MATTEO TRENTIN E LA SUA CATENA INCATRICCHIATA

NEWS | 30/11/2019 | 07:58
di Francesca Cazzaniga

Nessun valore venale ma un riconoscimento morale e goliardico all’atleta che dopo grandi fatiche e sacrifici deve fare i conti con la sfortuna. È questo lo spirito con cui ieri sera è stata consegnata all’Hotel Regina di Alassio la Catena Incatricchiata a Matteo Trentin, prodotta artigianalmente da Bruno Valdissera.

Un Matteo da 10 e lode. Sorridente e spensierato. Insieme a lui la compagna Claudia Morandini, ex campionessa di sci, e i loro due splendidi bambini, Giovanni e Jacopo. Il corridore trentino ha capito perfettamente il senso di questo premio: «Quanti gufi al Mondiale... Grazie per avermi voluto con voi questa sera. È sempre un piacere passare il tempo insieme a tanti amici».

A rendere la serata ancora più coinvolgente, come d’abitudine, ci ha pensato Riccardo Magrini, ideatore della frase che ha dato origine al premio: «È stato un incatricchiamento mondiale, quello di Matteo, ma senza neanche farlo apposta questa sera si chiude un trittico. A conclusione della 18esima tappa del Giro d’Italia 2016, la Muggió-Pinerolo, ci fu il seguente ordine d’arrivo: Trentin, Moser e Brambilla. Tutti e tre, anche se in anni diversi, sono stati premiati per incatricchiamento. E colgo l'occasione per un grande ringraziamento a Massimo Botti, ideatore di questo premio, e all’ASD Ortovero del presidente Maurizio Tarello che dal 2013 rendono speciale la nostra iniziativa».

Presente alla serata anche il nostro direttore Pier Augusto Stagi che ha sottolineato: «Avete premiato un corridore vero. Credo che Matteo, essendo uno spirito libero, abbia dato la giusta interpretazione al premio, anche se è uno dei corridori meno incatricchiati di tutti. Semplicemente è rimasto battuto. Aveva finito la benzina. Avete consegnato a Matteo un premio rigido,ma che lui sa far volare. È un corridore che sa respirare la vita, anche grazie alla sua meravigliosa famiglia. Matteo è un corridore non covenzionale, spiazzante e rapente. Ha scelto la bicicletta come simbolo di libertà e lui, da sapirito libero, non omologato e omologabile, da quella catena sa liberarsi come pochi: lui è aria. È libertà».

A conclusione di serata lo show inatteso di Bruno Robello e Marco Ghini, un avvocato e un medico che si sono esibiti da consumati cabarettisti. Perché in una serata come quella della Catena incatricchiata, al centro di tutto deve sempre esserci una sana risata.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Tutto pronto per la Red Bull Fingers Cross 2019. Organizzata dal Prorider Marco Aurelio Fontana, la corsa gravel, tra le più difficili nel panorama italiano, è giunta alla terza edizione e si svolgerà anche quest’anno a Vernasca, in provincia di Piacenza. L’appuntamento è per domenica...


Giorgio Squinzi, Presidente di Mapei, scomparso lo scorso 2 ottobre, ha ricevuto l’Ambrogino d’Oro alla memoria, la massima onorificenza del Comune di Milano per l’impegno profuso nel dare lustro alla città. Le motivazioni del riconoscimento sono state: “Non per nascita,...


A volte ritornano. La novità del 2020 riguarda il ritorno degli stranieri in Italia nelle formazioni della categoria Juniores. Ci eravamo lasciati a fine anni Novanta con la FCI che aveva chiuso le frontiere concentrando tutta l'attenzione del movimento sui...


È un look tutto nuovo, una piccola rivoluzione interna, quello presentato dalla Bahrain McLaren per il 2020. Il team bahrenita dice addio ai colori oro e blu, che con il rosso appaiono nella bandiera del Bahrain, per privilegiare una maglia...


Settimane difficili, tensione alle stelle, futuro incerto, addio sempre più vicino e poi, quasi insperata, la soluzione del caso. Riccardo Minali ha firmato il contratto e nella prossima stagione correrà con la Nippo Delko One Provence. Il veronese figlio d'arte...


Le anticipazioni sono confermate: Rohan Dennis correrà con la maglia del Team INEOS nei prossimi due anni. «Questo era un mio sogno da quando sono diventato professionista. Guardandolo da fuori, sono sempre stato un grande fan del team, sin dai...


La Russia è fuori dai Giochi, almeno per ora. Questa mattina infatti, il Comitato Esecutivo della Wada ha ufficializzato la notizia che era nell'aria da giorni: con decisione unanime, è stata infatti sancita l'esclusione della Russia dai Giochi Olimpici e...


Scott Thwaites e lo scalatore Samuel Gaze saranno compagni di squadra di Mathieu van der Poel alla Corendon-Circus. Ad anticiparlo è il sito olandese WielerFlits. Gaze è neozelandese, ha 24 anni e arriva dalla mounatin bike dove è un talento...


L’esperienza di un grande corridore e poi grande tecnico al servizio delle atlete della Canyon Sram. Rolf Aldag, ex direttore delle prestazioni della Dimension Data, si lancia in una nuova sfida come direttore sportivo della squadra femminile tedesca. «Il ciclismo...


Se ne parla da settimane, ma ora sembra esserci qualcosa di più concreto. Il quotidiano australiano The Advertiser, infatti, annuncia infatti il passaggio di Rohan Dennis al Team Ineos nella stagione 2020. Dopo il burrascoso addio alla Bahrain Merida, il...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy