MATTEO TRENTIN E LA SUA CATENA INCATRICCHIATA

NEWS | 30/11/2019 | 07:58
di Francesca Cazzaniga

Nessun valore venale ma un riconoscimento morale e goliardico all’atleta che dopo grandi fatiche e sacrifici deve fare i conti con la sfortuna. È questo lo spirito con cui ieri sera è stata consegnata all’Hotel Regina di Alassio la Catena Incatricchiata a Matteo Trentin, prodotta artigianalmente da Bruno Valdissera.

Un Matteo da 10 e lode. Sorridente e spensierato. Insieme a lui la compagna Claudia Morandini, ex campionessa di sci, e i loro due splendidi bambini, Giovanni e Jacopo. Il corridore trentino ha capito perfettamente il senso di questo premio: «Quanti gufi al Mondiale... Grazie per avermi voluto con voi questa sera. È sempre un piacere passare il tempo insieme a tanti amici».

A rendere la serata ancora più coinvolgente, come d’abitudine, ci ha pensato Riccardo Magrini, ideatore della frase che ha dato origine al premio: «È stato un incatricchiamento mondiale, quello di Matteo, ma senza neanche farlo apposta questa sera si chiude un trittico. A conclusione della 18esima tappa del Giro d’Italia 2016, la Muggió-Pinerolo, ci fu il seguente ordine d’arrivo: Trentin, Moser e Brambilla. Tutti e tre, anche se in anni diversi, sono stati premiati per incatricchiamento. E colgo l'occasione per un grande ringraziamento a Massimo Botti, ideatore di questo premio, e all’ASD Ortovero del presidente Maurizio Tarello che dal 2013 rendono speciale la nostra iniziativa».

Presente alla serata anche il nostro direttore Pier Augusto Stagi che ha sottolineato: «Avete premiato un corridore vero. Credo che Matteo, essendo uno spirito libero, abbia dato la giusta interpretazione al premio, anche se è uno dei corridori meno incatricchiati di tutti. Semplicemente è rimasto battuto. Aveva finito la benzina. Avete consegnato a Matteo un premio rigido,ma che lui sa far volare. È un corridore che sa respirare la vita, anche grazie alla sua meravigliosa famiglia. Matteo è un corridore non covenzionale, spiazzante e rapente. Ha scelto la bicicletta come simbolo di libertà e lui, da sapirito libero, non omologato e omologabile, da quella catena sa liberarsi come pochi: lui è aria. È libertà».

A conclusione di serata lo show inatteso di Bruno Robello e Marco Ghini, un avvocato e un medico che si sono esibiti da consumati cabarettisti. Perché in una serata come quella della Catena incatricchiata, al centro di tutto deve sempre esserci una sana risata.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Ancora una volta sotto i ferri: Alex Zanardi è stato operato per la terza volta dopo il terribile incidente in cui è rimasto coinvolto il 19 giugno scorso mentre partecipava ad una delle tappe di Obiettivo Tricolore, la staffetta...


Aspettando il Campionato Italiano di Ciclismo Professionisti, che si correrà nel weekend del 21-23 agosto 2020,  è già tempo di test. Il primo riscontro è di Alessandro De Marchi del CCC Team, convinto del percorso a cronometro: «Classico e sfidante - lo...


La pandemia ci ha abituato, purtroppo, a fare i conti anche con le incongruenze, le cose incomprensibili, i fatti inaccettabili. È una costante, del nostro Paese, purtroppo. Il fatto minimo che vi raccontiamo arriva da Dalmine, raccontato da un anonimo...


«Non si riparte. Organizzare eventi è praticamente impossibile». Questo, in sintesi, l'allarme lanciato questa mattina dal commissario provinciale della Federazione Ciclistica Italiana Christian Rigamonti attraverso il Corriere di Como. La preoccupazione è rivolta soprattutto alle categorie giovanili, nelle quali tutto...


Sarà la città di Plouay(Francia) ad ospitare, dal 24 al 28 Agosto 2020, i Campionati Europei su strada 2020. La decisione è stata presa nelle scorse ore al termine di una serie di contatti preparativi con la Federazione Ciclistica Francese,...


"Ho rilanciato Gilberto Simoni che aveva già 28 anni e siamo saliti sul podio del Giro, da lì è ripartita una carriera che lo ha visto salire per altre 6 volte a podio, 2 primi". Così Flavio Miozzo ai microfoni...


Inizia la nuova settimana all'insegna del buonumore, Vincenzo Nibali, e ci regala una foto davvero divertente con il commento «Iniziamo la settimana con un po' di dietro motore. Buon lunedì» accompagnato dalle tradizionali emoticon. Un piccolo segnale, che conferma come...


arrivano buone notizie da Pescara dove migliorano le condizioni di Nicolas Chiola, il ciclista 19enne di Cepagatti rimasto gravemente ferito dopo essere stato travolto da un fuoristrada davanti all’ospedale di Chieti mentre si stava allenando. Il giovane Under 23, tesserato...


L’industria ciclistica italiana piange uno dei suoi pionieri. Nella notte fra venerdì e sabato scorsi è mancato all’età di 77 anni Paolo Fontana, co-fondatore del marchio Cicli Olympia di Piove di Sacco, un uomo che ha legato la sua vita...


Ciclismo giovanile comasco fermo fino al 2021. Niente gare e dispersione di corridori che, fermi da marzo e senza la prospettiva di competizioni, non si stanno più ripresentando agli allenamenti. È un quadro a tinte fosche quello che riguarda l’attività...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155