CHE SPAVENTO, ALESSIA PICCOLO INVESTITA: «SONO TUTTA UN LIVIDO, MA MI È ANDATA BENE»

APPROFONDIMENTI | 07/09/2019 | 11:46
di Guido La Marca

Se solo fosse andata più forte, forse non sarebbe qui a raccontarla. Martedì scorso, attorno alle 18, Alessia Piccolo, direttore generale e amministratore delegato di Alé è andata ad allungare la lista di chi in bicicletta rischia l’osso del collo. Nessuna frattura, solo una quantità infinita di ematomi e botte, e tanto tantissimo spavento. «Stavo tornando verso l’albergo dopo una giornata in fiera – racconta a tuttobiciweb Alessia Piccolo, che è anche presidente di uno dei team femminili più importanti al mondo -. Ad un certo punto vedo procedere a velocità molto ridotta una macchina. Va talmente piano che tra me e me penso, mi ha chiaramente visto e io ho la precedenza. La signora, che ho poi scoperto avere 78 anni, in verità non fa il minimo cenno di fermarsi. Lentamente ma inesorabilmente procede senza fermarsi e mi prende in pieno. La botta è violenta, picchio la testa, mi ritrovo per terra dolorante con la bici in frantumi. Non so una parola di tedesco, ma mi faccio capire, non prima d’aver lanciato ai miei collaboratori la mia posizione. In un amen arriva l’ambulanza, la polizia e i vigili del fuoco. La signora senza alcun problema ammette di aver sbagliato. Mi portano all’ospedale di Lindau, dove mi fanno tutti gli accertamenti del caso. Nel frattempo mi arriva anche il verbale per l’assicurazione, insomma, se fosse andata più veloce lei e io non so come sarebbe andata a finire, ma ho provato sulla mia pelle l’efficienza tedesca».

Settimana prossima sarà all’Italian Bike Festiva di Rimini. «Ma senza bicicletta: devo riprendermi dalle botte. Sono tutta un livido, però potrei partecipare al meeting sulla sicurezza in bicicletta».

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Se progettiamo le città per le auto e il traffico, avremo come risultato auto e traffico; se progettiamo per le persone e gli spazi pubblici, avremo persone e spazi pubblici. Dalla citazione di Fred Kent, fondatore e presidente dell'organizzazione no...


E' Tran Tuan Kiet, portacolori della Dopagan Dong Thap, a firmare il successo nella decima tappa della HTV Cup, la prima corsa a tappe del dopo pandemia che si sta disputando sulle strade del Vietnam. Fuga a sette andata fino...


Reagisce con forza, Jonathan Vaughters, alle voci sulla possibile uscita di scena della EF e sulla chiusura della squadra, pubblicate questa mattina dal quotidiano L'Equipe. Affidandosi a messaggi su twitter, il team manager statunitense chiarisce: «EF Education First sarà ancora...


"Filippo Simeoni era convintissimo di vincere a Bergamo il tricolore 2008. Me lo disse già la sera precedente in camera, durante il massaggio. Volle farsi massaggiare per ultimo e mi chiese fare un buon lavoro, meglio ancora di quello che...


I lunghi mesi del lock down per la pandemia di Coronavirus hanno modificato la percezione che abbiamo della strada: l’assenza di traffico ha mostrato l’ampiezza delle carreggiate, vuote e senz’auto in transito, così come l’esiguità degli spazi riservati a chi...


Il gergo giornalistico e il bisogno di sensazionalismo possono portare ad abusare di termini ed epiteti. Pensiamo ad aggettivi come “incredibile” o “pazzesco”, a de­finizioni come “magia” e ad attributi come “eroe”, “guerriero” o “lottatore”. Ecco, concentriamoci su quest’ultima area...


Dal 9 al 31 maggio si sarebbe dovuto disputare il Giro d’Italia 2020. Tuttobiciweb lo corre comunque, giorno per giorno, con la forza della memoria. Oggi la diciannovesima tappa: Cristian Gasperoni ci racconta quella del 2003. “Davanti a noi un...


La cultura è uno dei settori che più sta soffrendo per le conseguenze dell’emergenza scatenata dal coronavirus. Nell’ultima puntata di BlaBlaBike ne abbiamo parlato con Luciana Rota, giornalista e autrice, che scrive di ciclismo, di storia del ciclismo, di vini...


"L’idea di una città in cui prevale la bicicletta non è pura fantasia”. Marc Augé aveva ragione: questo mezzo di trasporto ha due secoli alle spalle eppure non è mai stato tanto vivo. Forse perché la vita, su due ruote,...


Organizzazione della 23^ 6 Giorni delle Rose Internazionale e ripresa dell’attività giovanile: sono questi gli obiettivi ai quali sta lavorando lo staff del Velodromo “Attilio Pavesi” di Fiorenzuola d’Arda (Piacenza). La manifestazione di ciclismo su pista di Classe 1 è...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155