LANGKAWI. 6^ TAPPA A NAKANE, PRIMO PODIO PRO PER BATTISTELLA. CRONACA E DICHIARAZIONI

PROFESSIONISTI | 12/02/2020 | 09:00
di Nicolò Vallone

Nessuno scossone particolare nella lotta per la maglia gialla, nella 6^ e terzultima tappa del Tour de Langkawi. Se non lievi assottigliamenti dei distacchi in classifica. La spunta Hideto Nakane (Nippo Delko One Provence) in 3h20’15’’, al photofinish su Gleb Brussenskiy della Vino Astana Motors. Batte un colpo la NTT, con Samuele Battistella 3° a 4’’. Invariate le maglie da classifica: Danilo Celano rimane leader della generale, Max Walscheid della NTT leader della classifica a punti, Nur Aiman Zariff della Terengganu maglia rossa di miglior scalatore.

È un percorso dai due volti quello di 150,9 km affrontato oggi dai corridori: dopo una prima metà di tappa piana, con partenza da Taiping, un ponte di 24 km (il più lungo del Sudest asiatico) li ha portati sull’isolotto di Penang, dove sono stati impegnati dalle ultime vere salite di questo Tour de Langkawi, la Teluk Kumbar (cat. 2) e la Teluk Bahang (cat. 1). La corsa ha viaggiato ad altissima velocità, tra continui rimescolamenti di carte e maglie, fino all’ingresso del ponte, quando sono andati in fuga: la vecchia volpe Pierre Rolland, la vecchia conoscenza di questo Langkawi Boonratanathanakorn (una delle numerose “vittime” del Genting Highlands, dopo essere stato secondo della generale per tre tappe), Ben Van Dam (compagno di squadra di Rylee Field) e Jeroen Meijers, olandese della SSOIS Miogee (il team cinese senza cinesi, causa precauzioni anti-coronavirus).

Sferzati dal vento trasversale lungo il ponte, i fuggitivi sono approdati a Penang con un vantaggio di 1’45’’ sul gruppone, aumentato a 3’25’’ all’inizio della prima salita. Un gap che avrebbe permesso a Meijers, unico uomo classifica del quartetto di testa, di strappare la maglia gialla a Celano. Ecco che allora, con Sapura e Terengganu in testa, il peloton ha aumentato i giri di pedale e ha ridotto il distacco a 1’25’’ prima di imboccare la seconda decisiva salita. Sulla Teluk Bahang, le distanze si sono ridotte progressivamente, finché nell’ultimo tratto in discesa è iniziata una giostra di attacchi e contrattacchi, col gruppone che è andato sfaldandosi in maniera caleidoscopica. Fino al break finale, che ha portato Nakane e Brussenskiy a giocarsi la vittoria ruota a ruota: per questione di centimetri, ha prevalso il giapponese. Pochi metri dietro, Battistella si è aggiudicato la mini-volata per il podio che vedeva coinvolti anche gli italiani Ficara (Sapura) e Bongiorno (Vini Zabù), Rivera della Androni, il leader della NTT Meintjes e il kazako Fedorov, che guadagna solo 4 secondi su Danilo Celano, giunto appena dietro a questo drappello.

È la prima vittoria in carriera per Nakane, che in classifica generale scavalca il moldavo Raileanu al 6° posto. Queste le sue dichiarazioni in conferenza stampa (peraltro nella nostra lingua, che conosce dai tempi in cui la Nippo batteva bandiera italiana): «Non mi aspettavo di riuscire a vincere in volata: ho provato ad andare io perché ho trovato una piccola salita a 8 km dall'arrivo, e nell'attacco ho trovato tranquillità pensando al fatto che nel gruppo dietro avevamo buoni velocisti. Se ho vinto oggi e se sono a 1'34'' dalla maglia gialla, devo ringraziare tantissimo i miei compagni e la mia famiglia. L'ultimo giapponese a vincere una tappa al Langkawi è stato Takeaki Ayabe nel 2011? Ho "lavorato per lui" per 3 anni nella Aisan, lo conosco bene. Sono molto contento».

Sempre 4 gli italiani nella top 10, con rappresentanza di Sapura e Vini Zabù KTM: nell’ordine, Celano, Ficara, Fortunato e Bongiorno. Ed ecco le parole del leader della corsa: «Tappa più dura del previsto, piena di attacchi fin dall'inizio e anche nel finale, ma siamo riusciti a tenere la maglia. Queste ultime tappe non sono molto affini alle mie caratteristiche, ma la mia forza per resistere fino alla fine sarà la squadra, senza la quale oggi avrei rischiato di perdere. Riuscissi a vincere il Tour de Langkawi sarebbe una grande emozione perché non ho mai vinto una corsa a tappe. Il mio compagno Ficara (4° in classifica generale)? Abbiamo corso per anni insieme, mi fa piacere averlo qui a darmi una mano. E vorrei rivolgere un pensiero anche a Raileanu, in top 10 insieme a noi».

Così infine Battistella (intervistato da noi prima dell'inizio del Tour del Langkawi): «Oggi è stata una gara pazza e imprevedibile, l'ordine di scuderia era di stare davanti il più possibile. Penso di aver fatto un ottimo lavoro. Due corridori mi hanno preceduto, ma intanto ho vinto la mini-volata e ho ottenuto il primo podio con una squadra World Tour. Stiamo lavorando duro ogni tappa per essere nelle prime posizioni, come ci si attende da noi». Domani arriverà una tappa puramente per velocisti, la penultima di questo Tour de Langkawi.    

ORDINE D'ARRIVO

1 Hideto Nakane (Jpn) Nippo Delko Provence 3:29:15
2 Gleb Brussenskiy (Kaz) Vino - Astana Motors 0:00:00
3 Samuele Battistella (Ita) NTT Pro Cycling Team 0:00:04
4 Quentin Pacher (Fra) B&B Hotels - Vital Concept 0:00:04
5 Carlos Julian Quintero Noreña (Col) Terengganu Inc. TSG Cycling Team 0:00:04
6 Pierpaolo Ficara (Ita) Team Sapura Cycling 0:00:05
7 Metkel Eyob (Eri) Terengganu Inc. TSG Cycling Team 0:00:05
8 Ahmad Yoga Ilham Firdaus (Ina) PGN Road Cycling Team 0:00:05
9 Francesco Manuel Bongiorno (Ita) Vini Zabù - KTM 0:00:05
10 Louis Meintjes (RSA) NTT Pro Cycling Team 0:00:06

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Trasferta turca in vista per gli atleti in maglia ciclamino. Dal 20 al 23 febbraio si svolgeranno infatti le 4 tappe del Tour of Antalya, giunto alla sua terza edizione. Le prime due tappe, così come l’ultima frazione saranno probabilmente favorevoli...


A volte ritornano. Anche se sono voci o rumors. Il mondo del tennis potrebbe essere non tanto diverso da molti altri sport. Non vogliamo intingere il pane nelle disgrazie altrui, ma è chiaro che il nostro movimento non può sempre...


Un ragazzo è all’ospedale di Peschiera con fratture multiple (femore, omero...), un altro è in osservazione all’ospedale di Borgo Trento, a Verona, per una serie di botte: sono due atleti della categoria allievi dell’Ausonia, investiti da un’auto nei pressi di...


«Non vedo l'ora che il professor Arduini mi dia il via libera per salire sulla cyclette!». Matteo Moschetti morde il freno: sa che la strada per tornare alle corse è lunga, sa che non deve bruciare i tempi ma avrebbe...


E' stata una serata memorabile quella che il Fans Club dedicato ad Elia Viviani ha preparato l'altra sera per festeggiare il proprio beniamino, al Castello di Bevilacqua, in provincia di Verona, con la partecipazione di tanti grandi campioni dello sport...


Tom Dumoulin torna a sorridere e affida ai social network un messaggio che fa ben sperare sul suo recupero: «Come tutti sapete, non mi sono sentito bene di recente - ha scritto infatti l'olandese su Instagram -. Grazie agli esami,...


Trasferta in Turchia per la Vini Zabù - KTM che dal 20 al 23 febbraio correrà il Tour of Antalya. Seconda partecipazione per la squadra che per l'occasione sarà diretta da Luca Amoriello con la conferma di cinque elementi visti...


Lo avevamo intervistato diversi mesi  fa e da oggi possimo annunciare che Jose' Luiz Dantas e' il nuovo preparatore atletico della Valdarno Regia Congressi Seiecom del presidente Mario Cellai . Il team manager della squadra aretina Leonardo Gigli  ci ha...


Il più grande pilota di Formula 1 della sua generazione, Lewis Hamilton, e Lionel Messi, il più grande calciatore del mondo, sono stati dichiarati vincitori del prestigioso premio Laureus World Sportsman of the Year Award, consegnasto a Berlino davanti ad...


Cantù riapre le sue porte a Vincenzo Nibali: per la seconda volta, infatti, il C.C. Canturino ha invitato, come principale testimonial, per la presentazione della propria squadra Vincenzo Nibali. L’incontro è già stato fissato per martedì 25 febbraio presso il...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155