GIRO. PETERS: «FELICE DI AVER COLTO LA MIA PRIMA VITTORIA QUI»

GIRO D'ITALIA | 29/05/2019 | 17:00
di Giorgia Monguzzi

Un arrivo in solitaria quello di Nans Peters nella diciassettesima tappa del Giro 102 che raggiunge così il suo primo successo tra i professionisti.  
«`E il mio primo successo da professionista, vincere per la prima volta proprio al Giro è un sogno che si realizza, ho rincorso questa vittoria per più di un anno, ma non ERO mai riuscito a raggiungerla, ora finalmente posso tirare un sospiro di sollievo» ci dice il francese visibilmente emozionato.

La sua vittoria arriva al termine di una fuga portata avanti insieme ad un folto gruppo di corridori che Peters non nasconde di avere molto temuto. «Eravamo davvero molti in fuga e devo dire che non c’era soltanto un avversario che mi faceva paura, avevo molti campioni al mio fianco come Formolo, De Gendt e Jungels - racconta -  all’inizio ho deciso di seguirli, poi quando siamo arrivati al chilometro 140 mi sono detto che avrei dovuto assolutamente attaccare, dovevo tentare una volta e avrebbe dovuto essere quella buona. Non avevo pianificato un punto preciso, ma quando mancavano 15 chilometri è giunta la mia occasione: c’era un piccolo strappo e così ho deciso di tentare, ho cercato anche di gestirmi in modo tale che se mi avessero ripreso avrei potuto mantenere le ruote dei miei avversarsi. Fortunatamente la mia è stata la scelta giusta e sono arrivato solitario al traguardo».

Peters è felice e soddisfatto per la sua vittoria, ma nonostante ciò preferisce non montarsi la testa. «Sono molto soddisfatto della mia vittoria, ma questo non cambia molto il mio ruolo. Sono un attaccante, non sono veloce e nemmeno forte in salita, l’unico modo che ho per vincere è attaccare. In squadra con me ci sono molti campioni come Bardet e di certo non penso di lottare con lui per i ranghi di capitano».

Infine il francese si concede un attimo per scherzare spiegando da dove deriva il suo soprannome “pinguino”. «È un amico che mi ha dato questo soprannome - dice ridendo - è stata tutta colpa dei miei occhi e del fatto che in bici mi muovo molto e lo faccio in modo strano».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Rinaldo Nocentini ha ricevuto stamane il premio Bici al Chiodo e ne abbiamo approfittato per fare due chiacchiere con lui sulla sua “nuova vita”. «Sono felice dei aver preso questa decisione. Ci stavo pensando invero già da un paio d’anni,...


Anche Moreno Moser è stato omaggiato con un Premio alla Carriera durante la grande festa de La Bici al chiodo: «Fa un effetto strano essere qui, mi rendo conto che sarà una delle ultime manifestazioni di questo genere alle quali...


Caleb Ewan vince la prima volata dell'anno: l'australiano delal Lotto Soudal ha conquistato il successo nel Criterium del Tour Down Under, tradizionale "aperitivo" della corsa a tappe che scatterà martedì. Ewan ha battuto sul traguardo di Adelaide Elia Viviani e...


Scansione in 3D per i ciclisti, è questa l'attività in cui sono impegnati il tedesco Tony Martin e il tecnico della Lotto Visma durante una fase del training camp. A cosa serve? E' un lavoro che viene effettuato per riprodurre...


Nel 2019 ha vinto di tutto e di più sull’ammiraglia della Deceuninck Quick Step (70 corse di alto e altissimo livello). E ha bissato il successo del 2016 vincendo l’Oscar tuttoBICI come miglior direttore sportivo dell’anno. Stiamo parlando di Davide...


Con una volata lunga e potente, Simona Frapporti reagala all'Italia femminile il primo successo della stagione. La portacolori della Bepink ha vinto ad Adelaide la quarta e ultima tappa del Tour Down Under. Il successo finale nella corsa australiana è...


Più che un semplice segnale d’allarme, è un grido una sirena, una campana a martello. Il doping torna ad affacciarsi nel mondo del grande ciclismo: lo scorso anno sono stati 32 di positività tra i corridori di alto livello, contro...


  E’ un desiderio, un’innocenza, o forse un’illusione. E’ un’atarassia, un’allegria, o forse un’assenza. E’ un traguardo, una meta, o forse un viaggio. E’ uno stato d’animo, un modo d’essere, o forse un’opera d’arte. La felicità è un amore, una...


Il neozelandese Dylan Kennett della St George Continental Cycling Team ha vinto allo sprint la tappa conclusiva della New Zealand Classic. La vittoria finale è andata all'australiano Rylee Field del Team Bridgelane. ORDINE D'ARRIVO 1 Dylan Kennett (NZl) St George...


Si è chiuso da pochi giorni il primo ritiro pre-stagionale dell’AS Roma Ciclismo - Coratti, sodalizio nato dalla collaborazione tra la società giallorossa e il Team Coratti, storica formazione romana da sempre attiva nel mondo del ciclismo giovanile. Grazie a...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155