TOUR OF THE ALPS. SARA' UN'EDIZIONE PER GRANDI CAMPIONI

PROFESSIONISTI | 30/01/2020 | 11:41
di Carlo Malvestio

Un Tour of the Alps 2020 per grandi firme. La corsa dell'Euregio, in programma dal 20 al 24 aprile con partenza da Bressanone e arrivo a Riva del Garda, conferma la linea delle ultime edizioni e conferma al via una qualificatisima partecipazione.


In corsa ci saranno infatti otto team di WorldTour: AG2r, Astana, Bahrain McLaren, Bora Hansgrohe, CCC, Team Ineos, Trek Segafredo e UAE. Nove le formazioni Professional e cioè: Androni Sidermec, B&B Hotels Vital Concept, Bardiani CSF Faizané, Caja Rural RGA, Euskadi, Gazprom Rusvelo, Nippo Delko One Provence, Uno-X Norwegian Team e Vini Zabù KTM. A completare il campo le Continental austriache Team Felbermayr Simplon e Team Tirol e la Nazionale Italiana.


Hanno già confermato la loro presenza Vincenzo Nibali e Romain Bardet, che sulle strade dolomitiche rifiniranno la preparazione in vista del Giro d'Italia, e molto probabile è l'adesione di Richard Carapaz, maglia rosa del 2019, e di Jakob Fuglsang.

Se negli anni la corsa euroregionale si è confermata come ideale spartiacque in vista del Giro d'Italia, resistendo senza troppi problemi alla concorrenza di corse con meno storia come Giro di Turchia o Giro di Croazia, è grazie ad un insieme di fattori che hanno accresciuto con continuità l'appeal della corsa: «Il numero di richieste da parte dei team è sempre crescente. Da sempre privilegiamo la qualità, cercando di avere il meglio di quanto il ciclismo mondiale possa offrire - spiega il General Manager della corsa Maurizio Evangelista, durante la presentazione in Sala Egger a Bressanone -.  E ogni anno facciamo dei passi in avanti. Squadre e addetti ai lavori ci apprezzano dal punto di vista organizzativo, tecnico e dell’ospitalità, e anche dal punto di vista logistico cerchiamo di venire incontro alle esigenze dei corridori. Rappresentiamo l’avvicinamento ideale per gli atleti verso il Giro d’Italia, ma quelli che vengono qui lo fanno per vincere e non per allenarsi. Credo che siamo riusciti a portare una ventata di aria fresca per il ciclismo, con il nostro format di tappe corte ed esplosive che piace molto al pubblico. Se il prodotto finale è di qualità, però, lo dobbiamo anche a tutti i comuni che ci ospitano, che ci mettono nella condizione di fare al meglio il nostro lavoro».

L'albo d'oro è degno delle corse più importanti del mondo, con Geraint Thomas in maglia ciclamino nel 2017 e Thibaut Pinot nel 2018, mentre l'anno passato è stato Pavel Sivakov a rivelarsi al grande pubblico, battagliando senza alcun timore con Vincenzo Nibali. «Ho visto tutte le edizioni di questa corsa, quando è nato come Giro del Trentino fino alle grandi innovazioni di oggi - è invece il commento di Nino Lazzarotto, Presidente del Comitato Alto Adige della FCI -. Oltre ad unire tre territori, il Tour of the Alps ha anche aiutato a creare un’immagine del ciclismo diversa. Non c’è più noia, perché le tappe, brevi ed intense, regalano fuochi d’artificio dall’inizio alla fine. Il territorio è favorevole, offre degli spunti tecnici senza eguali, e non è un caso che l’Alto Adige possa contare su campioni mondiali e olimpici. Per il movimento ciclistico italiano, l’Alto Adige è molto importante. Quest’anno non ospiteremo il Giro d’Italia, quindi non vediamo l’ora che inizi il Tour of the Alps e il grande spettacolo che ci offrirà».

Trentino, Alto Adige e Tirolo unite in un unico obiettivo: il Tour of the Alps è riuscito ad unire tre territori tanto vicini quanto diversi. «Abbiamo voluto allargare i nostri orizzonti - afferma Giacomo Santini, presidente dello storico GS Alto Garda - Dopo 40 edizioni di Giro del Trentino abbiamo capito che c’era bisogno di un rinnovamento, così abbiamo voluto coinvolgere l’Alto Adige e il Tirolo: l'euregio. L'euroregio fa parte di un programma dell’Unione Europea, oggi ce ne sono 40 in tutta Europa, che uniscono i vecchi confini territoriali. Quello che una volta divideva, oggi unisce. Tutto ciò rispecchia il nostro spirito e i tre territori hanno ammesso che questo progetto transfrontaliero abbia giovato loro. La partenza da Bressanone è un’ennesima novità, che ci permetterà di scoprire anche questa città, che tocchiamo per la prima volta»

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Sarà stato fortunato, ma sicuramente bravo. Lorenzo Fortunato riparte da dove in pratica è partito e si è palesato al mondo: dallo Zoncolan, dove sabato scorso si è ripresentato per l’inaugurazione della nuova seggiovia dedicata al Giro d’Italia. Oggi la...


Una vita interamente dedicata alla bicicletta, un dinamismo, una lucidità e un entusiasmo mostrati ad ogni uscita pubblica, fino a un paio di mesi fa. Giovanni Meazzo, morto domenica a 93 anni, era la memoria storica del ciclismo alessandrino. Era...


Faè di Oderzo sta per diventare, per la 19^ volta, la capitale del ciclocross italiano. I rinomati vitigni di Prosecco di Borgo Barattin, nel cuore della pianura trevigiana, faranno come sempre da cornice al Ciclocross Internazionale del Ponte, 4^...


La Federazione Ciclistica Italiana ha tagliato ieir il traguardo dei 136 anni di storia. Nel bel libro di Roberto Livraghi “Pista! Alessandria capitale ciclistica della Belle Epoque” si ricorda nel dettaglio la prima corsa di velocipedi...


Immaginate la scena: è la sera del 22 ottobre, Ashton Lambie ha appena realizzato il suo sogno di vincere il titolo mondiale dell'inseguimento su pista e rientra nel suo albergo a Roubaix. Ha ancora addosso la maglia iridata, deve ancora...


A Vermiglio i cannoni non serviranno e ieri, dopo abbondanti nevicate, è stato ultimato il tracciato della tappa di Coppa del Mondo in Val di Sole che sabato e domenica accoglierà i big del ciclocross. Sarà un circuito di 3...


Prosegue il dibattito sullo stato del ciclismo giovanile. Dopo l’appello e le argomentazioni di Daniele Di Batte relativamente alla categoria Giovanissimi in provincia di Livorno, tuttobiciweb raccoglie ora l’intervento di Roberta Santini, vicepresidente provinciale della Federciclismo labronica che si fa...


Il copertoncino tubeless CST Tirent è l’ideale per il Gravel ed è nato per affrontare i  più svariati terreni tipici della specialità. Grazie alla larghezza di 42mm e alla mescola Dual sorprende per trazione comfort. per leggere l'intero articolo vai su tuttobicitech.it


Nova Eroica Prosecco Hills è la nuova manifestazione ciclistica in provincia di Treviso. Tre percorsi di 50, 93 e 110 chilometri tra le colline del Prosecco e le colline dell’Unesco che si svolgeranno il 30 aprile e il primo maggio...


Il Cycling Team Friuli 2022 sarà un team di grande talento come è tradizione per la formazione bianco-nera ma, allo stesso tempo, per la prima volta nella storia sarà una squadra internazionale e poliglotta. Al riconfermatissimo campione croato Fran Miholjevic, infatti,...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI