GIRO. DIAMO I NUMERI: 65 SABATINI

PROFESSIONISTI | 06/05/2016 | 07:22
65
Oggi, almeno per un minuto, sarà – come Fausto Coppi – un uomo solo al comando. Oggi, almeno per un minutino, sarà - virtualmente - maglia rosa. E non stiamo lì a sottilizzare come la sorte, o il sorteggio, lo abbia voluto premiare come primo a partire nella prima tappa a cronometro.

Fabio Sabatini ha 31 anni, il dorsale 65, 10 stagioni (questa è l’undicesima) da professionista, 0 vittorie individuali (ma una quantità di piazzamenti) e 2 collettive (cronosquadre: una al Giro d’Italia 2010, l’altra al Tour de San Luis 2016), una superficie di 1,87 in altezza per 74 kg di peso, tutti numeri che lo descrivono, lo certificano, lo valorizzano.

C’è un altro numero che racconta la sua vita: il 167, ultimo, al Tour de France 2011, a 3.57’43” dal primo, Cadel Evans. Ma siccome la vita è un testacoda, è un sottosopra, ed è anche un suppergiù, se si rovescia la classifica, se si comincia dal fondo, se è vera la storia del beati-gli-ultimi, quel 167 valeva l’1, dunque con un vantaggio di 3’08” sul penultimo, pardon, sul secondo, Andrey Amador. Per amore di precisione, di cronaca e del ciclismo, bisogna ricordare che Sabatini cadde durante la quinta tappa, e gli fu diagnosticata una sciatalgia, allora consumò i denti e arrivò a Parigi, e lì gli fu radiografata la frattura composta dell’osso sacro. Adesso concentratevi e pensate che cosa dev’essere scalare l’Alpe d’Huez o il Galibier in quello stato lì.

Sabatini, che aveva ereditato la passione dal babbo dilettante e a 6 anni già correva, da velocista vincente (campione italiano fra gli allievi, su strada e nell’inseguimento) si è trasformato in vagone o locomotiva, in treno o capotreno, in rimorchiatore o pesce-pilota. Per referenze, chiedere a Petacchi e Bennati, Cavendish e Boonen. Adesso è alle dipendenze di Kittel, anche se, a guardare bene le cose, e le corse, è Kittel a dipendere da Sabatini, dalle sue intuizioni e dalle sue sgasate.

Marco Pastonesi
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
La campionessa belga Lotte Kopecky ha vinto Le Samyn des Dames, seconda classica belga della stagione. La portacolori della Luv Racing ha regolato allo sprint il gruppo delle migliori con la danese Jorgensen al secondo posto e l’australiana Hosking al...


Il Giro d’Italia si prepara a celebrare il proprio simbolo: la Maglia Rosa, che compie 90 anni. Un percorso da marzo a settembre che coinvolgerà tutti gli appassionati del grande ciclismo e in particolare la fan base della Corsa Rosa....


Alejandro Valverde aggiunge un altri riconoscimento prestigioso alla sua collezione: il campione murciano è stato premiato stamane da Re Filippo di Spagna: a Valverde è stato attribuito il Premio Rey Felipe, nel corso della cerimonia di consegna dei Premios Nacionales...


Un altro debutto. Un’altra prima volta. Un’altra giornata fatta di emozioni con un pizzico di incredulità. Sabato il team EOLO-KOMETA sarà al via della quindicesima edizione della Strade Bianche: la prima corsa di categoria UCI WorldTour per il nostro team...


Dopo l'ottimo debutto in campo nazionale la Work Service Marchiol Vega si prepara per due appuntamenti infrasettimanali di assoluto primo piano: domani, mercoleì 3 marzo, infatti, gli uomini dei patron Demetrio Iommi, Renato Marin, Giuseppe Lorenzetto e Massimo Levorato saranno...


Caro Direttore, ad essere Altolocati , ce la si potrebbe cavare con un indiscutibile " La Giustizia non è di questo mondo". Amen, e buonanotte suonatori.Siccome non vedo  in circolazione nessuno che sia... a due dita dal Padreterno, dobbiamo arrangiarci...


Roadlite:ON è stata ed è una bici importante per Canyon, infatti, questa fitness e-bike ha fatto capire anche ai più restii quanto mezzi come questo possano mantenere in salute chiunque li utilizzi con regolarità. Versatile e sportiva, Roadlite:ON sfrutta il compattissimo sistema...


Stima e credibilità. Attributi che calzano a pennello ad Andrea Schiavone, il massofisioterapista non solo di ciclisti professionisti e dilettanti, ma anche di personaggi del mondo dello spettacolo e dello sport come Ignazio Moser, Cecilia Rodriguez, Marco Melandri, Alice Arzuffi,...


Tadej Pogačar e l’UAE Team Emirates hanno un ulteriore motivo per gioire dopo il successo nell’UAE Tour: le strade del giovane talento sloveno e quelle della squadra emiratina saranno unite fino ad almeno il 2026. Matar Al Yabhouni, Presidente dell’UAE...


La vittoria più bella per Michele e Rigoberto Uran è arrivata da poche ore: si chiama Carlota ed è la bellissima primogenita della coppia. Ad annunciarlo è proprio il coorridore colombiano della EF Educational NIPPO con un post sui social:...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155