COLOMBIA. Festa a Madrid per gli Escarabajos

PROFESSIONISTI | 14/09/2015 | 09:10
Il modo più bello di raccontare la giornata finale della Vuelta a Espana 2015 è cominciando dalla fine. Centinaia di tifosi colombiani si sono spostati dalle strade dove avevano assistito all’ultima frazione, 97 km da Alcalà de Henares a Madrid, tutti attorno al bus del Team Colombia-Coldeportes. All’arrivo di ciascuno dei nove Escarabajos, applausi e incitamenti premiavano il grande impegno dei ragazzi di Claudio Corti, arrivati al completo al termine dei 3360 km della corsa a tappe spagnola. 

Per oltre mezzora, l’area circostante il bus è stata letteralmente presa d’assedio dai tifosi, a caccia di un abbraccio, una foto, un ricordo. Fra di loro anche il Direttore di Coldeportes e Ministro dello Sport Colombiano Andres Botero e l’Ambasciatore di Colombia in Spagna Fernando Carrillo Flores: nulla da invidiare alla folla attorno al bus della squadra della maglia rossa, parcheggiato proprio di fianco alla formazione colombiana.

Leonardo Duque ha sfiorato la top-10 nell’ultima frazione, terminando undicesimo allo sprint vinto da John Degenkolb (Giant-Alpecin) davanti a Danny Van Poppel (Trek) e Jean-Pierre Drucker (BMC). Fabio Aru (Astana) ha festeggiato il successo finale, affiancato sul podio da Joaquim Rodriguez (Katusha) e Rafal Majka (Tinkoff-Saxo). 

Credo che tutti in squadra, dal primo all’ultimo, corridori e staff, abbiamo dato il massimo in queste tre settimane – le prime parole di Miguel Angel Rubiano dopo l’ultimo traguardo. “Abbiamo cercato con tutte le nostre forze di vincere la tappa che volevamo, lottando tuti i giorni, e penso che il calore di tutti questi tifosi dimostri che il nostro impegno non è passato inosservato. Siamo rimasti stupiti da quante persone in questi giorni si siano complimentate con noi per la nostra combattività: la vittoria non è arrivata, ma penso possiamo essere orgogliosi della nostra Vuelta. Continueremo a inseguire il successo nell’ultimo mese di corse.

Anche il General Manager Claudio Corti “promuove” l’impegno e l’aggressività della sua squadra: “I ragazzi hanno lottato con grinta contro avversari fortissimi, in una corsa che si è rivelata davvero dura e selettiva. Abbiamo terminato in nove, ed è un motivo di soddisfazione. Al di là dei risultati, fra cui svetta il secondo posto di Torres in una delle tappe più belle e dure di questa Vuelta, l’organizzatore ha apprezzato la nostra combattività, lo spirito e il carattere di questa squadra. Siamo felici e orgogliosi di aver preso parte a questa corsa dopo due partecipazioni al Giro d’Italia: un ringraziamento va a Javier Guillen e Unipublic per averci dato fiducia. Spero – e credo – il Team Colombia-Coldeportes sia riuscito a ripagarla.

Inoltre – ha proseguito Corti – lo straordinario numero di tifosi, colombiani e non, che ci hanno seguito sulle strade di Spagna credo dica tantissimo sulla popolarità e sulla riconoscibilità di questa squadra: uno degli obiettivi del nostro progetto è la promozione del Paese e della realtà Colombia, ed è un traguardo importante almeno quanto quelli sportivi.
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
È tornato a respirare aria pura pochi minuti fa, in questo m pomeriggio di sole, e finalmente ha potuto tornare a casa dopo una settimana di ricovero in ospedale. Davide Boifava racconta così a tuttobiciweb la sua disavventura: «È accaduto...


Il momento di rimettere il numero sulla schiena è arrivato anche per la Zalf Euromobil Désirée Fior: sabato 11 luglio a Roveredo di Guà (Vr), andrà in scena la Ciclismoweb Crono Challenge - Berti Group, la gara a cronometro individuale che segnerà la...


Dopo essersi immerso nella cultura italiana alla Pinacoteca di Brera e essersi cimentato ai fornelli come “Chef Sagan”, il fuoriclasse slovacco della BORA – hansgrohe si inventa sarto nell’Atelier di Ermenegildo Zegna. A fargli da modello, Giuseppe Sala, Sindaco di...


Seconda puntata dopo la ripartenza per Radiocorsa, il talkshow settimanale di Raisport HD, condotto in studio da Andrea De Luca. Questa sera alle 19.30 potremo seguire dai loro ritiri gli interventi di Vincenzo Nibali, Giulio Ciccone, Fausto Masnada ed Elia...


Ciclismo veneto in lutto: addio all'imprenditore Italo Michelin„ Si è spento ieri l'imprenditore Italo Michelin, fondatore e presidente della Fac Michelin, una delle storiche aziende trevigiane del settore delle biciclette. Aveva 97 anni. Ciclismo veneto in lutto: addio all'imprenditore Italo Michelin„Fino...


Pochi minuti dopo il comunicato del Team Ineos, ecco quello della Israel Start-Up Nation: «Chris Froome correrà con noi dalla stagione 2021». «È un momento storico per la Israel Start-Up Nation, per lo sport israeliano, per i nostri tifosi e...


È il primo tassello ufficiale di una trattativa che va avanti da tempo: il team INEOS ha confermato oggi che non rinnoverà il contratto di Chris Froome alla fine di questa stagione. Sir Dave Brailsford ha dichiarato: «Il contratto di...


Il grido di allarme di Gaetano “Nino” Daniele è stato composto, misurato e responsabile, il tutto dettato da buonsenso e senso della realtà. Il noto medico dello sport, responsabile sanitario di Trek Segafredo, sa perfettamente, come i suoi colleghi e...


Il prologo del Sibiu Tour è uno dei suoi obiettivi e Matthias Brandle ci arriverà con una motivazione speciale: il trentenne austriaco ha infatti firmato un rinnovo biennale del contratto che lo lega alla Israel Start-Up Nation, formazione alla quale...


La quarantena di Nicolas Roche non è andata poi così male: il balcone vista Montecarlo - dove Nicolas è residente da 8 anni - non è certo da buttar via. Allenamenti, gare virtuali, e ogni tanto, soprattutto nel week-end, un...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155