LANGKAWI. PELUCCHI TRIONFA NELLA QUINTA TAPPA

PROFESSIONISTI | 10/04/2019 | 10:41
di Diego Barbera

Matteo Pelucchi vince la sua prima corsa in maglia Androni Giocattoli Sidermec trionfando nella quinta tappa del LTdL 2019 con partenza da Tanjung Malim e arrivo a Taiping dopo 200,1 km. Seconda posizione per Blake Quick (St. George) e terza per Travis McCabe (Floyd's). Non cambia la maglia gialla sempre al sicuro sulle spalle dell’australiano Ben Dyball (Sapura).

La frazione ha tirato dritto per dritto verso nord per poi virare decisamente verso ovest riportandosi verso l’Oceano. Anche oggi una temperatura molto alta con un’umidità consistente talvolta tramutatasi in qualcosa di più. Ma è la Malesia e qui è la quotidianità, seppur mitigata ad Aprile da qualche pioggia di più rispetto al consueto appuntamento di febbraio-marzo.

I 120 corridori hanno lasciato la sede di partenza alle 12.12 e i tentativi non sono mancati sin dall’inizio con Kent Main della ProTouch che ha provato ad andarsene da solo dopo circa 30 km. Il primo sprint di giornata, dopo 36,8 km a Sungkai ha visto passare il fuggitivo Main dunque il gruppo regolato dal vincitore della seconda tappa, Harrif Saleh davanti all’ex-leader McCabe. Dopo poco, Main è stato ripreso.

Altissimo il ritmo e anche oggi il gruppo si è spezzato in tre parti, con dalla testa un nutrito plotone di corridori che hanno finalmente composto la fuga di giornata. Dentro c’erano i nostri Marengo (Neri), Maestri e Simion (Bardiani) con Raileanu (Sapura), Clarke (Floyd's), Uchima (Ukyo), Liu (Mitchelton), Iribe (Japan) inseguiti da Saramotins (Interpro), Beneke (ProTouch) e Andrews (Oliver’s). I contrattaccanti hanno desistito dopo poco, mentre gli otto davanti guadagnavano 1’20’’ dopo 78km salendo fino a un massimo di 3’25’’ a circa 40 km dal traguardo. Ma il gruppo rimontava regolare con la Sapura che non ha lasciato lievitare troppo il gap e con la Androni che è entrata in azione circa ai -30km accelerando sull'ultimo gpm per recuperare il più possibile grazie ai suoi tre scalatori in squadra (ricordiamo che il croato Rumac si era ritirato ieri).

Simioni ha vinto entrambi gli altri sprint intermedi ed è stato il più propositivo quando era rimasto davanti soltanto con Railenau e Iribe, che si sono dimostrati poco collaborativi, probabilmente sentendosi già battuti in un eventuale arrivo a tre. La fuga si è quindi esaurita a circa i -2 km.

Si è arrivati così allo sprint a ranghi compatti con Pelucchi che ha battezzato la maglia Androni con la sua prima vittoria con la nuova casacca sotto una pioggia leggera che poi si è tramutata in scroscio al momento della premiazione sul podio.

ORDINE D'ARRIVO

1    Pelucchi Matteo    Androni Giocattoli - Sidermec    20    30    4:27:11
2    Quick Blake    St George Continental Cycling Team    10    18    ,,
3    McCabe Travis    Floyd's Pro Cycling    5    12    ,,
4    Saleh Mohd Hariff    Terengganu Cycling Team        7    ,,
5    Bresciani Michael    Bardiani - CSF        4    ,,
6    Bogdanovics Maris    Interpro Cycling Academy        3    ,,
7    Hendricks Clint    ProTouch        2    ,,
8    Shtein Grigoriy    Vino - Astana Motors        1    ,,
9    Wiggins Craig    St George Continental Cycling Team            ,,
10    Julius Jayde    ProTouch            ,,

CLASSIFICA GENERALE

1    1    -    Dyball Benjamin    Team Sapura Cycling    5    21:52:53
2    2    -    Aguirre Hernán    Interpro Cycling Academy        0:27
3    3    -    Swirbul Keegan    Floyd's Pro Cycling        0:50
4    4    -    Pronskiy Vadim    Vino - Astana Motors        1:05
5    5    -    Masuda Nariyuki    Japan        1:29
6    6    -    Cherkasov Nikolay    Gazprom-RusVelo        1:40
7    7    -    Crome Sam    Team UKYO        2:06
8    8    -    Bisolti Alessandro    Androni Giocattoli - Sidermec        2:28
9    9    -    Ovett Freddy    Pro Racing Sunshine Coast        2:31
10    10    -    Țvetcov Serghei    Floyd's Pro Cycling        2:42

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Una cronometro di altissimo livello oggi a Imola, con l’oro conquistato da Filippo Ganna, mentre l’argento è andato ad un deluso Wout van Aert, che sperava di vincere la maglia iridata. «Non potevo andare meglio oggi. Al momento c'è ancora...


Vento forte su Imola, fortissimo, esagerato. E la struttura del traguardo mondiale non regge la violenza degli agenti atmosferici, si abbatte, si accartoccia su se stessa. Per fortuna nessun addetto ai lavori è rimasto ferito nel crollo. Un vero e...


Un oro è per sempre ma quello di Filippo Ganna è un oro speciale, è il primo che l’Italia vince nella cronometro iridata. Lo scorso anno il ragazzo di Verbania aveva conquistato il bronzo nello York Shire e, meglio di...


Dopo la vittoria all’Europeo, lo svizzero Stefan Küng è salito anche sul podio mondiale. Voleva la medaglia più preziosa, ma ha dovuto fare i conti con uno straordinario Filippo Ganna e con un altrettanto forte belga Wout...


Amore Infinito è lo slogan che da alcuni anni accompagna il Giro d'Italia e la Vini Zabù KTM, innamorata della Corsa Rosa, peresenta la selezione per quello che è il suo ritorno a due anni di distanza dall'ultima volta.BEVILACQUA SIMONE...


L'UCI  ha ufficializzato oggi il calendario della stagione su strada 2021. Sulla carta tutte le gare tornano nella loro sede naturale e la speranza è che la pandemia consenta davvero di ritrovare la regolarità della stagione. Una considerazione, mancano alcune...


Sono sei gli appuntamenti internazionali del calendario femminile italiano 2021. Da segnalare che non appare il Giro dell'Emilia mentre c'è il Gran Premio Beghelli, che quest'anno non si è disputato, e la novità della Tre Valli Varesine a fine stagione,...


Filippo Ganna scrive una grande pagina di storia del ciclismo italiano: mai un azzurro era riuscito a conquistare la maglia iridata nella prova a cronometro. Il gigante verbanese c'è riuscito a Imola, sulle strade di casa ha avuto la meglio...


Si dice sempre che i ciclisti siano degli eroi e non sono parole vane. L'ultimo esempio ce l'ha regalato Chloe Dygert che questa mattina ha posato sui social: «Quando sono caduta ho pensato: se recupero la bici posso ancora vincere?...


Una diversità funzionale, qualunque essa sia, non impedisce a nessuno di praticare uno sport meraviglioso come il ciclismo. Da qui nasce Idemticos, il nuovo progetto con cui la Fondazione Contador, grazie alla decisiva collaborazione di Cofidis, vuole promuovere l'attività ciclistica...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155