MONDIALI. Arzuffi può aspirare ad un buon piazzamento

CICLOCROSS | 30/01/2015 | 14:05

La stagione invernale corre verso l'appuntamento più prestigioso: il mondiale di ciclocross nella Repubblica Ceca. Domani a Tabor, a rappresentare Monza e Brianza, ci sarà Alice Arzuffi la ventenne di Seregno che si appresta a disputare il suo quarto consecutivo traguardo iridato dopo Koksijde in Belgio (2012, trentunesima), Louisville negli Stati Uniti (2013, quattordicesima) e Hoogerheide, Olanda (2014, diciannovesima). Cominciamo col dire, che Arzuffi correrà la gara riservata alla categoria donne elite, con partenza alle ore 14. La sua frequentazione sui terreni internazionali del ciclocross, cresciuta moltissimo in quest'inverno, ci fa considerare che Alice è cresciuta sia sotto il profilo atletico che in quello dell'esperienza. La campionessa italiana delle under portacolore della Selle Italia Guerciotti, dopo il trionfo nella sfida tricolore di Pezze di Greco in Puglia e la partecipazione in Olanda nell'ultima prova di Coppa del Mondo, è sicuramente nelle condizioni ideali per ottenere un buon risultato, che potrebbe risultare il migliore delle sue performance sui terreni iridati. Il confronto con le migliori specialiste fra cui, la campionessa uscente Marianne Vos e la fortissima belga Sanne Cant, è per Alice Arzuffi uno stimolo in più per cercare di fare meglio e puntare alle prime dieci posizioni: "E' quello che mi auguro di ottenere - spiega la brianzola che da ieri si trova ad allenarsi insieme agli altri azzurri sul circuito del mondiale di Tabor-. C'è lopportunità di fare bene e voglio provare a sfruttarla al massimo. Il percorso mi si addice, fisicamente sto bene, e un piazzamento tra le dieci mi farebbe veramente felice". Con Alice Arzuffi gareggeranno le italiane Eva Lechner, che difende i colori della Colnago Pro Cycling di Cambiago, e la giovanissima bergamasca Chiara Teocchi del team I.Idro Drain Bianchi. E' la terza volta nella sua storia che la città ceka di Tabor ospita il campionato del mondo di ciclocross. Era accaduto nel 2001 (11° Annabella Stropparo, 12° Paola Bortolin, 25° Veronica Sala) e nel 2010 con il successo di Marianne Vos e la quinta posizione di Eva Lechner, allora unica italiana in gara. Adesso è il turno di Alice Arzuffi reduce da una bellissima stagione che le ha regalato soddisfazioni immense come la tripletta di affermazioni in Giappone, la classifica finale del Giro d'Italia (in cinque prove), il terzo titolo tricolore consecuvito con le under 23 e l'internazionale Memorial Mamma e Papà Guerciotti all'Idroscalo di Milano. Comunque sia, a prescindere da come si concluderà la corsa, noi che siamo brianzoli diciamo forza Alice domani!!

da Il Giorno edizione Monza & Brianza, Danilo Viganò

 

 

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

L'eritreo Mulu Hailemichael ha vinto a Huye la seconda tappa del Tour du Rwanda. Il portacolori della Nippo Delko Provence, classe 1999, ha preceduto allo sprint il colombiano Restrepo della Androni Giocattoli - Sidermec e l'eritreo Biniam Girmay Hailu, anche...


Un altro podio in stagione e una vittoria sfiorata per l’Androni Giocattoli Sidermec che nella seconda tappa del Tour du Rwanda ha visto chiudere al secondo posto Jhonatan Restrepo. Il colombiano dei campioni d’Italia conferma così il suo brillante inizio...


Sotto il sole degli Emirati, Mauro Vegni divide i suoi pensieri fra la corsa - della quale è direttore - e l'Italia. Stamane, prima della partenza della seconda tappa del Tour, il dirigente del RCS Sport ha spiegato: «La situazione...


Un cambio netto per lasciarsi alle spalle un 2019 avaro di soddisfazioni. Romain Bardet, dopo sette anni in cui si è concentrato esclusivamente sul Tour de France, ha deciso di puntare per la prima volta sul Giro d’Italia. Ecco perché il Tour...


Operazione antidoping dei Carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria: fatta luce su una morte sospetta e smantellato un ingente traffico di anabolizzanti in palestre e nelle competizioni sportive; nove le misure cautelari personali, tra cui un forestale, e 20...


«Non è sempre facile essere me, ma i ciclisti... so­no masochisti». La bici è sofferenza, anche se sei un fenomeno. An­che se sei passato professionista a 18 anni e pronti-via hai sorpreso il mondo e te stesso vincendo fior di...


Una settimana di riposo forzato, la conseguente rinuncia alla Volta ao Algarve e poi finalmente Davide Ballerini ha potuto tornare in sella e riprendere ad allenarsi. A conclusione di un allenamento sulle strade svizzere, il portacolori della Deceuninck - Quick-Step...


Alla vigilia della stagione 2020, il BEAT Cycling Club si rafforza con l’arrivo di Stefano Museeuw, 22 anni. Il figlio minore di Johan Museeuw è l'undicesimo corridore della squadra. Non è un segreto che il BEAT Cycling Club intenda utilizzare...


È stata la suggestiva location del Palazzo della Regione Lombardia a fare da sfondo alla presentazione della Ktm Protek Dama, uno dei team lombardi di spicco del panorama del fuori strada. per leggere l'intero articolo e sfogliare la Gallery vai su...


Dal lunedì al sabato si allena come se la domenica potesse correre. Lavori, distanza, scarico, dietro moto. Poi, però, la domenica rimane a casa: niente numero dorsale, niente foglio firma, niente pronti via. Da venti mesi Andrea Innocenti è un...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155