RAGAZZE CHE DENUNCIANO, IL #METOO ARRIVA NEL CICLISMO CHE ORA TREMA

DONNE | 24/08/2019 | 10:57
di Guido La Marca

Il problema c’è da tempo, ma non si vede. Nel senso che si fa finta di non vedere e quel che è peggio si fa finta di non sentire. Non è il caso di demonizzare nessuno, ma è anche bene non trascurare l’argomomento che è di estrema gravità e attualità. Gli abusi e le molestie nel mondo rosa del ciclismo non è un’invenzione mediatica, anzi, a livello giornalistico in Italia non se n’è parlato quasi mai, perché fino ad oggi sono arrivati solo qualche voce, mugugno e nulla più. C’è chi sostiene che in Federciclismo qualche anno fa qualcosa sia arrivato (un dossier) ma poi le ragazze offese e le loro rispettive famiglie hanno deciso di non portare avanti nessuna azione legale.

Insomma, il problema c’è e quello che il Corriere della Sera per mano di Marco Bonarrigo porta alla luce quest'oggi non è certamente una fantasia giornalistica. Adesso ci sono ragazze disposte a parlare e a denunciare comportamenti che definire al limite della decenza è un semplice eufemismo.

«Lo stipendio era basso – si legge sul Corriere della Sera in edicola questa mattina: la Health Mate-Cyclelive faticava a trovare sponsor. Così il manager ci propose di vivere da lui a Ekeren, in Belgio. Sei cicliste di sei Nazioni diverse nell’ultimo piano di una casa molto grande e la soluzione sembrava ok. Il problema è che lui, da subito, si mostrò troppo espansivo: cercava di abbracciarci o baciarci, girava in mutande, faceva commenti sul nostro corpo e quando ci ritiravamo infastidite lasciava intendere che non ci avrebbe selezionate per le gare. Per evitarlo sono arrivata a chiudermi in camera tutto il giorno. Alla fine sono scoppiata».

Esther Meisels, 24 anni, israeliana, è una delle quattro cicliste (tra loro Tara Gins e Chloë Turblin) che hanno denunciato (in prima battuta al sito cyclingnews.com) Patrick Van Gamsen, patron di Health Mate, sostenute da altre dieci colleghe che hanno chiesto l’anonimato. Da aprile, dopo essersi ritirata alla Liegi-Bastogne-Liegi, Ester Meisels e le sue colleghe sono senza lavoro. Altre dieci pedalano ancora agli ordini di un manager in carica in attesa di una decisione della Commissione etica federale con una procedura discutibile (articolo 21) che «non concede al denunciante di costituirsi nel procedimento o di essere informato sul suo andamento e ne prevede la convocazione a discrezione dei consiglieri».

Il #meToo è arrivato anche nel ciclismo, e c’era da immaginarselo, perché questo problema discriminatorio nei confronti delle ragazze è trasversale, in ogni sport e ad ogni livello. «Allo scandalo della belga Health Mate si aggiunge quello, datato 2017 ma ancora non chiarito, della Cervelo-Bigla – scrive sempre il Corriere -, dove milita la star Annemieke van Vleuten: quattro atlete (Iris Slappendel, Carmen Small, Vera Koedooder e Doris Schweizer) hanno accusato il manager Thomas Campana di intimidazioni, atti di bullismo e discriminazioni legate alle loro oscillazioni di peso, tema ricorrente nelle denunce…».  E ancora: «La denuncia più celebre in questo senso viene dalla pistard inglese Jessica Varnish, «bullizzata» dal coach-guru Shane Sutton: lui è stato allontanato (tornando però ad allenare in Australia), la federazione non ha pagato per averne sostenuto i metodi».

Si distinguono i tedeschi del Team Sunweb (uno dei più ricchi, lo stesso del vincitore del Giro 2017 Tom Dumoulin) che lunedì scorso ha annunciato un decalogo contro gli abusi destinato a proteggere le ragazze al motto di «#MeToo cycling».

E Marco Bonarrigo ha raccolto anche la testimonianza della campionessa d’Italia ed ex campionessa del mondo Marta Bastianelli. «Quella della Sunweb è una decisione bellissima – spiega al Corriere — ma attuabile solo con i budget milionari di Sunweb. Noi continueremo a non avere bus dove svestirci o fare la doccia, molte ragazze continueranno a cambiarsi in auto o a fare pipì in un angolo protette dalle compagne».

Statene pur certi, la questione non si chiuderà qui.

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

E' partita dal basso, ora guarda verso l'alto. Più che un team una scuola di ciclismo il Team Bramati di Vaprio d'Adda indirizzata a ragazzi e ragazze dai 6 ai 18 anni che praticano la multidisciplina, vale a dire mountain...


  La Coppa Piemonte di ciclocross domenica ha fatto tappa a Bornate, frazione di Serravalle Sesia, per la sua terza prova. Alla manifestazione organizzata dal Pedale Valsesiano hanno partecipato 157 atleti divisi nelle varie categorie. Sul gradino più alto del...


Sabato 23 novembre, alle ore 17.30 presso le Scuole Elementari (Piazzale Carlo Porta) a Lurago d'Erba nel Comasco, si terrà la presentazione del libro "ALFABETO FAUSTO COPPI" 99 storie di Gino Cervi e Giovanni Battistuzzi. Per l'occasione saranno esposti cimeli,...


Una visita al tempio... Tadej Pogacar è stato ospite questa mattina di Ernesto Colnago nella storica sede di Cambiago, alle porte di Milano. Il giovane talento sloveno della UAE era accompagnato dal suo procuratore Alex Carera, dalla fidanzata Urska Zigart...


In occasione del ritrovo conviviale degli Amici della Fondazione Fabio Casartelli presso il Ristorante Il Corazziere di Merone in provincia di Como, è stata presentata la 22° edizione della Medio Fondo Fabio Casartelli, intitolata all’indimenticato campione di Albese con Cassano...


Ci sono uomini vestiti d'azzurro che si aggirano sulle strade della Bretagna. Viaggiano a gruppi di tre e sono pronti a sfruttare qualcsiasi mezzo di locomozione - dal cavallo di san Francesco al treno - pur di raggiungere i punti...


L'irlandese Rory Townsend della Canyon DBH - che ha anche la nazionalita britannica grazie a suo padre proprio come Dan Martin - ha vinto in volata la seconda tappa del Tour of Fuzhou davanti al promettante australiano Blake Quick, campione...


Team Cinelli, che peccato: dopo una sola stagione, ma che avrebbe decisamente meritato un prosieguo, la società ciclistica della categoria Under 23 ha deciso di cessare l'attività. C'è rammarico nella parole di Roberto Portunato, presidente del Velo Val Fontanabuona, che...


Da pochi giorni, il 6 novembre, ha compiuto 26 anni. E’ ancora giovanissimo Fausto Masnada, il bergamasco di Laxolo di Brembilla, che in questa stagione con la casacca dell’ Androni Giocattoli-Sidermec ha più volte “incendiato” le corse: dalle Classiche al...


Hanno risposto più di 1500 appassionati al richiamo della Sagan Fondo Colombia che si è disputata nella città di Barranquilla. Il tre volte campione del mondo è stato il protagonista numero uno della prova che si è svolta sulla città...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy