Caso mountain bike, ci sono altri nomi eccellenti

| 30/11/2007 | 00:00
E' partita da una serie di intercettazioni telefoniche e ambientali l'inchiesta della Procura di Trento che ipotizza l'uso di sostanze farmacologiche proibite nel mondo della mountain bike in Italia, con 17 indagati. I lunghi accertamenti sembrano aver aperto uno spaccato inquietante anche sul mondo degli amatori tanto da coinvolgere atleti in gara ogni fine settimana per vincere una coppa ed un rimborso spese. «E' un fenomeno che nella misura da noi riscontrata - ha commentato il procuratore di Trento Stefano Dragone - appare preoccupante anche a livello amatoriale». Le perquisizioni effettuate finora e gli avvisi di garanzia emessi dalla Procura di Trento concludono un lavoro certosino durato parecchi mesi e che ha portato gli inquirenti ad essere presenti alle maggiori gare della specialita' sia in Italia sia all'estero. In totale una trentina di gare compresa una prova di Coppa del Mondo in Belgio. Gli agenti della Guardia di Finanza hanno assistito, tra l'altro, ai controlli antidoping di vari atleti, che non hanno mai portato sinora a risultati positivi. Al centro dell'interesse anche un club definito di primo piano. Tra la ventina di persone indagate dai magistrati trentini figurano l'atleta di casa Massimo Debertolis (campione del mondo marathon), l'altoatesino Hannes Pallhuber (nazionale), l'emiliano Yader Zoli (campione italiano cross country), il bergamasco Dario Acquaroli e la vicentina Annabella Stropparo, azzurra della Mtb in lizza i Giochi di Pechino. Con loro altri atleti di livello amatoriale, massaggiatori e il medico federale Giovanni Posabella. Quest'ultimo sarebbe accusato di aver ritardato la trasmissione di documenti federali. All'attenzione degli inquirenti anche l'attivita' di un secondo medico il dott. Davide Posca di Pavia. Entrambi sono stati coinvolti nelle perquisizioni effettuate in piu' regioni: Marche, Emilia Romagna, Veneto, Lombardia e Trentino Alto Adige. I controlli effettuati in mezza Italia avrebbero portato alla scoperta di anabolizzanti, steroidi e di eritropoietina (Epo). Molti di questi farmaci provengono dall'Est Europa, dal Sud America e dalla Svizzera. REAZIONI. I farmaci sequestrati a Yader Zoli, campione italiano di cross country, in un blitz della Guardia di finanza di Trento, sono comuni e non dopanti. Lo sostiene l'avvocato Luga Berger, legale del ciclista. «Si tratta di farmaci comuni - ha detto - e non certo di materiale dopante. Il mio cliente e' assolutamente tranquillo. E in ogni modo presto faremo riscorso al tribunale del riesame di Trento per riavere tutto». Zoli, 32 anni, domiciliato a Faenza (Ravenna), e' indagato a piede libero per violazione della 376 del 2000, meglio conosciuta come legge antidoping. Secondo quanto riferito dall'avvocato Berger, i militari della Guardia di finanza hanno sequestrato tre pasticche di caffeina, una confezione di Bisolvon (un disinfettante), una ricetta medica per Eparmefolin (un disintossicante) e 12 prospetti di analisi del sangue.
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Buona la prima, anzi... la primissima!. Attilio Viviani bagna l'esordio ufficiale nel mondo dei professionisti vincendo allo sprint la prima tappa della Tropicale Amissa Bongo. Il nuovo acquisto della Cofidis ha regolato iil francese Lorrenzo Manzin (Total Direct Energie) e...


L’UAE Team Emirates proseguirà il programma di gare della primissima parte di stagione volando in Argentina per la Vuelta a San Juan (2.Pro), evento che proporrà sette tappe (oltre a un giorno di riposo) dal 22/01 al 2/02. Come per...


Nello scorso weekend a Sestriere si sono svolte le gare di coppa del Mondo di Sci e tra gli spettatori era presente anche Fabio Aru. Il campione sardo della Uae Team Emirates, abituato a visitare Sestriere nei mesi primaverili, ha...


Alla fine Beñat Intxausti si è arreso e ha chiuso la sua carriera ritirato dopo aver combattuto negli ultimi quattro anni il virus Epstein-Barr. Da quando ha contratto il virus Epstein-Barr, conosciuto anche come mononucleosi, appena arrivato alla Sky nel...


In costante crescita dal 2015 – primo anno di rilevazione del Focus2R – le misure dedicate ai veicoli a due ruote dalle amministrazioni comunali italiane. A dimostrazione del fatto che, nonostante le continue evoluzioni del sistema della mobilità, le due ruote rimangono...


Anche la grande famiglia di tuttoBICI, tuttobiciweb e tuttobicitech è stata tra i protagonisti ieri de La Bici al Chiodo, la manifestazione firmata da Paolo Tedeschi e giunta alla 44a edizione. Tra i premiati, infatti, anche la nostra Giulia De...


Con la nona e ultima prova, svoltasi ieri sul circuito del Bike Park di Lambrugo, si è ufficialmente conclusa la Challange a punti del Trofeo Lombardia di Ciclocross, che aveva preso il via a novembre 2019 da Ospitaletto Mantovano. In...


Dopo 14 giorni termina il ritiro di Tortoreto Lido per il Team Colpack Ballan. La formazione bergamasca, chiude il camp con la bella notizia della convocazione in nazionale pista di 3 atleti: Gidas Umbri, Davide Boscaro e Giulio Masotto. I 3...


Il team Bardiani CSF Faizanè e Briko proseguiranno insieme anche nel 2020, per la quinta stagione consecutiva. “Se i partner tecnici per un team di ciclismo professionistico sono di estrema importanza,  i prodotti dedicati alla protezione e alla sicurezza dei propri atleti sono un elemento...


Scatta domani, nella notte italiana, il Santos Tour Down Under, prima prova dell'anno di WorldTour. In programma c'è la Tanunda-Tanunda di 150 km, sulla carta una frazione riservata ai velocisti. Numero uno sule spalle del sudafricano Daryl Impey della Mitchelton...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155