TURCHIA. MODOLO. «Avevo proprio bisogno di vincere»

PROFESSIONISTI | 30/04/2015 | 14:50
Cercava conferme in vista del Giro d'Italia Sacha Modolo, le ha trovate al Giro di Turchia tra le colline di calcare e travertino patrimonio dell’Unesco di Pammukale. Dal “castello di cotone” il velocista della Lampre Merida, che oggi ha fatto commuovere il ds Bruno Vicino, guarda con fiducia alla corsa rosa e a una stagione che sta ritrovando la retta via.

Raccontaci il finale. «Non ci ho capito tanto (scherza, ndr). All’ultimo chilometro sono rimasto indietro, ho rischiato di cadere due volte, sono dovuto partire quasi da fermo, ma continuavo a vedere gente che rimbalzava indietro così mi sono detto che non potevo sbagliare. In questi tipi di arrivo sono un gatto, ieri sono finito a terra ai piedi dell’ultima salita, oggi non potevo buttare via un'altra occasione». 


A che punto sei in termini di condizione rispetto a un anno fa? «L’anno scorso avevo stilato tutto un’altro programma, sapevo che dopo il Giro di Turchia mi sarei fermato per un periodo di pausa e qui al Turchia dovetti ritirarmi per un dolore al costato (gli accertamenti avrebbero evidenziato la frattura di due costole conseguenza della caduta alla Parigi-Roubaix, ndr), quest’anno invece ho nel mirino il Giro. La forma è in crescita, ma avevo proprio bisogno di vincere per sbloccarmi. Arrivare a maggio senza vittorie è stata una sofferenza, questo successo è la conferma di cui sentivo la necessità. Dopo il Tour de San Luis a inizio anno in Argentina praticamente non ho più sprintato, non mi era mai capitato di arrivare a fine aprile a secco». 


Avevi già alzato le braccia in questa corsa, nel 2012 a Kusadasi. «Sì, vestito la maglia della Colnago. Sembra passata una vita… Un confronto tra le due tappe vinte? Questa mi è piaciuta molto perché non ho battuto solo dei velocisti, ma gente che va in salita. Su questo arrivo all’insù ci voleva gamba. Sono felice soprattutto perché, finalmente, ho dimostrato a me stesso si esserci». 

Cosa prevede il tuo programma? «Dopo la corsa rosa, a cui ovviamente sia io che la squadra teniamo molto, mi vedrete al Giro di Svizzera e ai Giochi Europei di Baku. Cassani mi ha chiesto di farmi trovare pronto, se la condizione me lo permetterà ci sarò. Dopo questo importante appuntamento tirerò un po’ il fiato e programmerò con il team il finale di stagione». 

Sei arrivato baciando il polso destro, su cui sfoggi un nuovo tatuaggio: un cuore con la scritta “Ti porto via con me”, possiamo rivelare di chi si tratta? «Sì, dedico questa vittoria alla mia fidanzata Valentina. Il tatuaggio è il titolo della nostra canzone. Quest’ultimo anno è stato parecchio tribolato, ma ora ho ritrovato la serenità. Valentina mi è stata vicina, è l’unica persona ad avermi supportato in questi mesi non proprio semplicissimi. Da oggi si riparte in tutti i sensi, questa vittoria ci voleva proprio». 

da Pamukkale, Giulia De Maio

foto Michele Mondini

Copyright © TBW
COMMENTI
SALITA DEL CANSIGLIO
30 aprile 2015 20:50 baro
saka.. vedi che LA SALITA DEL CANSIGLIO TI PORTA BENE sia a te che a CIMO ..GRANDI CONTINUATE COSI ...CHE PORTATE IN GIRO X IL MONDO L ONORE DEL TRIVENETO COMPLIMENTIIII SAKA

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Bauke Mollema si porta a casa un'altra bella vittoria sulle strade d'Italia. L'olandese della Trek Segafredo, che in questa stagione aveva già vinto la prima tappa del Tour des Alpes Maritimes et du Var, ha vinto il 58° Trofeo Laigueglia...


Jakub Mareczko firma il primo successo stagionale della Vini Zabù. Il velocista bresciano ha vinto con autorità allo sprint l'Umag Trophy sulle strade della Croazia. Alle sua spalle nell'ordine si sono piazzati Filippo Fortin del Team Voralberg e il pceco...


Non è un libro, ma un pugno nello stomaco, che ti lascia senza fiato. Anche se poi te lo leggi in un amen, perché non credi ai tuoi occhi, e non li stacchi più da quelle pagine fin quando non...


«Ora vivo sereno, ma per anni ho portato dentro tanta rabbia. La bici è stata un'importante valvola di sfogo. Probabilmente senza i fatti legati alle Olimpiadi di Tokyo mi sarei fermato prima con il ciclismo agonsitico». E' un Davide Rebellin...


Da quando sono stati emessi i protocolli da seguire durante la pandemia da parte dell’UCI, la Giotti Victoria – Savini Due ha sempre seguito rigidamente tutte le regole preposte, sia dentro che fuori competizione. Nel tardo pomeriggio di martedì, dopo...


Adriano Amici come sempre è un “moto perpetuo”, prima, durante e dopo la corsa. Qualche minuto prima del via trova il tempo per una velocissima intervista. Primo impegno della stagione che purtroppo si prospetta ancora molto difficile e incerta. “Non...


Dopo il titolo a squadre contro il tempo con il Sud Africa, Ryabn Gibbons conquista anche il titolo a cronometro individuale dei Campionati Africani in svolgimento al Cairo, in Egitto. Il neo acquisto della Uae Team Emirates ha nettamente vinto...


L’Italia ha ben figurato ieri a Le Samyn, conquistando il terzo posto con Andrea Pasqualon, che ha chiuso alle spalle di Tim Merlier e Rasmus Tiller. «Nel finale è andato tutto alla perfezione - ha detto Andrea Pasqualon - e...


Tanti campioni a Laigueglia ma anche tanti giovani che vogliono sfruttare l’occasione per mettersi in evidenza e fare esperienza. Il valtellinese Alessio Martinelli del Team Colpack Ballan è uno dei giovani talenti più attesi in questo 2021. L’ultimo anno non...


Dal ciclista alle prime armi fino all'entusiasta vero e proprio, questa nuovissima collezione di abbigliamento MTB SHIMANO è pronta per unirsi al viaggio lungo i sentieri di ogni uscita, attraverso le stagioni e attraverso la crescita del ciclista. per leggere...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155