MATTIA CATTANEO: «LA PRIORITA' È LA SICUREZZA»

PROFESSIONISTI | 28/03/2016 | 14:26
Non è tipo che alza la voce, figuriamoci in momenti come questi. Mattia Cattaneo ci risponde al telefono proprio mentre è sull’aereo che lo riporterà in Italia nel pomeriggio. Un brevissimo messaggio prima di spegnere tutto. «Non ricordo nulla – dice Mattia a tuttobiciweb.it -. Ricordo solo che eravamo in fila indiana, sul bordo strada, stavamo limando come dei pazzi. Poi ad un certo punto abbiamo trovato del fango e la ruota di qualche bicicletta è scivolata via e siamo caduti come dei birilli. Per qualche minuto ho perso conoscenza. Meno male che avevo il casco, altrimenti non sarei qui a raccontarla. Ho perso conoscenza per qualche minuto, quando mi sono ripreso ho solo visto la moto per terra e tanta concitazione. Una cosa però penso di poterla dire: la moto doveva essere molto vicina. Noi eravamo a tutta, in un tratto di strada in falsopiano in discesa, procedevamo a tutta velocità in fila indiana a bordo strada, e la se la moto ha preso il ragazzo doveva essere davvero moto vicina. Forse troppo».

Mattia domani sarà operato a Monza, per ridurre la frattura all’ulna del polso destro. Venti giorni di fermo, per poi riprendere con gli allenamenti. «Sono scosso per quanto è successo al povero Antoine Demoitié. Queste sono cose che devono far riflettere e, soprattutto, non devono succedere più. Pensa che per dieci minuti, nella concitazione del momento, i miei tecnici, Scirea e tutto lo staff Lampre Merida, pensavano che quello grave ero io. Hanno vissuto dieci minuti di terrore. Ma questo non toglie nualla alla gravità della cosa. Gli organizzatori devono capire che ci vogliono meno mezzi in corsa e gente più preparata nella guida. La sicurezza in corsa è la vera priorità del nostro sport».

a cura della redazione di tuttobiciweb.it
Copyright © TBW
COMMENTI
Troppe moto
28 marzo 2016 15:35 luki
Ma quando gli organizzatori si decideranno a concedere meno accrediti a tanta gente che seguono le corse solo per fare casino. Si vedono più moto che biciclette.
Giornalisti e fotografi e cineoperatori che infilano le loro maledette macchine quasi nei raggi e negli scarpini dei corridori per che cosa poi?
Sono ormai troppi gli incidenti causati da questi incoscienti.
Le corse in bici devono essere di bici e non di moto.
Se certe cose capitassero da noi si griderebbe allo scandalo, invece Francia e Belgio nessuno fiata.
Poi ci scappa il morto e non si riesce neppure a sapere di chi è la colpa!!!!

Motociclisti................
28 marzo 2016 18:40 9colli
Da quanti ce ne sono, sopratutto senza l'adequata esperienza, sembra una mandria di cavalli allo stato brado, quindi senza controllo.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Finalmente le gare sono iniziate. Il primo titolo olimpico di Tokyo2020 del ciclismo se l'è aggiudicato Richard Carapaz. Lo scalatore dell'Ecuador che abbiamo conosciuto nel 2019 come re del Giro d'Italia ha tagliato un traguardo storico e fatto impazzire di...


Il Giro della Valle d'Aosta, chiuso in terza posizione, gli ha dato la perfetta condizione di forma e subito Mattia Petrucci l'ha sfruttata a dovere. Colpo vincente del veronese della Colpack Ballan nella Coppa città di Ovada per dilettanti che...


Sul traguardo di Quaregnon, Fabio Jakobsen mette a segno la sua doppietta personale e chiude tra gli applausi il Tour de Wallonie. L'olandese della Deceuninck Quick Step, che aveva vinto a Zolder nella seconda tappa, si è ripetuto nella frazione...


Richard Carapaz è al settimo cielo quando si presenta in sala stampa con l'oro olimpico al collo: «È stata una giornata un po' pazza, una corsa molto dura, io ho avuto pazienza e aspettato il mio momento, poi ho avuto...


Wout van Aert rende onore al suo avversario e nasconde la sua delusione dietro ad una splendida medaglia d'argento: «Corro sempre per vincere ma oggi sono molto più felice che ai mondiali di Imola 2020, ho sempre un argento al...


Tadej Pogacar sorride al traguardo, sorride sul podio e sorride anche incontrando i giornalisti in conferenza stampa: «Sono felicissimo per il terzo posto, ho dato il massimo, sono super super contento di essere riuscito a salire sul podio dei Giochi...


Richard CARAPAZ. 10 e lode. È cambiato il mondo, è cambiato da un po’ e anche questo ragazzo ha contribuito a farlo. Un tempo nazioni come l’Ecuador davano vita alle fughe di giornata: i primi scatti erano i loro. Adesso...


Il CT Davide Cassani analizza la gara dei suoi ragazzi in questa prova olimpica: „Peccato per i crampi di Alberto Bettiol: non sappiamo per quale motivo siano venuti, soprattutto in un tratto di strada facile, era discesa ed è stato...


Con la solita disponibilità Vincenzo Nibali si ferma dopo il traguardo per analizzare la sua prestazione ai Giochi Olimpici: «Ci è mancato il risultato finale ma abbiamo corso davvero bene, abbiamo giocato le nostre carte nel modo giusto. Abbiamo cercato...


Sessantasette atlete per 39 nazioni: sarà questo il quadro della prova in linea femminile che si disputerà domani, con partenza alle ore 6 italiane. Sarà una gara atipica, formazioni ridotte all'osso - le nazionali migliori possono schierare solo 4 atlete...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI