QATAR. Troppi costi, il percorso mondiale si accorcia

PROFESSIONISTI | 08/02/2016 | 08:08
Tutto il mondo è paese e anche in un emirato come il Qatar, dove sembra che tutto sia possibile, si è costretti a volte a far i conti con il ritardo dei lavori, con i costi che lievitano e con scelte che diventano dolorose.
Succede che cambia il percorso dei prossimi mondiali perché una circonvallazione non sarà terminata in tempo. Intendiamoci, si tratta di cambiamenti influenti per quel che sarà lo sviluppo della gara su uno dei percorsi più piatti della storia, ma qualche novità c'è: il percorso sarà più breve e passerà da 19,2 km a 15,3 e si svolgerà interamente sull'isola artificiale di The Pearl.
Sparisce così il tratto in ciottolato che avrebbe dovuto essere una delle maggiori difficoltà del percorso e invece in questa speciale classifica sale il vento, che potrà davvero dire una parola importante.
Ricordiamo che domani i partecipanti al Tour of Qatar potranno pedalare per la prima volta sul percorso iridato nel corso della seconda tappa.
Copyright © TBW
COMMENTI
Costi troppo alti per il Qatar?
8 febbraio 2016 09:00 Bartoli64
E' una cosa che non si può proprio sentire nel paese dei petroldollari dove sono stati capaci di far arrivare la neve in pieno deserto!

Che gli ultra-ricchissimi emiri del Golfo Persico stiano cominciando s stufarsi di questo "giocattolino" che gli europei chiamano ciclismo?

SPERIAMO...

Bartoli64

Basta prenderci in giro
8 febbraio 2016 11:49 lupin3
E vedrete che accorceranno anche le olimpíadi. Percorsi lunghi e duri spaventano di piu che asfaltare qualche km, má non le stesse persone

Mah
8 febbraio 2016 13:33 Ruggero
Una soluzione ci sarebbe tutti d'accordo e mandiamo a correre il mondiale solo i ragazzini per divertimento

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Quella che avrebbe dovuto essere una grande festa per la ripartenza in Belgio, si è trasformata in una giornata di tragica tristezza. È accaduto a Wortegem-Petegem, dove la madre del campone del Belgio Tim Merlier ha organizzato una corsa amatoriale...


Il campione del Sudarica Ryan Gibbons ha vinto la prima tappa del Tour de France virtuale precedendo il canadese Pier-André Coté della rally Cycling e l'australiano Nick Schultz della Mitchelton-Scott, mentre Mathieu van der Poelè rimasto ai piedi del podio....


La neoprofessionista britannica April Tacey, portacolori della Drops, ha vinto la prima tappa del Tour de France virtuale precedendo in una ppassionante testa a testa la statunitense Kristen Faulkner (Tibco-SVB) e l'olandese Chantal van den Broek-Blaak (Boels-Dolmans). Tra le grandi...


Un filo di voce, ferma. Come una vita spezzata. «Sono a pezzi, non ho parole - spiega a tuttobiciweb Marco Velo -. Eravamo in mezzo alla campagna, dove il traffico in pratica non c'è. Avevamo proprio scelto la campagna per...


E' una di quelle decisioni che un organizzatore non vorrebbe mai trovarsi costretto ad assumere. Una scelta che diventa ancor più difficile e triste quando quell'organizzatore risponde al nome dell'appassionatissimo Giampietro Bonin e la corsa in questione è il 45° Gp Sportivi...


Il giovane talento belga Mauri Vansevenant ha firmato ufficialmente un contratto con la Deceuninck Quick Step fino alla fine del 2023 e dal 15 luglio sarà a tutti gli effetti un professionista. «Volevo concludere la scuola prima di questo salto,...


"Abbiamo appreso con sorpresa da fonti parlamentari del ritiro dell'emendamento al Decreto rilancio, depositato dall'On. Nobili in fase di conversione e finalizzato a introdurre alcune importanti modifiche al codice della strada: è una decisione che prende in contropiede il mondo delle...


Una tragedia, l'ennesima, che scuote il mondo del ciclismo tutto e va a toccare una delle figure più conosciute del nostro movimento, Marco Velo, braccio destro di Davide Cassani. Questa mattina ha perso la vita la compagna dell'ex professionista bresciano,...


Per il protocollo sicurezza varato dall’Uci e dal Direttore sanitario dell’organizzazione mondiale del ciclismo il Professor Xavier Bigard ai primi di maggio vale solo un punto: «il protocollo rimane dipendente dalle leggi e dalle misure locali e nazionali in vigore...


Nairo Quintana dovrà osservare due settimane di riposo assoluto dopo l'incidente di cui è stato vittima ieri, quando è stato investito da una vettura mentre si allenava insieme al fratello Dayer e a Cayetano Sarmiento. Colpito dallo specchietto retrovisore di...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155