VUELTA. TUTTO FACILE PER SAM BENNETT!
La tappa di Oviedo sorride alle ruote veloci
Copyright © TBW
17:35
Per oggi è tutto, grazie di essere stati con noi! A domani con la 15esima tappa!
17:24
Anche Valverde è finito per terra nella caduta
17:24
Secondo Richeze, poi Van der Sande
17:23
Ma rinviene alla grandissima Bennett che vince in scioltezza!
17:23
Scatto di Van der Sande!
17:23
Bennett a ruota di Jakobsen
17:22
Lanciata la Deceuninck intanto
17:22
Caduta di massa! Per terra mezzo gruppo
17:21
ULTIMO CHILOMETRO! Occhio che si sale leggermente
17:21
Meno due chilometri
17:21
Bennett in terza posizione
17:20
Tre chilometri all'arrivo, lanciati gli uomini Bora
17:19
Ecco che si affaccia davanti anche la Bora-hansgrohe
17:18
-5 km, i fuggitivi avevano tenuto qualche energia e il gruppo sta faticando più del previsto
17:18
Ripresi però a 4400 metri dall'arrivo
17:16
Anche Trek e Mitchelton a dare una mano ora
17:16
-6 km, meno di 10" rimasti
17:15
Si viaggia ai 50 km/h
17:14
Rimangono solo 15" ai battistrada, 7500 metri all'arrivo
17:14
La Deceuninck non si schioda dalla testa del gruppo
17:12
10 km al traguardo, 25" per i quattro di testa, che stanno dando fondo alle loro ultime energie
17:09
Molla anche Rubio davanti, rimangono in quattro
17:07
Deceuninck a tutta in testa al gruppo in questo momento
17:04
Rimangono solamente 36" agli uomini davanti. 17 km al traguardo di Oviedo
16:59
Al GPM transita per primo Vanhoucke, seguito da Puccio e Dillier
16:59
Intanto Fuglsang prova ad alzare il ritmo in gruppo. Il danese in questa Vuelta è stato un lontano parente di quello ammirato a primavera
16:57
Il finale tende un po' all'insù; per i velocisti sarà importante partire al momento giusto
16:54
25 km all'arrivo
16:53
Mitchelton e Trek-Segafredo provano a fare un'alta andatura in salita, per Mezgec e Degenkolb, ma le pendenze sono minime
16:46
Comincia l'Alto La Madera
16:45
Allo sprint intermedio è passato per primo Rubio, seguito da Dillier e Puccio
16:43
Il distacco scende a 1'26", mentre è segnalato in ritardo Pierre Latour (Ag2r La Mondiale), terzo ieri a Los Machucos
16:33
40 km all'arrivo, situazione invariata in corsa. I cinque davanti proseguono di comune accordo ma il loro destino è segnato ormai da diversi chilometri
16:22
Intanto ci avviciniamo al traguardo volante di Gijon
16:17
Il ritmo cala nuovamente e davanti ritornano a due minuti
16:09
Il gruppo però non sembra ancora convinto di andare a prendere i fuggitivi, probabilmente è ancora troppo presto. Rossetto, però, si lascia sfilare e davanti rimangono in cinque
16:04
Rimane un solo minuto ai fuggitivi a poco più di 60 km dal termine
15:48
70 km all'arrivo, 1'30" per i sei di testa che continua ad essere nel mirino del gruppo
15:28
Giornata molto tranquilla finora per il leader della generale (© Photo Gomez Sport)
15:27
Per la UAE c'è Oliviero Troia a fare il ritmo ora
15:26
Il vantaggio è tornato a salire leggermente, 1'40" a 84 km dall'arrivo
15:24
Sarà interessante vedere anche le ambizioni di Fernando Gaviria (UAE-Emirates), che non ha sicuramente avuto molte opportunità finora. Il colombiano ha vinto tappe al Giro e al Tour e gli manca solo la Vuelta per chiudere il cerchio
15:07
100 km all'arrivo. Molto probabilmente questa tappa non verrà ricordata come la più divertente della Vuelta
15:04
1'15" per la fuga, nessuna chance per loro di arrivare al traguardo
15:03
Intanto c'è stata una caduta di Gorka Izagirre (Astana) in gruppo. Il basco è prontamente ripartito
15:01
Tutti i corridori in fuga hanno un ritardo in classifica generale che si aggira intorno alle due ore
14:44
14:41
L'unico asturiano è invece Dani Navarro della Katusha-Alpecin. Una Vuelta piuttosto anonima finora la sua
14:30
Il ritardo è addirittura sceso a 1'36" in questo momento
14:15
Per Salvatore Puccio una rara giornata libera da compiti di gregariato. Il 30enne siciliano è uno dei gregari più apprezzati in gruppo e non è un caso che il gruppo Sky/Ineos non lo abbia mai fatto andare via. Ha il contratto fino al 2021 ed è ancora alla ricerca della prima vittoria da professionista
14:14
1'59" il rilevamento dopo 55 km di gara
13:56
L'unico ostacolo altimetrico di giornata è l'Alto La Madera (8.3 km al 3.1%), da affrontare a 22 km dall'arrivo. Difficile però che i velocisti vadano in difficoltà
13:55
Prosegue la marcia dei corridori, 2'15" per Puccio e compagni. Come previsto, la tappa non sembra regalare particolari sussulti
13:43
150 km all'arrivo, il vantaggio continua ad aggirarsi intorno ai due minuti e,per il momento, non decolla
13:31
13:28
Il vantaggio dei battistrada rimane stabile intorno al 1'40". Davanti ci sono ottimi pedalatori e il gruppo non ha intenzione di lasciare troppo margine
13:26
Giornata particolarmente significativa per Angel Madrazo (Burgos-BH), che è cantabrico di Santander, e passerà sulle strade di casa con la maglia di miglior scalatore
13:18
Fabio Jakosben e Sam Bennett hanno superato tutte le salite di questi ultimi giorni per provare a giocarsi lo sprint oggi. Pensate che l'ultima volata di questa Vuelta risale al 27 agosto, la quarta tappa, e da allora gli sprinter non hanno più avuto una chance
13:17
Come prevedibile, fin dai primi chilometri sono Deceuninck e Bora-hansgrohe a fare il ritmo in testa al gruppo
13:15
1'45" dopo 17 chilometri. Non fa nemmeno caldo sulla corsa, la brezza dell'Oceano Atlantico si fa sentire e sono solo 19°
13:10
Il gruppo si è rialzato e il margine dei sei supera già il minuto
13:08
Silvan Dillier (AG2R La Mondiale), Luka Pibernik (Bahrain-Merida), Harm Vanhoucke (Lotto Soudal), Salvatore Puccio (Team Ineos), Diego Rubio (Burgos-BH) e Stéphane Rossetto (Cofidis) hanno preso qualche metro di vantaggio sul gruppo, potrebbe essere l'attacco buono
13:01
Ritmo molto alto, gli attacchi adesso cominciano ad essere più decisi. Vediamo se qualcuno riuscirà a prendere il largo
12:58
Lasciati i Paesi Baschi, che come sempre hanno offerto una cornice di pubblico straordinaria (che difficilmente rivedremo in questa Vuelta), i corridori percorreranno tutta la costa cantabrica per approdare poi nelle Asturie
12:57
Per ora nessun attacco degno di nota da registrare, il gruppo procede compatto dopo otto chilometri
12:51
PARTITI! Non si è presentato ai nastri di partenza Domingos Gonçalves (CajaRural-RGA) a causa di problemi intestinali
12:44
Ricordiamo che in maglia rossa abbiamo sempre più saldamente Primoz Roglic, secondo ieri nella frazione vinta dal suo connazionale Pogacar.
12:43
Un solo Gpm in programma al km 165, ma sembra davvero troppo poco per poter evitare la prevedibile volata finale.
12:42
La San Vicente de la Barquera - Oviedo propone 188 km pianeggianti, lungo la costa della Cantabria, e sembra sorridere ai velocisti.
12:41
Amiche e amici, bentrovati: corridori già in marcia per raggiungere il km 0 della quattordicesima tappa.
12:40
DIRETTA A CURA DI CARLO MALVESTIO
Ci vorrebbe un OTL generale
7 settembre 2019 13:56 salconte
Che ne pensate?

Ci vorrebbe un OTL generale
7 settembre 2019 13:41 salconte
E' da un po' di tempo che sostengo l'utilità di un OTL generale, oltre a quello già esistente di un OTL di tappa (anche se troppo blando). Prendiamo oggi: l'unico motivo di interesse è dato dal conflitto tra squadre dei velocisti e fuggitivi per la vittoria di tappa (il “migliore” è Piccolo con un'ora e 40' circa di ritardo). Fissando l'OTL generale intorno ai 40'/50', avremmo in media fughe pericolose anche per la GC: ad es. ieri Higuita (se non rimbalzato dal muro finale) sarebbe andato in Rosso. Si darebbero tre licenze a ciascuna squadra per i velocisti, mentre gli altri 5 dovrebbero attenersi a questo limite generale: sarebbe un cambio culturale importante per il ciclismo: in ogni sport, accanto alla lotta per il primato, c'è quella per sopravvivere (non retrocedere o essere eliminati).

Ci vorrebbe un OTL generale
7 settembre 2019 13:35 salconte
E' da un po' di tempo che sostengo l'utilità di un OTL generale, oltre a quello già esistente di un OTL di tappa (anche se troppo blando). Prendiamo oggi: l'unico motivo di interesse è dato dal conflitto tra squadre dei velocisti e fuggitivi per la vittoria di tappa (il "migliore" in GC, Puccio, ha addirittura 1:38:57 di ritardo): invece con un OTL generale (intorno ai 40/50/60 minuti, da decidere), si avrebbero fuggitivi pericolosi (mediamente) anche per la GC (come ieri Higuita, respinto dal muro finale, altrimenti in Rosso). Che ne pensate?

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Lo scorso 23 marzo ha compiuto ventun anni, Andrea Bagioli è sicuramente uno dei più attesi tra i volti nuovi del ciclismo professionistico italiano. Valtellinese di Lanzada, in Valmalenco, da questa stagione è approdato nella Deceuninck-Quick Step, lo squadrone di...


Quella di Dario Cataldo è una quarantena un po’ differente rispetto a quella che stiamo vivendo in Italia. Abbiamo infatti raggiunto telefonicamente a Balerna, nel Canton Ticino, il portacolori del Team Movistar che ha raccontato a tuttobiciweb le sue giornate,...


  Il 29 maggio 2016, 50 anni dopo la vittoria al Giro d’Italia, Gianni Motta organizzò una festa per raccontarsi e farsi raccontare. Corridori, direttori sportivi, giornalisti. E storie, avventure, retroscena. Molto era rimasto nei miei appunti. Eccolo qua. LA...


I divieti sono sempre difficili da osservare e ogni tanto qualcuno cerca di sfuggirvi. Nonostante un decreto governativo vieti di svolgere l’attività sportiva in bicicletta all’aperto, c’è sempre qualcuno che ci prova. È successo anche ieri a Otranto, con uno...


A pochi chilometri di distanza dalla celebre Università di Oxford, c’è quella che possiamo considerare una sor­ta di Università, oppure un Master, del ciclismo: la Holdsworth-Zappi. Siamo abituati a vederla in tutti gli appuntamenti dilettantistici più importanti in Italia, dal...


Volete conoscere le curiosità più interessanti, gli aneddoti più simpatici ed i segreti più nascosti delle grandi campionesse del ciclismo in rosa? Le appassionanti dirette Facebook del team Alè - BTC Ljubljana sono in rampa di lancio! Cinque imperdibili appuntamenti...


Davide Dapporto è un ragazzo romagnolo, un ragazzo del 2001. Si accorge di avere dei numeri da corridore quando in famiglia il nonno Giovanni e il papà Diego, entrambi ex dilettanti di stampo buono, gli parlano di ciclismo. La sua...


Diciamolo, anche se sottovoce, a tutti noi piacerebbero bici molto leggere, sempre. Per farlo servono telai leggeri, ruote leggere ma anche tante piccole accortezze come suggerito dal vasto catalogo di Carbon-Ti. Perni passanti, viteria, corone, collarini, dischi, insomma, l’elenco è lungo...


Una triste notizia in questa ultima domenica del mese di marzo. E’ morto a Prato (risiedeva nella frazione di Iolo) all’età di 80 anni, Giordano Paolini personaggio conosciutissimo nel ciclismo non solo toscano. Qualche giorno fa sottoposto al tampone per...


  Si è risvegliato. Giancarlo Ceruti ex presidente della Federazione Ciclistica Italiana sta mostrando piccoli ma significativi segni di miglioramento e a confermarcelo è Luigi Rossi, presidente della Polisportiva Camignone, da sempre amico fraterno di Ceruti. È lo stesso Rossi,...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155