WOODS. «UNA GRANDE VITTORIA E ADESSO... IL LOMBARDIA»

PROFESSIONISTI | 09/10/2019 | 18:27
di Giorgia Monguzzi

 


Michael Woods ha rincorso a lungo una vittoria in una grande classica, finalmente è arrivata con un super trionfo alla Milano Torino, la classica più antica del nostro Paese, nella quale si è lasciato alle spalle uomini del calibro di Alejandro Valverde e Adam Yates. Per il portacolori del team Ef educational è un periodo di ottima forma, una buona condizione che ha già dimostrato di avere sabato scorso al giro dell’Emilia in cui ha colto una seconda posizione.


«Devo ammettere che questa mattina la mia intenzione era quella di non correre a tutta, le condizioni metereologiche avverse mi preoccupavano e volevo mantenere una gamba buona per l’appuntamento di sabato. Alla fine però mi sono sentito molto bene e così ho voluto tentare qualcosa e devo dire che il fatto di aver sfidato la sorte mi ha ben ripagato. Oggi sentivo di essere in ottima forma e penso che il fatto di conoscere questa salita sia stato un punto a mio favore. Sapevo che all’inizio c’è un tratto molto difficile al quale poi segue una parte più dolce prima dell’impennata finale: ho deciso di sfruttare al meglio queste mie conoscenze giocando anche un po’ di tattica. Già all’attacco della scalata finale ho iniziato a scattare, ho attaccato più volte in modo tare da sfiancare il più possibile gli altri, aspettavo che si riportassero sotto e poi scattavo di nuovo fino a quando finalmente non sono più riusciti a tenere le mie ruote».

Il canadese è un corridore con una storia molto particolare, ha infatti iniziato la sua carriera agonistica nell’atletica correndo sulle medie distanze: soltanto in seguito ad una caduta si è avvicinato al mondo del ciclismo. «La mia storia con il ciclismo è molto particolare e per certi versi è molto simile a quella di Roglic. Ho iniziato a correre in bici soltanto a 25 anni in seguito ad un infortunio, sono passato professionista a 29 anni e devo dire che per me non è stato affatto facile. Affacciarsi al professionismo quando hai già una certa età non è mai semplice, soprattutto quando hai a che fare con dei ragazzi che con il ciclismo sono praticamente cresciuti. Ho avuto poco tempo per formarmi, anche perché da me si sono pretesi subito molti risultati. Nella mia carriera, soprattutto negli ultimi tempi, ho fatto molti piazzamenti, certo non ho vinto ma questi risultati sono stati fondamentali per farmi diventare il corridore che sono. Una delle esperienze più formative è stato sicuramente il terzo posto ai Mondiali dell’anno scorso a Insbruck, per me è stata come una vittoria, se oggi ho vinto è anche merito di esperienze come quelle».

Il grande appuntamento per Woods sarà però quello di sabato prossimo al Giro di Lombardia a cui, a suo dire, si presenterà in un’ottima forma: «Domani non correrò il Gran Piemonte, i miei pensieri sono tutti focalizzati su sabato e, dopo il grandioso risultato di oggi, penso di presentarmi al via in ottima forma e di poter essere incluso tra gli uomini più attesi. Ho già partecipato al Giro di Lombardia, ma purtroppo non ho mai raggiunto la top ten: se sto bene non sarà un risultato  impossibile, ma se dovessi raggiungere anche il podio quello sarebbe per me un traguardo straordinario».

Nella giornata di sabato ci si aspetta grandi cose  da Michael Woods che non ha dubbi sul favorito: «Penso di dire con sicurezza che il favorito di sabato sarà Primoz Roglic, dopo quello che ha dimostrato ieri alle Tre Valli e nel week end scorso ha tutte le carte in regola per fare una super corsa. Al Giro dell’Emilia ho avuto l’occasione di osservarlo da vicino, vederlo scalare il San Luca è stato qualcosa di pazzesco, andava su in modo tremendo senza mostrare segni di fatica, sembrava come un robot. Sarà davvero difficile contrastarlo, per non dire impossibile anche perché ha una squadra incredibile che lo supporta».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
«Michele Bartoli è stato un campione straordinario, buono come il pane. E con me ha vinto sette classiche, dico sette...». Giancarlo Ferretti, il sergente di ferro, apre il suo cuore nella nuova puntata di BlaBlaBike e racconta i suoi campioni,...


È stata la riunione più veloce della storia di Zoom: non per problemi tecnici, anzi, ma per l'accordo praticamente unanime sulla decisione da prendere: conferma totale delle indicazioni espresse dai lettori di tuttobiciweb, Marco Villa conquista l'Oscar tuttoBICI come miglior...


Il campione kazako Alexey Lutsenko ha rinnovato il suo contratto con l’Astana - Premier Tech per un'altra stagione, mentre il canadese Steve Bauer e il kazako Dmitriy Muravyev entreranno nel team come direttori sportivi. Così l’Astana- Premier Tech ha completato...


Dallo scorso 11 ottobre, dopo la corsa a Montecatini Terme in Toscana, ha attaccato la bici al chiodo e ha già trovato lavoro, ma il suo obiettivo è arruolarsi nell’Esercito. Questa è la storia di Aldo Caiati, nato il 19...


«Mi sentivo come su un Ferrari nel traffico di Milano alle 8 del mattino... magicamente questo test negativo mi ha proiettato direttamente nell’autodromo di Monza ! Finalmente!»: Filippo Ganna esulta e torna finalmente libero. Il quarto tampone ha dato esito...


La data è di quelle da ricordare: il 25 novembre del 1945, a poco più di 13 anni e mezzo, con tanto di documento “aggiustato” per raggiungere l’età consentita, Ernesto Colnago varcava i cancelli della “Gloria” e iniziava ufficialmente il...


I medici in questo periodo fanno, comprensibilmente e giustamente, più notizia degli sportivi. Non è però per questo che Matteo Bellia ha deciso di appendere la bici al chiodo e indossare il camice. Il 23enne di Domodossola, fino a quest’anno...


La loro è una storia d’amore nata sulla bici in Slovenia e oggi vengono considerati la coppia più bella del ciclismo. Stiamo parlando del vincitore del Tour de France Tadej Pogačar e di Urška Žigart, entrambi campioni nazionali, che stanno...


Enrico Battaglin, Bardiani-CSF-Faizanè, Capitolo II. I Reverberi lo avevano lanciato nel mondo dei grandi nel 2012 e ora, cinque anni dopo l’arrivederci, lo riaccolgono, ritrovando un corridore più maturo, consapevole dei propri pregi e difetti, e con ancora tanto da...


Ha portato in Belgio l’orgoglio tipico dei lombardi, è stato un ciclista professionista e negli anni Ottanta a guidarlo c’era Giancarlo Ferretti: da anni però è lui che dall’ammiraglia conduce i corridori verso il successo. Valerio Piva classe 1958, da Ceresara...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155