HAINAN. GUARDINI: «DOPO IERI NON POTEVO SBAGLIARE». AUDIO

PROFESSIONISTI | 26/10/2018 | 07:50
di Diego Barbera

Un successo quasi liberatorio per Andrea Guardini nella quarta tappa del Tour of Hainan 2018. Il velocista della Bardiani CSF ha “vendicato” la delusione di ieri suggellando un lavoro di squadra perfetto e imponendosi davanti a Davide Ballerini (Androni Giocattoli Sidermec).

Le sue impressioni a caldo (nel vero senso della parola, anche oggi circa 40 gradi) prima della premiazione. A fondo pagina il file audio da ascoltare.

Una vittoria di forza e di testa oggi
«Oggi ho messo quello che non ho messo ieri negli ultimi 200 metri e sono riuscito a contenere la rimonta degli avversari negli ultimi 50 metri. Sono veramente felice, non potevo sbagliare una seconda volta proprio per i miei compagni di squadra che ieri hanno fatto un grandissimo lavoro. Ci siamo mossi alla perfezione nel finale negli ultimi 10 km, siamo stati bravi a gestire la situazione di una corsa che negli ultimi chilometri è sempre un po’ pazza con scatti e controscatti. Ieri ho sbagliato io, oggi è andata bene».

Ti sentivi nervoso dopo ieri?
«Dopo ieri ho dormito male, pensavo tante volte a quei 200 metri e al momento che ho lasciato sfuggire. Ieri la squadra ha lavorato tanto e mi è spiaciuto. Oggi dovevo vincere per loro, è stata una rivincita».

Nel finale avete anche improvvisato una strategia poi dimostratasi vincente
«Ci siamo trovati davanti ai -12 km circa con altre squadre che dovevano mantenere il gap dalla fuga, ma eravamo troppo avanti e stavamo spendendo troppo, così ho detto a Wackermann di partire e scompigliare un po’ le carte. Negli ultimi 5-6 km questo ci ha permesso di riprendere una posizione un po’ più coperta con Simion e Maestri e poi siamo usciti al meglio all’ultimo km».

Continua il tuo feeling con l’Asia
«Ho sempre detto che amo correre al caldo e qui ce n’è tanto con 40 gradi e umidità alta, però è sicuramente meglio che pioggia e freddo per me».

Un pensiero alla classifica a punti?
«Io sono sempre più dell’idea di focalizzarmi sulle vittorie di tappa, ma spesso accade come anche al Langkawi che di riflesso arrivi anche la maglia a punti, ma non è il mio primo obiettivo. I punti di differenza sono molti però se ne possono raccogliere tanti vincendo due o tre frazioni dunque non si sa mai, la strada è ancora lunga. Ora ci godiamo questa vittoria e domani penseremo a quella di domani».

Quattro vincitori diversi su quattro tappe, chi è il rivale più pericoloso?
«I finali sono sempre molto combattuti e questo riflette le potenzialità del gruppo con tanti velocisti e arrivi mai scontati. Inoltre cambiano gli sprinter a seconda della tipologia delle tappe. Domani probabilmente sarà una tappe diversa».

Il secondo classificato Davide Ballerini (Androni Giocattoli Sidermec): «Ai 400 metri ho perso Manuel Belletti al quale dovevo tirare la volata, non sono riuscito a vincere, ma sicuramente riproveremo nelle prossime gare. Siamo venuti qui cattivi e determinati sin dall’inizio e stiamo cercando di raccogliere il più possibile».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Sudore più sacrificio uguale successo. È questo il motto di Andrea Vendrame, che si appresta a fare il grande salto nel World Tour e a vivere una nuova pagina della sua promettente carriera. Il 25enne trevigiano, passato professionista nel 2017...


  "La grande cultura del ciclismo è quella di far ritrovare tanti amici che hanno come obiettivo la crescita dei ragazzi" e "questa stagione, ricca di risultati, è stata caratterizzata, fino ad ora, da 78 medaglie proprio nell'anno che precede...


  Tra le belle sorprese che ci ha regalato il 2019 c'è Nicola Venchiarutti. Ventuno anni, friulano di Osoppo, 30 chilometri a nord di Udine, Nicola è passista veloce che si difende bene anche in salita. Quest'anno con il Cycling...


La macchina organizzativa del Memorial Efisio Melis è già all’opera per realizzare una manifestazione che possa replicare il successo delle edizioni precedenti in ricordo di un grande dirigente della Polisportiva Capoterra che ha guidato una delle più gloriose società ciclistiche...


Il Velo Club Sovico ha iniziato il cammino verso la nuova stagione. Sabato i sei atleti che il prossimo anno formeranno la squadra Esordienti hanno passato alcune ore assieme ai tecnici Gabriele Buttini e Mattia Redaelli per gettare le basi...


I prodotti utilizzati dai team professionistici di ciclismo fanno sempre gola agli appassionati. Succede così che quando i team decidono di mettere in vendita il materiale utilizzato durante l'anno, ci sia sempre molto interesse da parte dei fan. La regola...


  Partì da Boston il 27 giugno 1894: aveva 24 anni, una bicicletta-cancello (Columbia) di una ventina di chili, la gonna lunga e una pistola. Arrivò a Chicago il 12 settembre 1895: aveva 25 anni, una bicicletta da uomo (Sterling)...


Per diciotto anni è stato uno dei fari, dei punti di riferimento del gruppo. Uno dei più apprezzati e riconosciuti corridori in gruppo. Per il suo talento, la sua correttezza, per una storia fatta di vittorie raccolte per sé (54)...


La sua positività - ovviamente anonima, visto che M.C. ha solo 15 anni - riscontrata al termine di una corsa aveva creato naturalmente scalpore. Anche perché l’asettico cominicato di NadoItalia parlava genericamente di steroide anabolizzante. La sua assoluzione, decretata oggi...


Giornata importante, quella di oggi, per la famiglia Bonifazio: la Total Direct Energie ha infatti annunciato il prolungmaneo del contratto di Niccolò, che in questa stagione ha colto sette vittorie con la maglia del team francese, e l'ingaggio di suo...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy