INEOS. PROBLEMI CARDIACI, KIRYENKA SI RITIRA

PROFESSIONISTI | 30/01/2020 | 17:03

Vasil Kiryienka ha annunciato oggi il suo ritiro dal ciclismo professionistico, seguendo i consigli medici su un problema cardiaco. Il 38enne bielorusso, che era entrato a far parte del team nel 2013, ha perso l'inizio della scorsa stagione a causa di un'anomalia cardiaca, per poi tornare alle gare agonistiche al Tour de Romandie nel 2019. Ha vinto poi la cronometro dei Giochi Europei proprio in Bielorussia, prima di concludere l'anno alla Vuelta a Espana.


«È una giornata davvero triste per me, ma è la decisione giusta in base al consiglio che mi è stato dato dal team medico. Ho avuto una carriera meravigliosa e mi sono goduto ogni minuto con questa squadra. È stato un viaggio incredibile e sono molto grato per tutto il supporto che ho ricevuto durante tutta la mia carriera»


In carriera Vasil ha vinto tra l'altro il titoo mondiale della crono nel 2015, una tappa alla Vuelta a Espana del 2013 e tre vittorie al Giro d'Italia, tra cui una in solitaria a Sestriere nel 2011, poi la Route du Sud (2011), la Chrono des Nations (2015, 2016) e il GP Città di Camaiore (2008).

Il Team Principal della Ineos, Sir Dave Brailsford, ha aggiunto: «È una delusione per noi e per lui. È stato uno dei grandi uomini-squadra della sua generazione, uno che ti faceva capire che non avevi scampo quando provavi a scattare e te lo trovavi dietro con la maglietta aperta e lo sguardo fisso su di te. Siamo stati fortunati ad averlo con noi negli ultimi sette anni e siamo orgogliosi di aver colto con lui grandi vittorie. Gli auguriamo ogni successo e il team continuerà a supportarlo in futuro».

ENGLISH VERSION

Vasil Kiryienka has today announced his retirement from professional cycling, following medical advice regarding a cardiac issue.

The 38 year-old Belarusian, who joined the team in 2013, missed the start of last season owing to a cardiac anomaly, only to return to competitive racing at the Tour de Romandie in 2019 - the team’s first race as Team INEOS.
 
He went on to enjoy success at the European Games time trial in his home country of Belarus, before rounding off the year at the Vuelta a Espana, his 11th and final Grand Tour race with the team.
 
Kiryienka said: “It’s a really sad day for me, but it’s the right decision based on the advice I’ve been given by the medical team. I’ve had a wonderful career and enjoyed every minute racing with this team. It’s been an incredible journey and I am so grateful for all the support I’ve received throughout my whole career.”
 
A hugely experienced rider and well respected amongst his peers, Kiry’s record speaks for itself with five team successes in his 20 Grand Tour appearances, a 2013 Vuelta a Espana stage victory and three Giro d’Italia stage wins, including a famous solo win to Sestriere in 2011.
 
The Belarusian also won the individual Time Trial at the World Championships in 2015 and has recorded overall victories at Route du Sud (2011), Chrono des Nations (2015, 2016) and GP Citta di Camaiore (2008).

Team Principal, Sir Dave Brailsford, added: “It is disappointing for Kiry and for us as a team. He is a true one-off and one of the greatest team riders of his generation. When a rider in a breakaway looked back and saw the open shirted Kiry on the front of the peloton driving the chase they knew their days were numbered.

“He had a unique hallmark style of maintaining a rock solid upper body whilst generating enormous power, hour after hour. The only thing that changed during his metronomic efforts was his grimace would grow as he dug to the very depths of his energy giving his all to the team, day after day.

“We have been lucky to have him ride with us over the last seven years and are proud to have supported him to some incredible victories: the time trial rainbow bands, his breakaway win at the Vuelta and all of his TT victories in our colours.

“While this is a tough decision to take it is obviously the right one and we support him fully in it. We wish him every success and the team will continue to support him in the future.”

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Resta in terapia intensiva all'ospedale di Niguarda di Milano e la prognosi resta riservata, ma Johnny Carera, ricoverato a seguito dell’incidente stradale del 26 novembre scorso sull’A4 all'altezza di Agrate, mostra segni evidenti di miglioramento. Attorno al manager di Pogacar...


Il ciclismo lombardo ha festeggiato i suoi grandi attori al Teatro Città di Legnano Talisio Tirinnanzi con una festa in grande stile. Una giornata speciale dedicata ai migliori della stagione 2021 che con i loro risultati hanno esaltato la scuola...


Due italiani esperti come Filippo Fortin e Mauro Finetto continueranno la loro avventura ciclistica con il team Continental tedesco Maloja Pushbikers.Finetto (nella foto) arriva dalla professional francese Delko, mentre Fortin già correva nella categoria Continental con l’austriaca Team Vorarlberg. Con...


Per il 2021 la candidatura della Arkea Samsic per il Giro d'Italia non ebbe successo, ma il team bretone non molla la presa e rilancia la propria richiesta alla RCS Sport. Nessuna dichiarazione ufficiale in proposito, ma le parole di...


Nella sua giovane carriera ha dimostrato di adattarsi perfettamente ad ogni tipo di bicicletta e terreno ma sabato 11 e domenica 12 dicembre a Vermiglio, in Val di Sole, Thomas Pidcock si troverà di fronte un’ennesima grande sfida: padroneggiare una...


«Abbiamo vinto una bella volata»: è il commento di Elia Viviani quando sa del buon successo ottenuto dalla vendita delle “Stelle di Natale” a sostegno della lotta contro le leucemie. Della Ail - Associazione italiana contro le leucemie - l’olimpionico...


È un ritorno, carico di suggestioni, perchè chi ama il ciclismo non può fare a meno di ricordare la Salvarani, una delle squadre più iconiche della storia del ciclismo. In attività dal 1963 al 1972, la Salvarani Vinse...


Caro Direttore, faccio slancio di diplomazia: lode e applausi, senza ironia, a chi organizza e dirige un Grande Tour. Con tutto quello che il Padreterno ci ha destinato negli ultimi tempi, non può essere che così. Mi permetto di aggiungere,...


Canyon ne è certa,  la nuova Torque non ha confini e può accontentare qualsiasi rider nei bike park di tutto il mondo o competere all’Enduro World Series. Vi sembra poco? Messi da parte il proclami una cosa è certa, gli ingegneri Canyon...


Si è spento Ferruccio Ferro, atleta e direttore sportivo di ciclismo. Era nato il 14 marzo 1952, aveva 69 anni. Abitava a Bertipaglia (Padova) e scoprì da dilettante Matteo Tosatto, il recordmen delle corse a tappe tra i professionisti e...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI