QINGHAI. LA MAGLIA GIALLA AGUIRRE: «SOGNO IL TOUR DE FRANCE». AUDIO

PROFESSIONISTI | 30/07/2018 | 06:30
di Diego Barbera

Il colombiano Hernán Aguirre (Manzana Postobon) è la maglia gialla del Tour of Qinghai Lake 2018. Conquistata la leadership al termine della quarta tappa con arrivo alla diga di Longyangxia, la leadership è stata consolidata con il gran successo in cima ai 4120 m s.l.m. a Qilian Mountain.

Vista la natura piuttosto semplice delle ultime tappe della corsa cinese, che sorridono ai velocisti, la classifica sembra ormai chiusa. Abbiamo incontrato il 22enne capitano del team fucsia alla partenza della nona tappa che si disputa nella provincia di Gansu.

Come ti senti a cinque tappe dalla fine?
«Mi sento abbastanza bene, sono orgoglioso di vestire questa maglia. Sono stati giorni molto difficili i passati e oggi, nella nona frazione, ci aspettano 170 km dove lavorare duro per mantenere la leadership».

Come è stato vincere in maglia gialla a 4120 m?
«È stato molto emozionante e mi sono sentito un po’ a casa dato che io vivo in alta montagna e mi alleno spesso a queste altitudini. Non soffro di problemi che colpiscono altri corridori, ne sono abituato.»

Mancano ancora cinque tappe alla fine, ma la leadership è solida
«Sarebbe una felicità molto grande portare questa maglia fino alla fine della competizione, è la prima corsa a tappe della mia carriera che vincerei. Ho già ottenuto successi in alcune corse e frazioni, anche quando ero dilettante, ma un successo così da professionista sarebbe ancora più intenso»

Quando hai iniziato a correre e chi ti ha ispirato?
«A tredici anni, ispirato da mio papà che era ciclista anche lui, anche se non professionista».

Ti ricordi la prima vittoria da ragazzino?
«Onestamente, no (ride, ndr)».

Vivi in Colombia? Durante l’anno viaggi molto, è una buona occasione per vedere il mondo mentre competi
«Durante l’anno sto di base a casa mia in Colombia a Guachucal. In effetti sono molto felice di avere la possibilità di correre in diversi paesi, come ad esempio in Europa, ma anche qui in Asia che per me è la prima volta e peraltro ho debuttato in una corsa molto importante. È davvero fantastico».

Il movimento colombiano è ricco di talenti che hanno vinto tanto in passato e che promettono bene per il futuro. Quali sono stati i tuoi preferiti e quale vedi come prossima sorpresa?
«Uno dei corridori che mi hanno emozionato di più è stato Luis Herrera, che in Colombia è stato ed è molto amato. Nella nostra squadra c’è un 20enne chiamato Johjan Garcia che credo abbia il talento per diventare un corridore di punta».

Qual è la corsa dei tuoi sogni?
«Il Tour de France, senza dubbio»



Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Resta in terapia intensiva all'ospedale di Niguarda di Milano e la prognosi resta riservata, ma Johnny Carera, ricoverato a seguito dell’incidente stradale del 26 novembre scorso sull’A4 all'altezza di Agrate, mostra segni evidenti di miglioramento. Attorno al manager di Pogacar...


Il ciclismo lombardo ha festeggiato i suoi grandi attori al Teatro Città di Legnano Talisio Tirinnanzi con una festa in grande stile. Una giornata speciale dedicata ai migliori della stagione 2021 che con i loro risultati hanno esaltato la scuola...


Due italiani esperti come Filippo Fortin e Mauro Finetto continueranno la loro avventura ciclistica con il team Continental tedesco Maloja Pushbikers.Finetto (nella foto) arriva dalla professional francese Delko, mentre Fortin già correva nella categoria Continental con l’austriaca Team Vorarlberg. Con...


Per il 2021 la candidatura della Arkea Samsic per il Giro d'Italia non ebbe successo, ma il team bretone non molla la presa e rilancia la propria richiesta alla RCS Sport. Nessuna dichiarazione ufficiale in proposito, ma le parole di...


Nella sua giovane carriera ha dimostrato di adattarsi perfettamente ad ogni tipo di bicicletta e terreno ma sabato 11 e domenica 12 dicembre a Vermiglio, in Val di Sole, Thomas Pidcock si troverà di fronte un’ennesima grande sfida: padroneggiare una...


«Abbiamo vinto una bella volata»: è il commento di Elia Viviani quando sa del buon successo ottenuto dalla vendita delle “Stelle di Natale” a sostegno della lotta contro le leucemie. Della Ail - Associazione italiana contro le leucemie - l’olimpionico...


È un ritorno, carico di suggestioni, perchè chi ama il ciclismo non può fare a meno di ricordare la Salvarani, una delle squadre più iconiche della storia del ciclismo. In attività dal 1963 al 1972, la Salvarani Vinse...


Caro Direttore, faccio slancio di diplomazia: lode e applausi, senza ironia, a chi organizza e dirige un Grande Tour. Con tutto quello che il Padreterno ci ha destinato negli ultimi tempi, non può essere che così. Mi permetto di aggiungere,...


Canyon ne è certa,  la nuova Torque non ha confini e può accontentare qualsiasi rider nei bike park di tutto il mondo o competere all’Enduro World Series. Vi sembra poco? Messi da parte il proclami una cosa è certa, gli ingegneri Canyon...


Si è spento Ferruccio Ferro, atleta e direttore sportivo di ciclismo. Era nato il 14 marzo 1952, aveva 69 anni. Abitava a Bertipaglia (Padova) e scoprì da dilettante Matteo Tosatto, il recordmen delle corse a tappe tra i professionisti e...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI