UN GIRO AL TOUR. PORZIONI DI MAGRO

PROFESSIONISTI | 16/07/2017 | 08:05
Quel che resta del Tour sono le grandi imprese, e le grandi imprese le fai sulle grandi salite. O no? «Io veramente ho vinto su un’isola». Riccardo Magrini è sempre uno spettacolo. Lo era da corridore. Lo è stato da direttore sportivo. Continua ad esserlo tutti i giorni quando racconta il ciclismo su Eurosport e per farlo ha coniato un nuovo linguaggio, fatto di miciole, veglioni del tritello, ajò, frullate e catene incatricchiate.

Ma torniamo all’isola, che di questi tempi nel ciclismo è di gran moda. Era l’8 luglio dell’83, settima tappa del primo Tour di Laurent Fignon, si andava dalla bella Nantes all’Ile d’Oleron, collegata al continente da più di tre chilometri di ponte e famosa per la coltivazione delle ostriche. «Allora le squadre italiane al Tour non ci andavano, ci volevano 80-90 milioni, neanche a parlarne. Noi però avevamo Van Impe, e andammo, tutti votati per lui. Un caldo terrificante, delle tappe assurde, avevamo fatto una cronosquadre di cento chilometri e poi la tappa che era arrivata a Roubaix. Poi, alla sesta tappa, una crono individuale di quasi sessanta chilometri, fino a Nantes. Io mi lamentavo, volevo andare a casa. La mattina dopo però mi svegliai bene e chiesi il permesso di fare la mia corsa. Quell’anno avevo già vinto una tappa al Giro, a Montefiascone, e mi dissero di sì. Sta di fatto che me ne andai all’ultimo chilometro e non mi presero più: feci un bel numero». Una roba alla Cancellara. «Li stroncai. Sapevo che c’era una curva come si deve ai 3-400 metri: la presi alla morte, o vado in terra o vinco. Vinsi». E ostriche per tutti. «Macchè. Sull’isola rimanemmo giusto il tempo delle premiazioni, e anch’io al Tour non restai a lungo. Al traguardo Mauro Battaglini, felice, mi aveva detto: puoi fare quello che ti pare. Lo presi in parola: a casa mi aspettavano, c’era da festeggiare, quando ti ricapita di finire nel telegiornale della sera? Dopo tre giorni ero già in Toscana».

Sono andata a riprendermi le interviste di quel giorno. Dichiarazione del vincitore Magrini: una tappa in Francia ne vale cinque in Italia, sono il campione del mondo. «Non me lo ricordavo, ma confermo. E credo che anche adesso non ci sia paragone. Con tutto il bene che possiamo volere al Giro, mediaticamente il Tour vale molto di più». Magrini faceva già teatro in gruppo, quando correva. Prendeva il megafono e cantava, giocava, coinvolgeva gli altri. «A me piace la musica, lo swing, il jazz. Sono come un jazzista sul palco: suono qualsiasi strumento ma se mi chiedi di rifarlo non mi verrà mai uguale. In telecronaca con Salvo passiamo dall’Illuminismo alle balle di fieno con naturalezza. Quando ci sono otto tappe piatte e devi intrattenere per ore, improvvisare è la regola. Io più che sulle imprese mi esalto sulle chiacchiere, sul teatro avanguardista. Però se devo dire una telecronaca indimenticabile, scelgo il Mondiale di Ballan: era una delle prime per me, e subito una vittoria».

Quando arrivò primo a Montefiascone, al Giro, non era prevista la conferenza stampa del vincitore di tappa. «Mi presentai in sala stampa e pretesi di parlare. Andai nella sala consiliare, mi ricordo tutte quelle Olivetti che cantavano. Il giorno dopo tutti scrissero di me: Fossati, Mura. Ormezzano scrisse che si meravigliava che uno così intelligente tifasse Juve». Due Tour de France e non ne ha finito uno. «Da corridore no. Ma io ne ho fatto un altro, nel 2000. Facevo da autista a Beppe Conti e Walter Gallone. E finalmente quella volta sono arrivato sugli Champs-Elysées anch’io. Fu un Tour bellissimo. Walter era di madrelingua francese e aveva pensato lui a prenotare gli alberghi: tutti relais chateaux, una meraviglia. Me ne ricordo uno a Evian: c’erano così tante stelle che ti accecavano, la prima buca da golf era a cinquanta metri dalla reception. Purtroppo non ce lo godemmo molto perché arrivò la notizia che Pantani si ritirava. Beppe e Walter mi facevano degli scherzi terribili, fu molto divertente».

Il sogno sarebbe stato fare un Tour in ammiraglia. «Quando smisi di correre, nell’86, chiesi subito a Mauro se potevo fare il direttore, e lui mi ha lasciato fare. Lui mi ha sempre lasciato esprimermi anche artisticamente, rifiutando l’equazione sciocco uguale leggero. Cominciai, c’erano Ballerini, Cenghialta. Io ero troppo avanti, penso di essere fondamentalmente un incompreso. Mi piacerebbe riprovare, sì, ma non credo che avrò più possibilità. Fra i direttori di oggi apprezzo molto Bramati: è vicino al mio modo di essere, lo definirei rurale. Però i risultati arrivano».

Trovare il corridore di Magrini è facile. «No, non è stato Marco Pantani. Pantani è stato molto più di questo per me, Marco è un pezzo della mia vita. Mi ha rilanciato come direttore sportivo, mi ha riportato in ammiraglia. Marco di me si fidava, stavamo bene assieme». Allora, il corridore? «Pensa, praticamente non lo conosco. Ciao ciao e ognuno per la sua strada. Il mio corridore è Albertino. Mi affascina, forse perché non lo conosco bene. Purtroppo non credo che vincerà più un grande giro, ma può ancora essere determinante».

Chi vince il Tour? «Credo che tutto sommato possa vincerlo ancora Froome, ne ha vinti già tre e ha nettamente la squadra più forte. Ma credere in Aru mi sembra obbligatorio. A me andrebbe bene anche vederlo sul podio di Parigi con la maglia a pois». Festeggiamo con le ostriche? «A mangiare nessuno ci può insegnare nulla. Il meglio è la bistecca della Baita, sopra Montecatini. E’ il ristorante del suocero di Mirko Selvaggi, ci vengono spesso anche Nibali e Visconti. Bistecca inarrivabile. Ma sono buone anche le patatine, ovviamente fritte. E i funghi, fritti anche quelli. Le zuppe fagliele mangiare ai francesi».

Alessandra Giardini
Copyright © TBW
COMMENTI
Rik
17 luglio 2017 10:47 Melampo
Come al solito, il più grande.

17 luglio 2017 12:15 foxmulder
Magrini è una di quelle persone che se non ci fossero bisognerebbe inventarle... A me piacciono molto (contrariamente ad altri) anche le telecronache di Pancani e Martinello perché trovo che, specialmente quest'ultimo, siano davvero molto bravi, ma il Magro appartiene ad una razza modificata dal punto di vista dell'umanità. Direi un fuoriclasse. Mi spiace di averlo solamente sfiorato, per motivi anagrafici, quando era un corridore. Dev'essere stato uno spasso...

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Sarà una Colombia di grandi firme, quella che disputerà il mondiale nello Yorkshire. Per la prova dei profesisonisti sono stati convocati, infatti, Nairo Quintana, Fernando Gaviria, Álvaro Hodeg, Esteban Chaves, Sebastián Molano, Sebastián Henao, Daniel Martínez ed il re del...


Antonio Colombo Arte Contemporanea è lieta di presentare Columbus continuum. 100 anni di un’industria metallurgica milanese; serie di mostre e attività, collegate ai cento anni di Columbus, un' azienda metallurgica italiana specializzata nella produzione e lavorazione del tubo metallico e delle...


È un risultato di grandissimo prestigio, quello colto dalla Movistar: dopo aver vinto la classifica a squadre del Giro d'Italia e del Tour de France, la formazione spagnola ha centrato l'en plein dominando anche la stessa classifica della Vuelta. Nella...


L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato recentemente la breve, ma molto interessante Risoluzione 63/2019 relativa alle ASD/SSD sul tema dell’attività commerciale e lo scopo di lucro, di frequente oggetto di contestazione in caso di verifica fiscale, in quanto viene spesso affermato...


Anche quest'anno, Fondazione Piatti è charity partner delle manifestazioni ciclistiche organizzate da Società Ciclistica Alfredo Binda e con la tua partecipazione al Fondazione Piatti Bike Challenge, aiuti a realizzare un nuovo Centro a Besozzo (VA), una casa dove le persone...


Mi vuoi sposare? Richiesta a sorprese da parte di Jesus Ezquerra (Team Burgos BH) che chiede alla fidanzata, in ammiraglia, di prenderlo come marito. L'annello è già in tasca e il sì è veloce. A memoria è il primo corridore...


Cala il sipario sulla seconda edizione di Italian Bike Festival. La più importante manifestazione italiana dedicata al mondo della bici e ai suoi appassionati non ha tradito le aspettative ed è sensibilmente cresciuta rispetto all’esordio. Le premesse c’erano tutte: l’adesione...


Cominica a sentirsi profumo di mondiale a un campione come Greg Van Avermaet fa capire che sarà della partita cogliendo una bella vittoria al Gp Montreal. In un finale spettacolare e convulso, il belga della CCC non ha sbagliato i...


Ancora Jakobsen, ancora Deceuninck Quick Step al successo sulle strade di Spagna. C'è la firma di GFabio Jakobsen sulla tappa conclusiva della Vuelta e per l'olandese si trata del secondo successo personale. Ben pilotato dai compagni di squadra, Jakobsen ha...


  È stato un momento molto emozionante per Norma Gimondi, presente oggi a Legnano per la presentazione della maglia della nazionale che per lei ha un sapore molto speciale: gli atleti infatti saranno accompagnati dalla celebre frase di Felice Gimondi...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy