DOMANI IL FIANDRE. NIBALI VINCE PERCHÈ...

APPROFONDIMENTI | 31/03/2018 | 09:40
di Angelo Costa    -

Dici giro delle Fiandre e non pensi soltanto a una grande classica: è un vero e proprio rito. Per un Paese intero: in Belgio, quando si corre sui muri in pavé, è Pasqua anche quando non lo è sul calendario. Figuriamoci stavolta che i due eventi coincidono: attesi almeno ottocentomila spettatori sulle strade, qualcuno azzarda persino un milione, che vorrebbe dire un belga su dieci sul ciglio, magari sotto la pioggia. Con posti prenotati alla partenza e nei punti strategici dei 267 chilometri di gara, con prezzi che vanno da 100 a 300 euro, per non parlare dei pacchetti vip che comprendono passaggi sulle auto dentro la corsa e pranzi con vista gara. Quanto al possibile vincitore, la scelta è ampia, per quanto ristretta ad un uomo che sappia abbinare fondo e forza fisica: ecco quindici facce che possono entrare nella storia, oltre che nel cuore dei fiamminghi.

Peter Sagan. Vince perché l’ha già fatto, perché questa corsa sembra essergli disegnata addosso come un vestito, perché i bookmakers lo danno strafavorito. Alla Gand-Wevelgem ha dato una lezione di lucidità, dimostrando che dove non arriva la squadra provvede sempre lui.

Greg Van Avermaet. Vince perché c’è andato vicino spesso, perché è la corsa di casa sua, perché ancora in Belgio quest’anno non ha ancora centrato un successo. Due volte secondo, una volta terzo e un’altra quarta: è uno di quelli che sa come si fa, gli manca soltanto di farlo.

Philippe Gilbert. Vince perché è il più navigato di tutti, perché ha vinto più classiche-monumento di tutti, perché un anno fa ha dato una lezione a tutti. Fra i grandi delusi di Sanremo, fin qui ha aiutato molto i compagni: un bel modo per prepararsi restando nell’ombra.

Vincenzo Nibali. Vince perché alla forma abbina l’entusiasmo del trionfo a Sanremo, perché è un fuoriclasse che non si nega nulla, perché ai debuttanti la sorte strizza sempre un occhio. Corre leggero, perché il suo obiettivo dichiarato è la Liegi: per questo è ancora più pericoloso.

Tiesj Benoot. Vince perché corre sulle strade dove è nato, perché i belgi parlano di lui come un astro nascente, perché al debutto in questa classica ha fatto quinto. Si è sbloccato alle Strade Bianche, acqua tutto il giorno e terreno infame: se gli mancava un po’ di convinzione, ora ce l’ha.

Wout Van Aert. Vince perché è un fenomeno, perché i campioni del ciclocross come lui sulle pietre fiamminghe si divertono, perché dalla terra alla strada non sembra far fatica. Da crossista si diceva che avrebbe sofferto la mancanza di fondo: come non detto.

Zdenek Stybar. Vince perché è uomo da corse del Nord, perché questa classica gli piace, perché promette da tempo di vincere una grande corsa. Come Van Aert ha forza e abilità per guidare sulle pietre, è la miglior carta di riserva che un team può avere se i leader non funzionano.

Niki Terpstra. Vince perché ha più esperienza di tanti altri, perché ci ronza spesso intorno, perché sulle pietre non gli si può concedere il minimo spazio. Ad Harelbeke, stesse strade e stessi muri, ha fatto le prove generali, mantenendo fino al traguardo una manciata di secondi di vantaggio: avvisati.

Oliver Naesen. Vince perché gli piacciono le corse toste, perché ha l’età per fare il salto di qualità, perché correre con la bandiera del Belgio addosso in una classica così è speciale. E’ finito davanti ad Harelbeke, era davanti anche alla Gand-Wevelgem: se sono due indizi, aspettiamo la prova.

Sep Vanmarcke. Vince perché è uno di quelli che prima o poi ci riesce, perché arriva da un anno così vuoto da non crederci, perché alla Gand-Wevelgem ha mandato segnali di vitalità. E’ esperto, è uomo da pavé e sta benone: magari non basta, di sicuro aiuta.

Jasper Stuyven. Vince perché è nato nel cuore delle Fiandre, perché è in un momento di forma ideale, perché in tutte le corse belghe disputate quest’anno non è mai uscito dai primi dieci. E’ un uomo da classiche, almeno così recita il suo curriculum: ha l’occasione migliore per dimostrarlo.

Matteo Trentin. Vince perché è il più fiammingo dei nostri, perchè su queste strade sta più davanti che dietro, perché può finalmente pensare a se stesso e non agli altri. Non c’è stata corsa del Nord quest’anno in cui non abbia messo il naso in avanscoperta: si impara così a puntare in alto.

Gianni Moscon. Vince perché col pavé va d’accordo, perché non teme le corse dure, perché a forza di dimostrarsi il migliore dei suoi un po’ di fiducia gli verrà data. Gand-Wevelgem a parte, le prove generali le ha superate tutte: non gli resta che dimostrarsi pronto all’esame più tosto.

Michael Kwiatkowski. Vince perché deve riscattare la delusione della Sanremo, perché va forte da inizio stagione, perché sui muri fiamminghi ogni anno ha fatto meglio del precedente. Non è tra i più quotati, ma uno che quando sta bene può inventarsi la corsa irresistibile meglio tenerlo d’occhio.

Alexander Kristoff. Vince perché sa come si entra in questo albo d’oro, perché sui muri si arrampica con facilità, perché in sei partecipazioni non è mai uscito dai primi quindici. Frenato da malanni di stagione, non è annunciato al top: trovarsi in posizione giusta nel finale potrebbe farlo guarire del tutto.
Copyright © TBW
COMMENTI
31 marzo 2018 10:24 geom54
NIBALI vince perchè deve vincere,
forza NIBALI A 7/8 km. sei già solo con 40";
forzan vai.

vorrei chiedere a Costa
31 marzo 2018 13:19 canepari
ma chi arriva secondo? La sconfitta non è il peggiore dei mali.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Alexis Vuillermoz correrà anche nel 2021 con la maglia della AG2r e anunciando l'accordo con il team manager Vincent Lavenu non nasconde la sua emozione: «Sono commosso da questo segno di fiducia che Vincent Lavenu e lo staff del team...


Di esperienza in cose ciclistiche Ivano Fanini ne ha sicuramente molta. Dal suo osservatorio privilegiato di Lunata, cosa pensa il patron della Amore&Vita Prodir del Giro d’Italia in autunno?«Se l’UCI ha deciso di provare a far ripartire questa stagione, a...


Manca ancora... una vita, ma è meglio portarsi avanti. Il 29 agosto, giorno del Grand Depart del Tour de France è davvero ancora lontano ma in casa B&B Hotels Vital Concept hanno già cominciato a lavorare all'obiettivo e oggi il...


La Deceuninck Quick Step ha gettato le basi per tornare a lavorare in gruppo con i suoi corridori e programmato un raduno di tre giorni che scatterà il 15 giugno. Nel Belgio del Nord, i corridori del Wolfpack occuperanno un...


Dopo il secondo giorno di riposo, la tredicesima tappa della HTV CUp ha proposto una cronometro a squadre sul percorso di Nha Trang. Ad imporsi è stato il team Thanh Pho Ho Chi Minh con il tempo di 38'12". Il...


Miguel Angel Lopez si sta allenando sulle strade di casa, in Colombia, e proprio da lì ha accettato di raccontarsi per parlare di sé e della partecipazione alla sfida #Astana40000KM lanciata ai tifosi dal team kazako. «Sono felice di prendere...


Dal 9 al 31 maggio si sarebbe dovuto disputare il Giro d’Italia 2020. Tuttobiciweb lo corre comunque, giorno per giorno, con la forza della memoria. Oggi la dedica finale a Michele Scarponi: Vincenzo Nibali ci racconta la tappa dell’Aprica al...


Il caso di George Floyd muove anche il mondo del ciclismo. USA Cycling, la Federciclismo degli Stati Uniti ha rilasciato una dichiarazione ufficiale sul caso che sta letteralmente scuotendo gli States. «In quanto leader della comunità ciclistica americana, ammettiamo di...


Ci sono immagini che portano indietro nel tempo e a ricordi dolci e nemmeno troppo lontani... Il pappagallo Frankie era l'amico di Michele Scarponi, e ieri si è appoggiato invece sulla schiena di un altro ciclista, Antonio Nibali. Questa è...


Milo Marcolli è tra i corridori varesini con maggior talento. Ancora non si rende conto appieno delle sue possibilità perchè ha soltanto 15 anni (compiuti a gennaio, ndr) e ha bisogno di crescere sia dal punto di vista fisico che...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155