L'ORA DEL PASTO. Il nuovo Ballero

PROFESSIONISTI | 26/09/2016 | 09:50
Ha il nome di un antico re, israeliano: Davide. E il cognome di un eterno corridore, e commissario tecnico, toscano: Ballerini. Ma non ha nessuna parentela né con il monarca né con il ciclista. Ha compiuto 22 anni in corsa, il 21 settembre, al Giro della Toscana. E ha già una bella storia da raccontare: la sua.

Campione italiano esordienti A. Non in pista, su strada o nei prati: in piscina. Non ciclismo: nuoto. “Anche mio fratello maggiore nuotava: misti e delfino. Io, 200 misti. Per la Dds di Remo e Luca Sacchi, ma non nella piscina di Settimo Milanese. Fino al titolo italiano. Però era ripetitivo: una corsia, avanti e indietro, mi annoiavo, non ce la facevo più. E allora ciclismo: ogni pedalata una novità. C’era sempre stato, il ciclismo, fin da quando ero piccolo: mio padre mi portava a vedere le corse, e la prima, ricordo, il Giro di Lombardia. Qualcosa, o molto, mi era rimasto dentro. Provai a correre: la prima volta dalle mie parti, Cantù, in Brianza. Arrivai in fondo: dodicesimo. Poi giunse anche la prima vittoria: a Gazoldo degli Ippoliti, nel Mantovano. Anticipai la volata, tagliai il traguardo da solo”.

Team Idea, Unieuro Wilier, Hopplà Petroli Firenze: le sue squadre da dilettante. Tinkoff e Italia: la prima da stagista, la seconda da azzurro, in corse ufficiali internazionali, in altre del calendario nazionale. Androni Giocattoli: dal prossimo anno, professionista. “Il ciclismo, per me, è una continua scoperta. L’altro giorno, alla Coppa Sabatini, una fuga così lunga non l’avevo mai fatta. Siamo evasi dopo 18 chilometri, sono stato ripreso quando all’arrivo ne mancavano tre: in tutto, 175 chilometri in cui ho sognato di vincere. Ma io sono uno di quelli che, prova e riprova, prima o poi alla fine ne arriverà una. Non ho vinto tanto: una nel 2014, una nel 2015, due quest’anno, compreso il Piccolo Giro dell’Emilia”.

Geometra, il nuovo “Ballero” sa come progettarsi e costruirsi una carriera da stradista: “Volontà, coraggio, disciplina. Entrare nelle fughe sperando che la fuga arrivi. Senza pensieri”.

Marco Pastonesi
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Gianni Bugno, presidente dell'Associazione Internazionale dei Corridori (CPA), ha voluto ringraziare pubblicamente l'Unione Ciclistica Internazionale (UCI) per il sostegno concreto che la federazione ha deliberato in favore del Fondo di transizione e del CPA Women, e Amaury Sport Organization (ASO),...


L’Emilia-Romagna non è esclusivamente la patria della Ferrari, della cucina tradizionale, della piadina e del Sangiovese, la terra di Marco Pantani e della movida in Riviera. E ancora: non è solo il luogo degli ultimi Mondiali di Ciclismo, della grande...


Se c’è qualcuno che ha voluto dimenticare il 2020 a tutti i costi quello è proprio Matteo Malucelli: l’anno scorso il ventisettenne di Forlì non si è fatto mancare proprio niente, nemmeno il temibile virus. Archiviata l’avventura biennale con la...


Massaggiatori, meccanici, chef, osteopati, nutrizionisti, autisti: sono davvero tante le mani d'oro italiane nel WorldTour. Abbiamo deciso di incontrare i proprietari di queste mani e di raccontarvi alcune delle loro storie. Uno per squadra e questa volta è il turno...


Matteo Ascari e Alessia Fantoni, Giudici emiliano-romagnoli hanno brillantemente superato l’esame conclusivo del Corso di Formazione per Giudici Nazionali. Matteo Ascari di Lugo, classe ’95, è atleta con la Baracca nelle categorie giovanili, Junior con la Calderara stm e giudice...


Ti ricordi la tua prima bicicletta, di quando eri piccola?, colore, marca, regalo, sensazioni, il primo momento in cui ha trovato l’equilibrio senza aiuti o rotelle? Ti ricordi la tua prima bicicletta da corsa?, e la tua prima corsa?, e...


Il vincitore dell’UAE Tour, Tadej Pogačar, sarà l’uomo di riferimento della formazione emiratina che prenderà parte alla Tirreno-Adriatico, breve corsa a tappe di categoria World Tour in programma dal 10 al 16 marzo che proporrà sette frazioni. Il Team Manager...


Il ciclismo giovanile italiano purtroppo sta affontando una evidente "esasperazione agonistica":  fin dalle categorie minori c’è pressione sui giovani atleti, portando ragazzi di 16/17 anni ad essere considerati già come professionisti. Nella disperata ricerca di un ricambio generazionale si creano...


Filippo Fiorelli ha rotto il ghiaccio tra i professionisti con la vittoria al Porec Trophy, in Croazia. Nonostante il suo essere arrivato tardi al professionismo, sta a suo modo bruciando le tappe e tutta la Bardiani CSF Faizanè lo supporta...


Protagonista mercoledì a Laigueglia, Mauri Vansevenant oggi ha fatto ancora meglio conquistando il successo nel GP Industria & Artigianato a Larciano.«Il mio team ha fatto un lavoro fantastico per me oggi e questo ha esaltato la mia fiducia. Vedere che...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155