MOTORINI. Salvato: «Basta illazioni e sospetti, chi sa parli»

PROFESSIONISTI | 02/02/2016 | 10:42
La vicenda della bicicletta della belga Femke Van den Driessch accaduta a Zolder sabato scorso in occasione del Campionato del Mondo di ciclocross ha fatto scoppiare un altro caso nel mondo del ciclismo.

Il rinnovato allarme di un possibile uso inappropriato e vietato della tecnologia preoccupa gli stessi corridori, impegnati da tempo in prima persona a fare il vuoto attorno a chi ancora oggi pensa di vincere barando.

Il problema era già stato denunciato dall’Associazione Corridori Ciclisti Professionisti Italiani un anno fa nella rubrica ACCPI di luglio 2015 intitolata Motorini? Se ci sono vanno smascherati.

Il presidente ACCPI Cristian Salvato in seguito ad alcuni articoli apparsi sulla stampa in questi giorni ci tiene a precisare a nome dei ciclisti e delle cicliste della massima categoria: «Questo episodio ci addolora, ma dimostra come l’utilizzo di motorini in gara non possa sfuggire ai controlli predisposti dall’UCI, con la tecnologia a disposizione è molto semplice smascherarli. Siamo per la lotta dura contro chi bara e danneggia l’intero movimento. Se qualcuno, come l’apprezzato costruttore e telecronista della tv di stato Max Lelli ha dichiarato ieri a www.tuttobiciweb.it, sa qualcosa di certo denunci alle autorità competenti nomi e cognomi di chi ha fatto uso di bici motorizzate, altrimenti taccia. C’è bisogno di portare alla luce la verità dei fatti e di evitare sterili polemiche. Ci auguriamo e sollecitiamo la procura competente ad aprire un’istruttoria in merito a chi sa qualcosa di concreto. Per l’Assocorridori l’omertà non deve esistere, la via per la pulizia e la verità è solo una: fare chiarezza».

comunicato stampa

Copyright © TBW
COMMENTI
Troppo forte Salvato!
2 febbraio 2016 14:40 Bartoli64
Lui è il Presidente di ACCPI ed ogni volta che salta fuori qualche rogna è sempre il solito refrain: "chi sa parli".

Lui, però, nel movimento ci sta dentro mani e piedi (infatti ricopre una carica presidenziale) ma, stranamente, non sa mai nulla (il che è anche possibile ma non è che deponga molto a suo favore) per questo aspetta siano sempre gli altri a parlare...

Bartoli64

Presidente Salavto,
2 febbraio 2016 17:07 Fra74
il comunicato di cui sopra mi sa molto di "populista", senza offesa e polemica, ossia di un atteggiamento "blando", di alcuna presa di posizione a riguardo.
Francesco Conti-Jesi (AN).
P.S.: In breve, confermo quanto scritto da chi mi ha preceduto nel commento di cui sopra.

evvaiiii..ecco la replica furbina
2 febbraio 2016 18:43 Giosa
Eccolo..ci mancava qualcuno che diceva:"chi sa parli"..comodo eh..mi sa tanto di :devo per forza dire qualcosa ma non voglio mettermi in alcun ginepraio...quindi parlo senza dire nulla ma dicendo che devono dirlo gli altri..
Davvero comoda come posizione..

...chi sa di situazioni ATTUALI parli...anche se si tratta di Presidente di qualcosa...ma per favore non prendeteci in giro facendo finta di non sapere niente. Ma davvero Lelli e Cassani sono gli unici ad avere il coraggio di argomentare ?

Complimenti Salvato
2 febbraio 2016 19:12 blardone
Insegna hai tuoi colleghi che non bisogna parlare solo per farsi pubblicità. Poi chi parla magari tiene l armadio pieno di scheletri .

CHI TACE E\' COMPLICE
2 febbraio 2016 19:31 tonifrigo
Cristian, io ti voglio anche bene, ma qui in ballo c'è molto, anzi tutto: chi tace - e ha ragione chi ti chiede: sapevi nulla? - rischia di sottoscrivere la morte del ciclismo agonistico, che per ora è il miglior veicolo pubblicitario per lo sport che io e te, con molti altri, amiamo. Ci sono responsabilità di chi usa queste bici, ma anche di chi le fabbrica, di chi le adotta, di chi in squadra non può fingere di non sapere. Non si tratta di un elastico per i capelli o, peggio, di una caramellina all'hascisc. Questo è un motore che nel pehhiore dei casi ha una autonomia di 100', minghi!

A sua insaputa? Questa l\'ho gia sentita...
2 febbraio 2016 20:46 pippo
Pres. Salvato, non mi dica che anche questo succedeva \"a sua insaputa\" ? Non só se i motori siano stati usati nelle gare prof ma usati o nó mi torna difficile credere che chi è cosi strettamente nell\'ambiente non ne sappia nulla,o succedeva \"a sua insaputa \"? Vabbè,in questo periodo usa molto...

Ma cosa poteva dire
2 febbraio 2016 21:17 IngZanatta
Adesso non poteva dire altro, forse era meglio se taceva del tutto. Avrebbe dovuto parlare 6 anni fa, quando Bufalino iniziava ad insinuare il dubbio

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Per il protocollo sicurezza varato dall’Uci e dal Direttore sanitario dell’organizzazione mondiale del ciclismo il Professor Xavier Bigard ai primi di maggio vale solo un punto: «il protocollo rimane dipendente dalle leggi e dalle misure locali e nazionali in vigore...


Nairo Quintana dovrà osservare due settimane di riposo assoluto dopo l'incidente di cui è stato vittima ieri, quando è stato investito da una vettura mentre si allenava insieme al fratello Dayer e a Cayetano Sarmiento. Colpito dallo specchietto retrovisore di...


Il motore FSA System HM 1.0 era stata una delle più belle sorprese di Eurobike e oggi la stessa FSA ne annuncia con entusiasmo l’avvio per la produzione di massa. Questo vuol dire che i produttori di telai e-road potranno...


Non solo i ciclisti ma tutta la carovana sta lucidando ottoni e attrezzature per rimettersi in moto in occasione delle prime gare di stagione, dopo il lungo lockdown che ha bloccato i ciclisti. E non fa eccezione casa Astoria che...


Proprio in questi giorni ha festeggiato i 45 anni della sua prima fotografia (scattata ad un vittorioso Beppe Saronni): Roberto Bettini - per tutti «Clic» - è uno dei protagonisti dell asedicesima puntata di BlaBlaBike. Il fotografo milanese, che sin...


Edvald Boasson Hagen scalda i motori e si prepara ad affrontare il suo decimo Tour de France. Il 33enne norvegese ha vinto tre tappe della Grande Boucle, due nel 2011 e una nel 2017. «Spero di far parte della selezione...


La gran voglia di riprendere l’attività è tangibile da tempo. Eppure la ripresa delle gare deve avvenire in sicurezza, soprattutto in questa fase di emergenza Covid-19 che stiamo attraversando. Ed il Comitato Regionale Umbria non si...


Gli anni che terminano con la cifra “0” hanno portato spesso grandi novità al Tour de France, hanno visto scrivere importanti pagine di storia, hanno portato alla ribalta personaggi e aneddoti. Ve li vogliamo raccontare, in attesa della corsa che...


La Toscana non sarà solo la prima regione in Italia ad ospitare una gara professionisti dopo il Lockdown (le Strade Bianche a Siena il 1° agosto). Lo sarà infatti anche per il ciclismo giovanile con la riunione su pista di...


Si è scritto in questi giorni, con ineccepibile rispondenza al vero, che l'Italia (politica e non) si è accorta solo ora di Mondragone, provincia di Caserta, per il focolaio di Covid che ha infierito sul nucleo di cittadini bulgari, presenti da...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155