L'ORA DEL PASTO. LE STRATEGIE DI MICHELETTO

STORIA | 25/01/2019 | 07:27
di Marco Pastonesi

Giro di Romagna del 1911. Si correva per il secondo posto. Non perché ci fosse un Coppi o un Merckx, cioè un Campionissimo o un Cannibale impossibili da precedere, ma perché il premio per il secondo (un maiale) era più ambito di quello per il primo (una medaglia d’oro). Giovanni Micheletto escogitò una strategia perfetta: nel finale si portò in testa alla corsa, poi rallentò, come colto da una crisi di fame o da una spossatezza fisica, e venne superato da un altro corridore, poi amministrò lo svantaggio dal primo e il vantaggio sul terzo. Ma proprio nella dirittura d’arrivo, il primo scivolò, cadde a terra e non si rialzò, e lui, a malincuore, vinse.

Avrebbe compiuto 130 anni, il 23 gennaio, Giovanni Micheletto. Era uno dei pionieri del ciclismo italiano, coraggioso e avventuroso, riservato a uomini di una resistenza mitologica. Friulano di Sacile, dove nacque nel 1889 e dove morì nel 1958, era soprannominato pomposamente “il Conte di Sacile” più per i suoi successi agonistici che non per la posizione economica, e chiamato più familiarmente e affettuosamente “Nane”. Giacinto Bevilacqua gli ha dedicato un volume biografico (“Giovanni Micheletto il Conte di Sacile”), la prima edizione nel 2012, la seconda nel 2018 (Alba, 140 pagine, 10 euro).

Papà rivenditore di vini, mamma oste e cuoca, Giovanni frequentò elementari e avviamento professionale, e sembrava destinato a sostituire i genitori nelle attività commerciali. Lo fregò la bici. Non la sua, ma quella di Achille, il fratello maggiore. Perché Achille correva e Nane lo seguiva solo per fargli da gregario. Peccato che andasse più forte. Accadde proprio nella sua prima corsa: a Conegliano, nel 1905, primo Giovanni, secondo Achille. E così diventò lui il Micheletto corridore. Nel 1906 conquistò il Gran premio Peugeot a Milano, e questa vittoria gli fruttò il viaggio a Parigi per una gara internazionale a spese della Federazione.

Il ciclismo di Micheletto è quello del Diavolo Rosso (Giovanni Gerbi) e di Petit Breton (Lucien Georges Mazan), di “Manina” (Giovanni Cuniolo) e del “Baslot” (Giovanni Rossignoli), di “Luisòn” (Luigi Ganna) e dell’”Avocatt” (Eberardo Pavesi). E’ il ciclismo del primo Giro d’Italia (corso con la maglia della Peugeot, ma si ritirò nella quarta tappa) e del quarto Giro di Lombardia (a metà percorso era ancora fra i primi, poi crollò e abbandonò). La prima vittoria tra i professionisti nella seconda delle due tappe del Giro del Veneto, nel 1909: la Udine-Vicenza di 302 chilometri, in 11 ore, 24 minuti e 25 secondi, alla media di quasi 26 chilometri e mezzo. Il ciclismo era una lenta agonia.

Il capolavoro del Nane fu firmato al Giro di Lombardia del 1910: si correva il 6 novembre, nel fango. La selezione naturale, la fuga di Octave Lapize (che aveva appena vinto il Tour de France) e poi la sua crisi, il duello fra Ganna e Micheletto, Ganna che lanciò la volata, Micheletto che lo freddò sul traguardo di Sesto San Giovanni. Il Conte di Sacile arricchì la sua storia a pedali, fra l’altro, con due vittorie di tappa e quella finale (l’unica volta in cui fu calcolata per le squadre, lui nell’Atala-Dunlop) nel Giro d’Italia del 1912, e una vittoria di tappa al Tour de France del 1913.

Poi la Grande guerra, la disfatta di Caporetto, anche lui fra i soldati che raggiunsero il Piave, il ritorno alla vita, addio bicicletta, ma c’era il commercio, e Giovanni si aprì ai liquori, da una cantina a una distilleria, con l’anice, la crema marsala, la china, il millefiori, la prugna e il vov. La Seconda guerra mondiale rivelò Micheletto antifascista e partigiano. E alla ricostruzione del Paese partecipò come presidente dell’ospedale di Sacile.

Silenzioso e generoso, curioso e intuitivo, il Conte di Sacile stupiva per le sue stranezze: amava i datteri, chiamava “prosciutto di pesce” il salmone affumicato, a 60 anni tornò alle corse, non a due ma a quattro ruote, primeggiò con una Lancia Ardea nella categoria dei gentlemen, ma non resisteva al richiamo del ciclismo, alla radio, sulla strada, sui giornali, negli alberghi delle squadre. Un giorno Tano Belloni, l’Eterno Secondo, lo santificò: “Se avessi avuto la sua potenza, altro che Binda, altro che Girardengo, non mi avrebbe battuto nessuno”.


Copyright © TBW
COMMENTI
Pastonesi...
25 gennaio 2019 07:49 geo
Semplicemente BRAVO!

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Lavori in corso al Comitato Regionale Lombardo per costruire il ciclismo di domani. L’altra sera si è svolto un importante incontro - confronto con tutte le componenti del Centro Studi Regionale. Presenti tra gli altri il responsabile del Centro Studi...


E’ già stato campione italiano. Non in linea e neanche a cronometro, non nella mountain bike e neanche nel ciclocross, non nella velocità e neanche nell’inseguimento. Campione italiano di boogie woogie. Senza maglia tricolore. Pier Elis Belletta va spiegato fin...


Succede solo all'UAE Tour... Già, succede solo quaggiù che una presentazione avvenga proiettando le immagini dei corridori sulla Burj Khalifa. Difficile pensare a qualcosa di più grande, di più imponente e di più spettacolare. Guardate il nostro breve filmato per...


Se il debutto a Laigueglia aveva regalato delle speranze alla Iseo Serrature Rime Carnovali, alla Coppa San Geo i ragazzi diretti dal ds Daniele Calosso hanno confermato il buon momento di tutto il team riuscendo a conquistare un prestigioso podio...


Milano scende in campo e dichiara guerra ai ladri di biciclette. L’arma? Il lancio di un bando per la creazione di un registro online, al quale ogni cittadino potrà inserire i dati della sue bicicletta, comprese immagini e… segni particolari....


"Buona la prima". Il team Palazzago, all'esordio con nome e sponsor completamente rinnovati, si chiama infatti Velo+Racing Team, conquista la prima vittoria stagionale nella prima gara di apertura della stagione agonistica su strada. A firmare il primo bersaglio è il...


Giulio Ciccone firma la sua prima vittoria con la maglia dela Trek Segafredo imponendosi a Mons, traguardo della seconda tappa del Tour du Haut Var. L'abruzzese ha regolato allo sprint un gruppo di 11 atleti con Thibaut Pinot secondo e...


Vittoria tedesca nella terza tappa della Valenciana femminile con Clara Koppenburg della WNT-Rotor Pro Cycling che si è imposta per distacco in salita precedendo la sudafricana Moolman della CCC - Liv e l'azzurra Soraya Paladin della Alé Cipollini che aggiunge...


Volata di potenza quella di Dylan Groenewegen sul traguardo di Tavira dove, si è conclusa la quarta tappa della Volta ao Algarve in Portogallo. L'olandese del team Jumbo Visma ha nettamente dominato lo sprint anticipando di qualche metro Demare, Philipsen,...


Vittoria di spessore quella di Simon Yates nella quarta tappa della Vuelta Andalucia-Ruta del Sol che oggi si è conclusa Granada. Il britannico della Mitchelton Scott, vincitore della Vuelta 2018, si è involata sulla salita finale per poi anticipare di...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy