TOUR 2019, UN PERCORSO NERVOSO ADATTO AGLI SCATTISTI

PROFESSIONISTI | 25/10/2018 | 13:02
di Paolo Broggi

Un Tour de France nervoso, non durissimo, adatto soprattutto a corridori muniti di fondo, resistenza e scatto. È questa la prima analisi che si impone scorrendo le tappe dell'edizione numero 106 della Grande Bouce, presentata ufficialmente questa mattina a Parigi.


Sette tappe di pianura, sette di media montagna e cinque arrivi in salita, una cronosquadre di 27 chilometri e una sola crono individuale della stessa lunghezza, con partenza e arrivo a Pau e tracciato non semplicissimo.


Bruxelles, capitale belga, ospiterà le prime due frazioni - una tappa in linea per velocisti e appunto la cronosquadre - e l'omaggio a Eddy Merckx che ne 2019 festeggerà i 50 anni della sua  prima vittoria al Tour. Il primo snodo della corsa sarà la sesta tappa con l'arrivo a La Planche des Belles Filles su un traguardo ancora più impegnativo che in passato. Dopodiché l'attraversamento da NordEst a SudOvest del Massiccio Centrale propone in sequenza frazioni vallonate e impegnative, caraterizzate da numerose salite brevi ma dure. Per la cronaca, in totale il Tour prevede 30 GPM (più che in passato) ma meno ascese di Hors Categorie.

Dopo le prevedibili volate di Albi e Tolosa, si arriva ai Pirenei con due tappe impegnative in sequenza: la prima prevede l'arrivo ai 2115 metri del Tourmalet e la seconda quatrro GPM (e 4700 metri di dialivello) da Limoux a Foix.

Dopo il secondo giorno di riposo, sarà il Gard ad ospitare due tappe: prima la frazione pianeggiante di Nimes, poi la Pont du Gard a Gap che porta ai piedi delle Alpi.

La Embrun-Valloire propone in sequenza Vars, Izoard e Galibier mentre il giorno seguente si affronta l'Iseran prima dell'arrivo in salita a Tignes. La penultima frazione, con partenza da Albertville, propone Cormet de Roselend e Cote de Longefoy prima dell'ascesa finale ai 2365 metri di Val Thorens, dove il Tour arriverà per la seconda volta nella sua storia: nel 1994 vinse Cacaito Rodriguez in maglia ZG.

La tradizionale passerella dei Campi Elisi metterà la parola fine ad una corsa che non presenta sulla carta tapponi durissimi e che vissuta da lontano (più di otto mesi alla corsa) strizza l'occhio a Bardet e Pinot ma anche a Chris Froome.

 

Potete rileggere il racconto live della presentazione CLICCANDO QUI

LE TAPPE

Samedi 6 juillet 1re Bruxelles-Bruxelles 192 km

Dimanche 7 juillet 2e Bruxelles Palais Royal Brussel Atomium (C.l.m. par équipe) 27 km

Lundi 8 juillet 3e Binche Épernay 214 km

Mardi 9 juillet 4e Reims Nancy 215 km

Mercredi 10 juillet 5e Saint-Dié-des-Vosges Colmar 169 km

Jeudi 11 juillet 6e Mulhouse La Planche des Belles Filles 157 km

Vendredi 12 juillet 7e Belfort Chalon-sur-Saône 230 km

Samedi 13 juillet 8e Mâcon Saint-Étienne 199 km

Dimanche 14 juillet 9e Saint-Étienne Brioude 170 km

Lundi 15 juillet 10e Saint-Flour Albi 218 km

Mardi 16 juillet Repos Albi

Mercredi 17 juillet 11e Albi Toulouse 167 km

Jeudi 18 juillet 12e Toulouse Bagnères-de-Bigorre 202 km

Vendredi 19 juillet 13e Pau Pau (C.l.m. individuel) 27 km

Samedi 20 juillet 14e Tarbes Tourmalet Barèges 117 km

Dimanche 21 juillet 15e Limoux Foix Prat d’Albis 185 km

Lundi 22 juillet Repos Nîmes

Mardi 23 juillet 16e Nîmes Nîmes 177 km

Mercredi 24 juillet 17e Pont du Gard Gap 206 km

Jeudi 25 juillet 18e Embrun Valloire 207 km

Vendredi 26 juillet 19e Saint-Jean-de-Maurienne Tignes 123 km

Samedi 27 juillet 20e Albertville Val Thorens 131 km

Dimanche 28 juillet 21e Rambouillet Paris Champs-Élysées 127 km

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
«Domenica è sempre domenica...» cantava nel 1957 Renato Rascel ed il brano - scritto da Garinei e Giovannini su musica di Gorni Kramer (pensateci, un poker d'assi) - era destinato a diventare immortale. E «Domenica è sempre domenica...» sembra essere...


Mads Pedersen si conferma uomo da classiche e, dopo aver conquistato la Gand-Wevelgem a ottobre, si porta a casa anche la Kuurne-Bruxelles-Kuurne. Il danese ha nettamente regolato in volata il gruppo dei migliori al termine di una gara davvero appassionante....


Continua il grande febbraio del ciclismo italiano e porta il suo mattone alla causa anche Andrea Bagioli andando a vincere per distacco la Drome Classic. Il valtellinese della Deceuninck Quick Step ha fatto la differenza nel finale sul Mur d'Eurre...


Felicissimo avvio di stagione per i dilettanti toscani. Dopo il successo del fiorentino Tommaso Nencini nella Firenze-Empoli ed il terzo posto del suo compagno di squadra Tommaso Fiaschi nella Coppa San Geo in Lombardia, ecco il successo per distacco del...


  Renato Di Rocco, vice presidente dell’Unione Ciclistica Internazionale e per 16 anni alla guida della Federazione Ciclistica Italiana, è stato ospite in Toscana in occasione della Firenze-Empoli, classica di apertura della stagione per gli Under 23 per tenere fede...


È una lettera bellissima, quella scritta da Simona Frapporti. Una lettera che trasuda amore e ringraziamento per il ciclismo, sport che l'ha accompagnata per tutta la vita fino ad ora. Simona ha deciso di voltare pagina e lo fa in...


Saranno in tanti oggi a cercare di vincere la Kuurne-Bruxelles-Kuurne e tra questi c’è anche Mathieu van der Poel, l’ultimo vincitore del Giro delle Fiandre che oggi farà il suo esordio in questa corsa. Il successo a Kuurne, lo scorso...


A tre giorni dall’appuntamento del 3 marzo continua ad arricchirsi di nomi importanti il campo dei partecipanti al Trofeo Laigueglia. Proprio in queste ore la segreteria tecnica del GS Emilia, partner tecnico del Comune di Laigueglia per l’organizzazione della gara,...


La domanda esposta nel titolo è chiaramente tendenziosa, ma quel che è accaduto ieri alla Ardeche Classic è perlomeno clamoroso. Un'auto contromano rispetto alla corsa, un'auto dei Sapeurs Pompiers che non rallenta incrociando il gruppo e continua imperterrita il suo...


Era il 2016. Malika, Frozan, Zahra e Zhala in bici. Rukhsar Habibzai in macchina. Loro, le sole, le uniche donne afghane in bici. Lui, il loro custode e allenatore. Loro, la nazionale di ciclismo femminile dell’Afghanistan. Lui, il commissario tecnico....


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155