BRUNO REVERBERI: «CASO SANCHEZ? STRANO, LA BMC CONTROLLA»

PROFESSIONISTI | 18/08/2017 | 12:53
Non c'è mai da godere delle disgrazie altrui, questa è buona regola. Dovrebbe riguardare tutti, soprattutto quelli che animano il piccolo villaggio globale del ciclismo professionistico, senza distinzione di forza e budget. Così, dopo l'eclatante e doloroso caso doping che ha investito ieri Samu Sanchez, ecco che tornano alla mente i commenti sprezzanti e anche superficiali di molti colleghi di Bruno Reverberi che, alla vigilia del Giro, pochi minuti dopo esser salito sul palco di Alghero con i suoi corridori per la consieta presentazione, ha dovuto subire la doccia fredda di due positività in un sol colpo e i conseguenti commenti taglienti. «Andrebbero mandati a casa tutti», disse un corridore dal cuore d'oro.

Lasciamo perdere i due pesi e le due misure che l'Uci da sempre adotta per i suoi affiliati di serie A e quelli di serie B. Per i Reverberi la notifica della doppia positività a poche ore dal via, quindi la Bardiani Csf costretta a correre il Giro in 7, per i Bmc qualche giorno in più per consentire al team americano di sostituire il corridore spagnolo, ma questo è tutto un altro discorso. Restiamo a Sanchez e le reazioni che ci sono state.

Oggi la Gazzetta dello Sport, per mano di Claudio Ghsalberti inviato alla Vuelta, ha raccolto il penisero del team-manager reaggiano che, come sua abitudine, non le ha mandate a dire. Leggiamo quando scritto dalla rosea.

«Un caso doping, e sempre relativo a un team di World Tour, aveva scosso anche la vigilia del Tour, quando André Cardoso, portoghese della Trek-Segafredo, gregario di Contador, era stato trovato positivo per Epo a quattro giorni dal via - scrive Ghisalberti -. Ora sarà curioso attendere anche la reazione dei compagni di squadra di Sanchez e dello staff Bmc. Manuel Quinziato, compagno e amico di Samuel, alla vigilia del Giro, riferendosi proprio ai casi di Ruffoni e Pirazzi, disse: "Bastano due cretini… che tra l’altro sono solo l’1 per cento. Qui ci sono squadre che investono milioni di euro, forse dovrebbero correre solo queste”. Ieri Quinziato era frastornato: “Su di lui avrei messo due mani sul fuoco. E’ follia pura, lo reputavo un ragazzo intelligente invece ha fatto la cosa più stupida che abbia visto in tanti anni di ciclismo”. Bruno Reverberi, il team manager della Bardiani-Csf, ora si toglie un sassolino: “Dalla Bmc allora abbiamo ricevuto un mare di critiche, ci hanno considerato degli incapaci perché non abbiamo controllato i nostri corridori. E adesso?”».

a cura della redazione di tuttobiciweb.it



Copyright © TBW
COMMENTI
Alle volte un po\'di silenzio vale più di cento vittorie.
18 agosto 2017 22:20 Bastiano
Se hai i tuoi due ciclisti più rappresentativi positivi alls stessa sostanza in un controllo a sorpresa fatto lo stesso giorno, un dubbio potrebbe venire. Se poi ti sei fatto cacciare dal
MPCC pur di far correre un ciclista che ha valori anomali, non puoi lamentarti ma devi riflettere.
Vincere non è la cosa più importante.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Bauke Mollema si porta a casa un'altra bella vittoria sulle strade d'Italia. L'olandese della Trek Segafredo, che in questa stagione aveva già vinto la prima tappa del Tour des Alpes Maritimes et du Var, ha vinto il 58° Trofeo Laigueglia...


Jakub Mareczko firma il primo successo stagionale della Vini Zabù. Il velocista bresciano ha vinto con autorità allo sprint l'Umag Trophy sulle strade della Croazia. Alle sua spalle nell'ordine si sono piazzati Filippo Fortin del Team Voralberg e il pceco...


Non è un libro, ma un pugno nello stomaco, che ti lascia senza fiato. Anche se poi te lo leggi in un amen, perché non credi ai tuoi occhi, e non li stacchi più da quelle pagine fin quando non...


«Ora vivo sereno, ma per anni ho portato dentro tanta rabbia. La bici è stata un'importante valvola di sfogo. Probabilmente senza i fatti legati alle Olimpiadi di Tokyo mi sarei fermato prima con il ciclismo agonsitico». E' un Davide Rebellin...


Da quando sono stati emessi i protocolli da seguire durante la pandemia da parte dell’UCI, la Giotti Victoria – Savini Due ha sempre seguito rigidamente tutte le regole preposte, sia dentro che fuori competizione. Nel tardo pomeriggio di martedì, dopo...


Adriano Amici come sempre è un “moto perpetuo”, prima, durante e dopo la corsa. Qualche minuto prima del via trova il tempo per una velocissima intervista. Primo impegno della stagione che purtroppo si prospetta ancora molto difficile e incerta. “Non...


Dopo il titolo a squadre contro il tempo con il Sud Africa, Ryabn Gibbons conquista anche il titolo a cronometro individuale dei Campionati Africani in svolgimento al Cairo, in Egitto. Il neo acquisto della Uae Team Emirates ha nettamente vinto...


L’Italia ha ben figurato ieri a Le Samyn, conquistando il terzo posto con Andrea Pasqualon, che ha chiuso alle spalle di Tim Merlier e Rasmus Tiller. «Nel finale è andato tutto alla perfezione - ha detto Andrea Pasqualon - e...


Tanti campioni a Laigueglia ma anche tanti giovani che vogliono sfruttare l’occasione per mettersi in evidenza e fare esperienza. Il valtellinese Alessio Martinelli del Team Colpack Ballan è uno dei giovani talenti più attesi in questo 2021. L’ultimo anno non...


Dal ciclista alle prime armi fino all'entusiasta vero e proprio, questa nuovissima collezione di abbigliamento MTB SHIMANO è pronta per unirsi al viaggio lungo i sentieri di ogni uscita, attraverso le stagioni e attraverso la crescita del ciclista. per leggere...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155