LA PANNE. E QUEI BINARI IN MEZZO ALLA STRADA?

PROFESSIONISTI | 30/03/2017 | 12:04
Dove erano oggi i delegati del CPA? Che in Belgio ci siano strade strette lo sappiamo tutti, che ormai le rotonde abbiano invaso le strade di tutto il mondo è cosa nota, ma quando gli organizzatori se le vanno a cercare... Per lunghi tratti nel circuito finale i corridori hanno pedalato lungo una strada percorsa dai binari del tram: abbiamo visto tre file di corridori, una a destra, l'altra a sinistra delle rotaie e una al centro. E abbiamo visto numerose cadute per evitare di finire con la ruota nei binari, abbiamo visto sbandamenti, abbiamo visto di tutto e naturalmente abbiamo visto cadute. Era proprio necessario passare da quella strada nel centro della città? Non c'è in tutte le corse un responsabile del CPA che controlla i percorsi? E le commissioni tecniche di ogni federazione? L'impressione è che ci sia tanta bella gente che si riempie la bocca di belle parole, ma di fare qualcosa di concreto non ci pensa neanche. E i corridori? Silenzio...
Copyright © TBW
COMMENTI
Ma dove vivete
30 marzo 2017 14:02 verita
Ho capito he ora le notizie viaggiano....ma è cosi da sempre!!!!! Quelle strade e quelle gare sono così da sempre, e non vedo problemi!

Punire i corridori che cambiano traiettorie?
30 marzo 2017 15:12 maxmari
Finché non muore un corridore non ci sono problemi ,il dopo lo spiegheranno ha chi perde un figlio o un padre. perche chi ti e davanti decide di spostarsi in modo repentino per non entrare nei binari .finendo per terra senza sapere se e come ti rialzerai e normale che I corridori corrano in strade di 4 metri con 4 binari. Se corsa ad ostacoli e lasciate liberi I corridori di cercare come non rischiare la vita

dove erano oggi?
30 marzo 2017 15:13 Vale46
Caro direttore,
dovrebbe sapere che i binari alla 3 giorni di De Panne non c'erano solo questa mattina,ma negli ultimi 10 anni l'arrivo è sempre stato lo stesso e i binari sono sempre stati li.... con questo non voglio dire che non sia pericoloso, anzi, pericolosissimo, semplicemente volgio precisare che non è un problema di oggi,ma da sempre.... e purtroppo questo rende la corsa ancora più bella per assurdo... con clavicole rotte ecc ecc

Io mi limito solo ad aggiungere..
30 marzo 2017 16:07 teos
..alla corretta puntualizzazione di Vale46, che chissà come mai i pasdaran dei diritti del gruppo alzano la voce solo quando scendono in Italia.. Da noi non si capisce perché dovrebbe essere tutto ai limiti della perfezione quando altrove (leggasi persino l\'intoccabile Tour de France) gli organizzatori ne combinano di gran lunga peggiori. E lo dico io che a RCS non risparmio mai una critica che sia una.

Vedita
31 marzo 2017 08:33 maxmari
Per verita. Lei sicuramente le cose le vede solo in televisione non le ha mai vissute dal vivo secondo lei la protezione delle transenne dei pali con della paglia o delle persone agli incroci che fermo nel traffico sono un qualcosa in più che corridori non dovrebbe avere lei ha le parole giuste da dire ai familiari di un ciclista molto sulle strade per inadempimento degli organizzatori . Il fatto che quella corsa è sempre stata così non giustifica nulla . Vedrai che quando ci sarà un morto su quelle strade organizzazione cambierà il percorso ma sarà troppo tardi per qualcuno.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Quando un essere umano arriva a spingere un 64, corona che in serata può tornare buona per servire la pizza a centrotavola, significa che quell'essere umano ha dentro una potenza spaventosa. Ganna più di tutti. La crono di Desenzano, piana...


Filippo GANNA. 10 e lode. Lacrime dolci singhiozzate con pudore. Parole spezzate dall’emozione di tornare a vincere sulle strade del Giro dopo tre anni. L’ultima corsa contro il tempo vinta dal gigante di Vignone era alla Vuelta: 5 settembre dell’anno...


Lacrime e commozione per Filippo Ganna, che al termine della cronometro di Desenzano sul Garda ha finalmente potuto festeggiare la sua vittoria alla corsa rosa. Nella prima cronometro a Perugia, il piemontese era arrivato secondo alle spalle di Pogacar, una...


Tadej Pogacar è soddisfatto della sua prova a cronometro e sapeva perfettamente che Ganna, su un tracciato piatto come quello di Desenzano sul Garda, sarebbe stato il super favorito per la vittoria.  «Sono molto felice di questo risultato, ma la...


E Filippo Ganna finalmente fa festa! Il campione italiano ha vinto la cronometro da Castiglione delle Stiviere a Desenzano del Garda: 35'02" il tempo di Top Ganna sui 31, 2 km del percorso, volati alla media di 53, 435 kmh....


Il norvegese Tord Gudmestad della Uno-X Mobility ha vinto in volata la Veenendaal Classic, disputata in Olanda sulla distanza di 171.8 km. Gudmestad ha preceduto nell’ordine Simon Dehairs della Alpecin-Deceuninck e Dylan Groenewegen del Team Jayco-AlUla. Ai poiedi del podio...


Sam Bennett, irlandese della Decathlon AG2R La Mondiale Team, ha vinto la quinta tappa della 4 Giorni di Dunkerque, la Arques - Cassel di 179.1 km. Per l’iorlandese, che ha preceduto Penhoet e Berfckmoes, si tratat del terzo successo in questa...


Freccia brittannica nella quinta tappa del Tour of Hellas, la Spercheiada - Chalkida di 196, 9 km: ad imporsi è stato infatti Dylan Hicks del Team Saint Piran che ha preceduto in una volata serratissima il polacco Rudyk e il...


Fallito un altro tentativo dei dirigenti Uae di convincere Pogacar a evitare rischi: dopo il colloquio, lo sloveno è sceso a colazione facendo le scale con lo skateboard. La Bora chiarisce che correre con attenzione quando c’è il vento è...


La Team SD Worx-Protime continua a dominare sulle strade della Vuelta a Burgos. la terza tappa - la Duero - Melgar de Fernamental di 122 km - si è conclusa con una volata che ha visto imporsi Lorena Wiebes che...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi