GAND. Van Damme: È vero, ci sono troppe moto

PROFESSIONISTI | 28/03/2016 | 15:09
La morte di Antoine Demoitié ha scosso il mondo del ciclismo. E aldilà del comunicato di circostanza dell’UCI - «A tutti noi mancherà Antoine. L'UCI collaborerà pienamente per indagare sulle circostanze di questo tragico incidente» - arriva l’importante presa di posizione del presidente della Federazione belga Tom Van Damme.
In un intervento in diretta a Radio 1 belga, riportato da Sporza, Van Damme ammette: «Dobbiamo chiederci se ognuna delle moto che abbiamo in corsa sia davvero necessaria e se il comportamento di ognuno sia corretto».

E ancora: «Penso che ci siano troppi mezzi in corsa e con l’UCI siamo impegnatia studiarne la riduzione».

«Quello di oggi è stato un risveglio tragico per tutti dopo un grande weekend di ciclismo. Conosco il motocicilista coinvolto, so che ha più di 30 anni di esperienza ed è uno dei piloti più affidabili e prudenti. Ma dobbiamo stare attenti a non fare di tutta l’erba un fascio. Nel caso di Kuurne (una moto aveva investito in pieno il corridore belga Stig Broeckx che ha riportato fratture), il pilota ha commesso un errore evidente e sarà ascoltato dalla Commissione Disciplinare dell'UCI».

«A fine febbraio abbiamo avuto un incontro in commissione proprio per discutere dei problemi delle moto in corsa, vogliamo continuare quanto prima a discuterne anche con l’Associazione Internazionale degli organizzatori».

«Capisco le reazioni dei corridori, ovviamente: uno di loro ha perso la vita. Ma non possiamo ora gettare la croce addosso al motociclista in questione, non stava facendo nulla di azzardato, anzi cercava di intervenire a protezione dei corridori».

La posizione più lucida, in un momento di grande dolore, rabbia e tristezza, rimane quella di Daniel Martin: «Noi abbiamo bisogno delle moto in corsa, per la nostra sicurezza e per consentire ai media di raccontare la corsa. Ma è il loro comportamento in corsa che ha bisogno di essere migliorato. Il gruppo attraversa spesso strade strette, ci sono moto che transitano ad alta velocità e mettono in pericolo la sicurezza di tutti».

Tra i tanti messaggi postati oggi dai corridori, uno dei più significativi è quello di Moreno Moser: «Il ciclismo sta andando in una direzione troppo pericolosa da anni, purtroppo Antoine ha pagato più degli altri. Vogliamo più Sicurezza!RIP».
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Emozioni forti a Rotselaar dove si è disputato oggi il GP Vermarc Sport, corsa di riapertura del calendario belga. Emozioni perché si trattava della ripartenza, perché c’era il pubblico delle grandi occasioni, perché ad assistere c’era anche Eddy Merckx, perché...


Parla francese la seconda tappa del Tour de France virtuale grazie a Julien Bernard. Il portacolori della Trek Segafredo ha avuto la meglio in volata su Ovett, Edet e Woods con Giulio Ciccone, comagno di squadra del vncitore, che ha...


Nessuna imperizia, nessuna violazione del codice della strada, nessuna distrazione. Roberta Agosti, la ciclista uccisa nella mattinata di ieri durante un allenamento sul Basso Garda, è deceduta per una tragica fatalità. Dopo le prime, approssimative ricostruzioni, la testimonianza diretta dei...


Si sono presentate in cinque, sulla linea del traguardo della seconda tappa del Tour de France virtuale ed il successo è andato a Lauren Stephens del Team TIBCO - Silicon Valley Bank che ha preceduto Joscelin Lowden della Drops e...


Si torna finalmente a correre e per la D'Amico UM Tools di Ivan De Paolis e Roberto Portunato arriva il primo prestigioso successo. Merito di Nicolò De Lisi il talentuoso ciclistica di Acqui Terme, classe 2001, poi emigrato in Svizzera...


"Il mio rammarico più grande in carriera? L'aver perso il Giro Baby del 2000. La concorrenza era tanta, ma io mi addormentai un attimo durante una tappa di montagna e non recuperai più il margine sui fuggitivi". Così parlò Franco...


Vi siete mai chiesti quanto valga una grande corsa a tappe, in questo caso la più importante, dal punto di vista economico? E' quello che hanno analizzato alcune società specializzate in marketing sportivo e di siti di settore, come Sporteconomy,...


Proprio in questi giorni ha festeggiato i 45 anni della sua prima fotografia (scattata ad un vittorioso Beppe Saronni): Roberto Bettini - per tutti «Clic» - è uno dei protagonisti dell asedicesima puntata di BlaBlaBike. Il fotografo milanese, che sin...


Tra due settimane farà finalmente ritorno in Europa - il 19 luglio è in programma il volo che dalla Colombia porterà tutti i professionisti del Paese nel Vecchio Continente - e intanto Egan Bernal si allena sulle strade di Zipaquira...


"Potevo essere al mare, con un piatto di tagliolini, e invece scelgo di soffrire a quasi 400 watt..." Tra masochismo, speriamo sano, e piacere...  Questo video di Mario Cipollini merita i 3 minuti della sua durata. Guardalo! :-)


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155