VALENTINA BASILICO, PENSIERI IN TRICOLORE

DONNE ALLIEVE | 10/07/2019 | 07:20
di Luca Galimberti

Valentina può sembrare timida, ma non lo è. Valentina è spensierata, un po’ “casinista” e sempre pronta a scherzare. Da sabato pomeriggio Valentina Basilico è Campionessa d’Italia nella categoria Donne Allieve. La sedicenne comasca di Cabiate, tesserata per la Società Ciclistica Cesano Maderno, indossando la maglia della Lombardia ha conquistato il titolo tricolore a Chianciano Terme battendo, al fotofinish, la corregionale Emma Redaelli.

Valentina, sabato tu e Emma Redaelli avete regalato al pubblico emozioni straordinarie con uno sprint a due incertissimo. Ci sono immagini in cui entrambe avete le braccia alzate al cielo. Partiamo da qui, mi racconti gli ultimi metri di gara e le tue emozioni?
«È stata una volata lunghissima. Ai 200 metri sono riuscita a trovare la ruota di Emma; pensavo che lanciata la volata le altre atlete si sarebbero aperte lasciandomi lo spazio per passare, ma non è stato così. Sono rimasta chiusa e non ho potuto lanciare lo sprint prima dei 150 metri: non ho perso la calma, mi sono lasciata sfilare per trovare lo spazio e a quel punto ho recuperato, affiancato Emma e dato tutto quello che mi era rimasto. Passata la linea d’arrivo ero abbastanza sicura d’aver vinto grazie alla mia rimonta ed ho alzato le mani, ma inizialmente davano Emma come vincitrice, a quel punto sono stata incerta sulle mie sensazioni. Poi è arrivata la conferma del fotofinish, che gioia».

A chi dedichi questo importante risultato?
«Sicuramente alla mia famiglia, per i tanti sacrifici che fanno per me; e poi a tutta la mia squadra che mi supporta e sopporta, spronandomi sempre a credere più in me stessa e nelle mie capacità, tanto quanto loro credono in me».

Come hai festeggiato il titolo di campionessa nazionale, hai intenzione di organizzare qualche festa particolare per celebrare l’impresa?
«Ho festeggiato con le mie compagne e la squadra subito dopo la vittoria, ma sicuramente ci sarà una festa tricolore nella sede della S.C. Cesano Maderno prossimamente».

Sopra la maglia rossa della S.C. Cesano Maderno, quest’anno hai indossato diverse maglie: a inizio giugno hai vinto il titolo provinciale di Monza e Brianza, poi la maglia bianco – verde di Campionessa Regionale Lombarda. Ora il rosso, il bianco e il verde si sono fusi nella maglia tricolore. Ad oggi che voto daresti alla tua stagione?
«Questa prima parte di stagione è sicuramente positiva, sto pian piano raggiungendo importanti obiettivi che mi ero prefissata e quindi, per ora, mi darei un 8/9».

Per te la maglia di Campionessa Italiana non è una novità, hai vinto il titolo nazionale della corsa a punti nel 2017. Ami di più le corse su strada o la pista?
«Mi piacciono entrambe. Correndo però principalmente in strada direi che il risultato di sabato ha un peso importante».

Facciamo un passo indietro. Come ti sei avvicinata al ciclismo?
«Sin da piccola sono stata molto sportiva e attratta da molte discipline, ho praticato diversi sport, anche contemporaneamente e con buoni risultati. L’incontro col ciclismo è avvenuto da giovanissima e lo devo soprattutto ai miei genitori: ho iniziato ad uscire in mountainbike assieme a mio papà, poi mi hanno proposto di intraprendere questa strada, così mi sono buttata ed eccomi qui».

La prima vittoria di rilievo?
«Era il 2017 ai campionati regionali su pista nella Velocità».

Dopo le ultime fatiche sportive ti concederai un po’ di vacanza?
«Fino a fine mese voglio stare concentrata, c’è la pista a cui pensare. (il 9 e il 10 sarà a Dalmine per i campionati lombardi,ndr) Poi certo mi concederò qualche attimo di relax in montagna con la famiglia».

Che obiettivi ti poni per la seconda parte di stagione?
«Il primo è sicuramente onorare la maglia tricolore. Altri traguardi da provare a raggiungere sono i Campionati Italiani su Pista e le classiche di fine stagione».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

La prima sentenza dell'UAE Tour, emessa dalla salita del Jebel Hafeet, parla di un Adam Yates capace di firmare una bellissima impresa. Il britannico della Mitchelton Scott è scattato a sei chilometri dalla conclusione, solo Lutsenko e Gaudu sono riusciti...


Ieri ci era andato vicino,  cogliendo il secondo posto. Oggi Jhonatan Restrepo al Tour du Rwanda ha centrato il bersaglio grosso andando a vincere la terza tappa (Huye-Rusizi di 142 chilometri). Il 25enne colombiano conferma così il suo grande stato...


Gli organizzatori del Giro di Svizzera, in programma quest'anno dal 7 al 14 giugno, hanno ufficializzato le due wildcard a loro disposizione. Ad affiancare le 19 squadre di WorldTour e la Total Direct Energie - formazioni ammesse di diritto alla...


Per Gregorio Ferri questa stagione è cominciata in salita. Il corridore bolognese classe 1997 del Team Beltrami TSA - Marchiol, dopo un grande 2019 (quattro vittorie e cinque secondi posti, con tanto di partecipazione in azzurro ad Europei e Mondiali...


Nessuno di loro era nato quando la Mapei dominava il nome del ciclismo, nessuno pensava di suscitare tanto clamore nell’indossare una maglia con quel logo e soprattutto con quei cubetti che sono stati per un decennio il colore del ciclismo....


La scena è successa a Vò Euganeo, paesino in quarantena per il Coronavirus. I Carabinieri chiudono l'accesso ed effettuano uno sbarramento all'ingresso del paese. Sono ben 10 i blocchi che chiudono l'accesso al borgo veneto. Un giornalista di Repubblica intervista...


Alessandro Fancellu ha deciso di non far aspettare troppo i suoi tifosi e, alla seconda gara professionistica della carriera, si è ritrovato a lottare per la classifica generale del Tour of Antalya. Alla fine ha chiuso terzo, a soli...


  Michele Coppolillo, validissimo professionista nelle stagioni dal 1991 al 2001, è indicato dagli annuari quale terzo corridore ciclista originario della Calabria approdato al professionismo e poi, come vedremo, seguito da un quarto. L’hanno preceduto Giuseppe Canale, nato a Reggio...


Nice, multinazionale italiana con sede a Oderzo (Treviso) leader internazionale nei settori dell’Home Automation, Home Security e Smart Home, prende parte all’innovativo progetto di automazione del nuovo headquarter Pinarello. La storia di Cicli Pinarello inizia proprio a Treviso nel 1953,...


    Il Team Pieri Calamai di Settimello di Calenzano è una bella realtà del ciclismo juniores toscano, dove passione ed impegno vanno di pari passo sostenuti dal presidente Piero Pieri, da Leonardo Forconi e dal direttore sportivo Federico Fioravanti,...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155