusiasmo, dimostrando ancora una volta la maturità del pubblico del ciclismo. La corsa rosa ci dice che lo...


Tao Geoghegan Hart è il re del Giro d'Italia, Filippo Ganna firma il poker di vittorie. È questo il verdetto della crono decisiva della corsa rosa: i 15, 7 chilometri della Cernusco sul Naviglio-Milano hanno regalato al campione del mondo...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155