L'ABC DI COSTA. OCCHIO ALLE RICADUTE

GIRO D'ITALIA | 22/05/2019 | 17:39
di Angelo Costa

C come cadute. Nel senso di capitomboli. Sono gli incidenti sul percorso, da non confondere con gli incidenti di percorso: entrambi sono contrattempi, ma i primi lasciano i segni. Nel ciclismo sono frequentissimi, tanto che la federazione internazionale, per correre ai ripari, ha ridotto il numero di partecipanti alle gare: siccome si cade anche nelle crono individuali, per risolvere il problema è allo studio un tipo di corsa senza corridori. Rispetto ad altri sport, i ciclisti sono atleti seri: quando cadono, anche feriti si preoccupano di ripartire subito, non di essere ingaggiati all’Actor’s studio. Si cade ovunque: in pianura, in salita, in discesa, persino salendo sul palco del foglio firma e lasciando quello delle premiazioni. C’è anche chi cade sulle scale dell’albergo o scendendo dal pullman del team: anziché sul bollettino medico, questi finiscono nell’elenco dei pirla. Di cadute gravi purtroppo è ricca la storia: tra le più note quella del marchigiano Massi, ancora ricordata sui cartelli stradali. Ne esistono di vari tipi: quella del campione in crisi di risultati (caduta in basso), quella del ciclista che impreca (caduta di stile), quella di chi non azzecca la strategia (caduta in errore), quella di chi si fa beffare da un rivale più furbo (caduta in trappola). La più classica resta la caduta sui rettilinei lunghi e larghi: succede perché ci si sente così al sicuro da cadere nella noia. La più frequente resta quella nei volatoni, come a Modena: svolgendosi in una delle capitali di uno sport antico come la ruzzola, c’era da aspettarsi il ruzzolone. Da una tappa così, ne sono usciti grattugiati in tanti: la partenza di Carpi, più che un ritrovo di ciclisti, assomigliava a un defilé di mummie. Eppure sono ripartiti tutti, compresi Battaglin e Simion, che dopo il secondo capitombolo in pochi giorni sono i testimonial ideali dell’invito dei medici a stare riguardati: è sempre meglio evitare le ricadute.

P come pubblicità. Nel senso di forma di comunicazione. Tra i vari mezzi con cui si esprime, molto diffusi nel ciclismo i filmati tv, che gli sponsor fanno interpretare direttamente ai loro atleti: è la conferma che alcuni corrono per spot. Tra i team che ne fanno un uso massiccio c’è la Katusha, sponsorizzata da uno shampoo reso famoso anni fa da Dumoulin, non perché gli donasse una chioma perfetta, ma perché trovava sempre un compagno che lo precedeva nella doccia: primo caso di shampoo che non solo arresta la caduta dei capelli, ma anche il campione che vuole lavarsi. Attualmente il testimonial degli intervalli pubblicitari è Marcel Kittel, che non corre questo Giro, ma soprattutto non corre più con la squadra russa: primo caso di shampoo che non solo scaccia via la forfora, ma anche il campione. Più recente il cortometraggio di un’azienda di sedili per auto, trasmesso negli intervalli pubblicitari della corsa rosa: per esaltare la qualità del prodotto, racconta delle ‘strade sconnesse di Budapest’. Magari sono le stesse che fra un anno ospiteranno la partenza del Giro: tipico caso in cui qualcuno deve aver sbagliato percorso.   

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Sono considerati il nostro prossimo futuro del ciclismo e se le cose procedono in questo modo possiamo dormire sonni più che tranquilli. La categoria Under 23 è l’autentico specchio di quello che verrà, la via di mezzo tra innocenza e...


Da molti anni la nazionale femminile è un punto di forza del ciclismo italiano: le donne non hanno mai mancato di portare a casa preziose vittorie e medaglie nelle spedizioni azzurre e anche quest’anno non si sono smentite. Anche se...


Gli juniores sono la categoria degli atleti più giovani, i "piccoli" del ciclismo che conta, ma da sempre sono in grado di regalarci grandissime soddisfazioni. Anche nella stagione appena conclusa i ragazzi di Rino de Candido non sono stati da...


È stato un anno intenso per ciclismo italiano, una stagione ricca di risultati importanti, ma soprattutto grandissime emozioni. Sono state ben 78 medaglie quelle conquistate dagli azzurri, con 13 maglie iridate, 16 titoli europei. Si tratta di un bottino molto...


Androni Giocattoli Sidermec protagonista oggi al Giro d’Onore della Federazione Ciclistica Italiana. È stata l’annuale cerimonia dei riconoscimenti alle medaglie del ciclismo italiano (ben 78 nel 2019) a portare nuova vetrina al team campione d’Italia. Nella cornice del Baluardo della...


Jakub Mareczko è stato operato al setto nasale agli Spedali Civili di Brescia. L'intervento, eseguito dal dottor Luca Pianta e perfettamente riuscito, ha comportato la deviazione dei turbinati del setto nasale e si è reso necessario per risolvere i problemi...


La Neuron è una piattaforma estremamente versatile ed una delle più conosciute di Canyon: con i suoi 130 millimetri di escursione consente di affrontare qualsiasi terreno, dai lunghi tour alpini alle escursioni più divertenti dietro casa. Con il nuovo modello di punta...


Sarmede, piccolo borgo in provincia di Treviso, è il Paese della Fiaba ma ha anche tanta storia da raccontare, soprattutto legata al ciclismo perché è qui che è nato e ha vissuto il grande Vito Favero. Se passate per questa...


Migliaia di persone si sono date appuntamento oggi a Saint-Léonard de Noblat per dare l’ultimo saluto a Raymond Poulidor, scomparso mercoledì scorso all’età di 83 anni. Tantissimi volti noti del ciclismo francese, a cominciare da Chistian Prudhomme, direttore del Tour,...


La Vuelta ha deciso di fissare uno dei traguardi più prestigiosi della prossima edizione - in programma dal 14 agosto al 6 settembre 2020 - sul mitico Tourmalet. Ad anticipare la notizia è il quotidiano La Dépêche du Midi: dopo...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy