I VOTI DI STAGI. ULISSI È L'UOMO DEI TEMPI, GANNA ROSA A TEMPO

I VOTI DEL DIRETTORE | 04/10/2020 | 19:01
di Pier Augusto Stagi

Diego ULISSI. 10 e lode. Settimo sigillo rosa, la 37esima vittoria in carriera, Diego oggi non sbaglia una virgola. Dopo l’uomo del tempo (Ganna), eccoci a quello che il tempo lo coglie e sa sceglierlo. Non si fa prendere né dalla foga né dal timore di sbagliare i tempi. Perfetto lui e la sua UAE Emirates, in questo caso nella persona e nel ruolo di regista Valerio Conti (voto 10), che smista, illumina e indica la strada al toscano. Coppia perfetta, per un uno-due micidiale. L’Italia del Giro d’Italia c’è e spostiamo la notte più in là.


Filippo GANNA. 8. Alla fine arriva 43°, ma a pari tempo con i migliori. La sua Ineos fa un grandissimo lavoro, lui non smette di farlo, pronto a intensificarlo. Anche questa sera dormirà sogni rosa: l'uomo del tempo, leader a tempo.


Peter SAGAN. 6. Perde l’attimo e Ulissi quando deve essergli lì a ruota (voto 4), poi medica con classe immensa (voto 10) e ottiene un secondo posto sontuoso, ma che dormita…

Michael MATTHEWS. 4. Su un traguardo che sembra essere disegnato per lui, l’australiano dorme sonni tranquilli. Quando si sveglia, il film è già finito.

Mikkel HONORÈ. 7,5. Fa il suo più che bene, ma non si deve rimproverare di nulla. 

Luca WACKERMANN. 7,5. Il ragazzo della Vini Zabù prova il colpo all’insù, ma rimbalza giù non poi così tanto. Bravo bravissimo.

Joao ALMEIDA. 7. Piazzato anche oggi (6°) per non perdere l’abitudine. Occhio, questo ci farà divertire.

Vincenzo NIBALI. 6,5. Ha la giusta cattiveria, la giusta voglia di restare lì e ci resta, grazie anche a Gianluca Brambilla che lo pilota e protegge fin sul traguardo. 

Domenico POZZOVIVO. 8. Chiude in 14° posizione con la crema del Giro: il lucano in forse fino all’ultimo non finisce di stupire e, statene pur certi, forse qualcosa si inventerà. Senza forse.

Nicolas EDET. 6. L’uomo che dovrebbe fare classifica per Cofidis, nel finale – nelle vicinanze di Porto Empedocle - finisce anche lui gambe per aria tra un groviglio di biciclette. Brutta botta al ginocchio sinistro: non proprio il massimo alla vigilia dell’Etna. Roba da far girare i cabbasisi.

Etienne VAN EMPEL. 7,5. Il 26enne olandese entra con tempismo nella fuga di giornata: il ragazzo di Scinto e Citracca finisce per le terre, ma finisce alla grande una giornata per la Vini Zabù molto importante. Sulle strade di Sicilia, dove quel nettare di Dio si carica di sole e aria, minerali e sapienza dell’uomo, questa sera si può e si deve anche alzare un calice al cielo. Un brindisi per un Giro appena iniziato. Un salute! alla salute: di tutti.

Thomas DE GENDT. 8. Il 34enne corridore belga della Lotto Soudal si mette subito all’opera e va all’attacco, con Mattia Bais della Androni Sidermec, Alessandro Tonelli della Bardiani CSF Faizané, Ben Gastauer della AG2r La Mondiale ed Etienne Van Empel della Vini Zabù Brado KTM. De Gendt l’uomo delle fughe, delle vittorie di tappa, di vento in faccia e di corridori alle spalle sempre pronti a braccarlo. È il ciclista che ci prova, anche quando la ragione dice no, non farlo. Ogni tanto gli va bene, e ha ragione a provarci. Per la cronaca: vince tutti i traguardi intermedi e racimola punti per la classifica della maglia ciclamino sia per quella azzurra della montagna. Infaticabile. 

Alexander VLASOV. 17. L’Astana deve chiaramente andare a farsi benedire. Due giorni di corsa e due corridori costretti a tornare a casa. Ieri Miguel Angel Lopez, spalla di Fuglsang, che ieri per un maledetto tombino è finito per terra e la spalla ce l’ha rimessa. Oggi problemi intestinali per il talentuoso russo dopo una notte insonne, anche lui costretto a fermarsi, anche lui costretto a salire in ammiraglia. Quando la jella ti punta, c’è poco da fare. Premio eptacaidecafobia (lo so, è una sfiga solo dirlo): Alexander Vlasov.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Il nuovo leader della Vuelta di Spagna è l'ecuadoriano Richard Carapaz, che ha tolto a Primoz Roglic la maglia rossa della classifica generale. Adesso il corridore della Ineos Grenadiers è al comando della corsa con un vantaggio di 18” su...


Caro Nibali, finisce qui il calvario. Per te e per noi. Non neghiamolo: si avverte anche un certo senso di liberazione. In un Giro nato di suo già parecchio sconclusionato, per i motivi inevitabili che sappiamo, s'è dovuto incassare pure...


D come dubbio. Nel senso di incertezza, dilemma. Al Giro ne sono stati sollevati di continuo: la maggior parte sono rimasti sospesi in aria. Bellino è il direttore generale di Rcs o un giudizio tecnico su questo Giro? Perché si...


Tao Geoghegan Hart ce l’ha fatta, ha vinto il Giro d’Italia. I pronostici non avevano sbagliato, sulla carta veniva dato come netto favorito nei confronti di Jai Hindley e alla fine la strada lo ha confermato. Una crono incredibile, la...


Palermo, Camigliatello Silano, Valdobbiadene e Milano: Filippo Ganna firma uno straordinario poker in un Gior d’Italia che non potrà mai dimenticare e che lo consacra tra i grandi. Per la prima volta, dopo aver divoratouna pizza nella lunga attesa sulla sedia...


Vincenzo Nibali ha chiuso il suo Giro d'Italia con il trentesimo posto nella cronometroa 1'27" da Super Ganna e con il settimo posto finale a 8'15" dal sorprendente vincitore Tao Geoghegan Hart. «E’ stato un anno difficile, complicato, nel quale...


Jai Hindley è lo sconfitto di giornata, anche se il suo Giro d’Italia è stato davvero eccezionale. «Ovviamente in questo momento sono molto deluso e il risultato è difficile da accettare. Ma sarò sempre orgoglioso di quello che ho fatto...


Ion Izagirre mette a segno il colpaccio nella sesta tappa della Vuelta, la Biescas - Sallent de Gállego. Aramón Formigal di 146. km. Lo spagnolo della Astana è stato il migliore sui Pirenei spagnoli, è entrato nella fuga che ha...


Al termine dell'edizione 103 del Giro d'Italia il presidente Renato Di Rocco ha commentato: "Milano ha accolto il Giro con un disciplinato entusiasmo, dimostrando ancora una volta la maturità del pubblico del ciclismo. La corsa rosa ci dice che lo...


Tao Geoghegan Hart è il re del Giro d'Italia, Filippo Ganna firma il poker di vittorie. È questo il verdetto della crono decisiva della corsa rosa: i 15, 7 chilometri della Cernusco sul Naviglio-Milano hanno regalato al campione del mondo...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155