TEAM MONTI. SCENDE IN CAMPO LA FEDERAZIONE

CONTINENTAL | 30/01/2020 | 10:51
di Guido La Marca

La puntata odierna (ammesso che sia una sola...) del «Caso Monti» prende toni istituzionali. Nella vicenda, sollecitata dagli atleti coinvolti, scende in campo la Federazione Ciclistica Italiana.

È stata recapitata ieri al Team Monti una lettera con diffida da adempiere: cinque giorni (a partire dal 29 gennaio) per sanare una situazione gravemente problematica.

La Federazione sottolinea come l'affiliazione della Società sia stata validata solo lunedì 27 gennaio mentre i contratti con i corridori sono stati sottoscritti ad ottobre 2019 e come a tutt'oggi nessun atleta o membro dello staff risulti tesserato. Non solo, alla Federazione non è giunta mai alcuna copia di contratti di sponsorizzazione e di contratto assicurativo, mentre è stata recapitata copia di un bonifico mai accreditato.

Al Team Monti, come detto, la Federazione concede cinque giorni per completare tutti gli adempimenti previsti oppure consentire l'immediato svincolo degli atleti contrattualizzati.

Qualora queste condizioni non venissero soddisfatte, la Federazione si riceva ogni azione a tutela dei diritti degli atleti coinvolti.

I cinque giorni scadono domenica 2 febbraio, attendiamo sviluppi entro la mattinata di lunedì 3 ma l'impressione è che non bisognerà aspettare fino ad allora...

Nell'allegato, la lettera inviata dalla Federazione al Team Monti

 


Copyright © TBW
COMMENTI
ma il manager dove erà?
30 gennaio 2020 12:25 limatore
Il manager di una formazione che sia anche solo continental deve essere preparato e a conoscenza delle normative federali e UCI. I tempi sono importanti e devono essere rispettati. La "catena incatricchiata 2020" ha già il vincitore

una barzelletta...
30 gennaio 2020 13:03 pietrogiuliani
La Federazione chiede a Monti di sistemare tutto in 5 giorni, e lo ritiene in pratica il solo “colpevole” di questo enorme patatrac, quando invece l’unica sua vera colpa è stata quella di essersi fidato ciecamente di ex atleti, ed ex tecnici (che da anni ruotano in questo ambiente e che la Federazione conosce bene). Uomini che lo hanno consigliato malissimo, facendogli fare scelte pessime ed investimenti azzardati ed irrazionali. Un passo più lungo della gamba di proporzioni che rasentano il limite della ridicolezza.
Tony Monti è mosso dalla passione e soltanto da quella. E’ un ex ciclista, amante della bicicletta (come lo era anche il padre), e ciò che ha fatto, lo ha fatto senza reali interessi di sponsor, ma solo per l’amore verso questo sport e per il bene degli atleti che avrebbe voluto lanciare con successo. Lui si occupa di finanza e non ha aziende che necessitano un ritorno di immagine. La sua colpa, ribadisco, è stata quella di mettersi in “mano” ad un gruppo di megalomani per lo più incompetenti. Il che non è poco, è vero. Ma da qui a considerarlo l’unico responsabile, dopo aver letto le sue dichiarazioni, mi sembra assolutamente paradossale. A questo punto penso che sarebbe più corretto che la Federazione chiedesse valide spiegazioni anche a coloro che lo hanno “affossato” in questa situazione. Non trovo giusto infatti prendersela soltanto con lui, esclusivamente perché ha avuto gli attributi ed il coraggio di prendersi le proprie responsabilità, mettendoci tra l’altro la faccia, al contrario invece di chi, tempo zero, si è dileguato ….
A questo punto consiglierei Tony Monti di lasciare tutti liberi di andare dove vogliono … visto che questi intendevano fare una squadra spendendo così tanti soldi (prendendo più personale che atleti) per poi andare a correre nei dilettanti alla San Geo …. praticamente una barzelletta..

Tesseramento
30 gennaio 2020 13:08 angelog
Scusate la mia ignoranza, ma i tesseramenti non avvengono dopo l'affiliazione? pertanto se l'affiliazione è datata 27 comunicata il 28 come potevano essere già tesserati?

SCUSATE...
30 gennaio 2020 13:57 gigo
Ma da cosa dovrebbe svincolare la FCI? Senza tesseramento non esiste vincolo... i contratti sono carta straccia: non stiamo parlando di professionisti

Monti
30 gennaio 2020 19:36 Anbronte
Questi ultimi tre commenti perfetti.

Pietro Giuliani
31 gennaio 2020 12:06 Paracarro
D’accordissimo con te

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Mauro Gianetti, Ceo della UAE Emirates, sotto il palco del Tour de France guardava Tadej con il sorriso e gli occhi che brillavano. Gianetti in questa squadra ancora giovane ha avuto un ruolo importante, fin da subito ha creduto in...


È festa grande a Komenda, il paese natale di Tadej Pogacar. Tutti in piazza per celebrare il trionfo del nuovo fenomeno del ciclismo, il suo clamoroso successo al Tour de France. E ad animare la festa, l'allenatore di Tadej, Miha...


Questo non è stato, purtroppo, il Tour di Elia Viviani. Il velocista della Cofidis ha avuto un problema a un piede e nelle poche tappe riservate ai velocisti non è riuscito ad andare oltre un quarto posto. “Siamo finalmente arrivati...


Non è una vendetta, sia chiaro, ma una semplice storia di sport. Il protagonista della storia è Sam Bennett, 30 anni tra un mese, irlandese di Wervik, che ha fortemente voluto andar via dalla Bora Hansgrohe nello scorso inverno perché...


Un lampo verde a Parigi: Sam Bennett trionfa nella tappa conclusiva del Tour de France, 122 km da Mantes la Jolie a Parigi sugli Champs-Elysèes, chiudendo come meglio non avrebbe potuto la sua grande campagna francese. L'irlandese ha battuto l'iridato...


Tadej POGACAR. 10 e lode. Due Grandi Giri, due podi, un terzo alla Vuelta e una maglia gialla sul podio di Parigi. Tre tappe alla Vuelta e una maglia; tre tappe e tre maglie al Tour. Se non è un...


Grande performance del giovane talento Antonio Tiberi nell'internazionale Trofeo città di San Vendemiano-Trofeo Industria e Commercio prestigiosa gara del calendario UCI Europa Tour di classe 1.2MU. Il giovane romano di Gavignano, 19 anni del team Colpack Ballan, si è imposto...


C'è la firma dell'olandese Danny Van Poppel sull'edizione 2020 della Gooikse Pijl. Il portacolori della Circus Wanty Gobert ha vinto allo sprint precedendo nell'ordine Gerben Thijssen della Lotto Soudal e Arvid De Kleijn della Riwal Securitas). ORDINE D'ARRIVO 1. Danny...


Nacer Bouhanni ritrova la via della vittoria e mette la sua firma sulla 74a edizione del Grand Prix d'Isbergues-Pas-de-Calais, valido come quinta prova della Coppa di Francia. Il portacolori della Team Arkéa-Samsic ha battuto i connazionali Cardis e Dupont con...


Doveva essere una giornata simbolo di ripartenza e così è stato. L’entusiasmo e la passione di oltre 200 cicloamatori e di numerosi campioni del ciclismo bergamasco hanno animato oggi le strade della Valle Seriana che ha ospitata la prima edizione...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155