VUELTA. La Lampre Merida ha provato la cronosquadre

PROFESSIONISTI | 21/08/2014 | 16:50
Per la LAMPRE-MERIDA, radunatasi a Jerez de la Frontera in vista della partenza della Vuelta a Espana 2014, la tarda mattinata di giovedì ha offerto un supplemento di allenamento particolare.
Oltre alla normale pedalata in gruppo, i corridori blu-fucsia-verdi hanno avuto modo di provare i meccanismi della cronosquadre in vista della prova contro il tempo che aprirà sabato la corsa spagnola (12,6 km). Lo scenario di questo allenamento è stato esclusivo: il nastro d'asfalto del circuito motoristico di Jerez de la Frontera.
Il treno blu-fucsia-verde, seguito dalle ammiraglie Mitsubishi equipaggiate con pneumatici Kumho, ha percorso alcuni giri del tracciato spagnolo, affinando gli automatismi e approfondendo l'affiatamento tra i 9 corridori.
In sella alle Merida Warp TT, i ciclisti della LAMPRE-MERIDA hanno trascorso 90 minuti sul tracciato, per poi concedersi una visita al attiguo museo motoristico.
I corridori hanno mostrato una buona condizione, con il solo Horner alle prese con i disturbi causati dalla bronchite che lo debilita da alcune settimane.



In the late morning, LAMPRE-MERIDA performed a special training in view of the team time trial that will open the 2014 edition of Vuelta a Espana (12,6 km, Jerez de la Frontera).
In addition to the usual ride on the road, blue-fuchsia-green group covered some laps of the speedway of Jerez de la Frontera, trying to improve the feeling among the cyclists and to find the perfect setting.
LAMPRE-MERIDA riders and Mitsubishi team cars spent 90 minutes on the Spanish circuit, then they visit the museum of the speedway.
All the riders are ok, only Horner is still facing the bronchitis he's been suffering for some weeks.

comunicato stampa
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Gravissimo lutto nel ciclismo bresciano, regionale e nazionale: è scomparso all’età di 86 anni vittima del covid-19 Sandro Sellari, storico dirigente di ciclismo e grande organizzatore di eventi internazionali. Nato il 27 febbraio del 1934 a...


Lo scorso 23 marzo ha compiuto ventun anni, Andrea Bagioli è sicuramente uno dei più attesi tra i volti nuovi del ciclismo professionistico italiano. Valtellinese di Lanzada, in Valmalenco, da questa stagione è approdato nella Deceuninck-Quick Step, lo squadrone di...


Quella di Dario Cataldo è una quarantena un po’ differente rispetto a quella che stiamo vivendo in Italia. Abbiamo infatti raggiunto telefonicamente a Balerna, nel Canton Ticino, il portacolori del Team Movistar che ha raccontato a tuttobiciweb le sue giornate,...


  Il 29 maggio 2016, 50 anni dopo la vittoria al Giro d’Italia, Gianni Motta organizzò una festa per raccontarsi e farsi raccontare. Corridori, direttori sportivi, giornalisti. E storie, avventure, retroscena. Molto era rimasto nei miei appunti. Eccolo qua. LA...


I divieti sono sempre difficili da osservare e ogni tanto qualcuno cerca di sfuggirvi. Nonostante un decreto governativo vieti di svolgere l’attività sportiva in bicicletta all’aperto, c’è sempre qualcuno che ci prova. È successo anche ieri a Otranto, con uno...


A pochi chilometri di distanza dalla celebre Università di Oxford, c’è quella che possiamo considerare una sor­ta di Università, oppure un Master, del ciclismo: la Holdsworth-Zappi. Siamo abituati a vederla in tutti gli appuntamenti dilettantistici più importanti in Italia, dal...


Volete conoscere le curiosità più interessanti, gli aneddoti più simpatici ed i segreti più nascosti delle grandi campionesse del ciclismo in rosa? Le appassionanti dirette Facebook del team Alè - BTC Ljubljana sono in rampa di lancio! Cinque imperdibili appuntamenti...


Davide Dapporto è un ragazzo romagnolo, un ragazzo del 2001. Si accorge di avere dei numeri da corridore quando in famiglia il nonno Giovanni e il papà Diego, entrambi ex dilettanti di stampo buono, gli parlano di ciclismo. La sua...


Diciamolo, anche se sottovoce, a tutti noi piacerebbero bici molto leggere, sempre. Per farlo servono telai leggeri, ruote leggere ma anche tante piccole accortezze come suggerito dal vasto catalogo di Carbon-Ti. Perni passanti, viteria, corone, collarini, dischi, insomma, l’elenco è lungo...


Una triste notizia in questa ultima domenica del mese di marzo. E’ morto a Prato (risiedeva nella frazione di Iolo) all’età di 80 anni, Giordano Paolini personaggio conosciutissimo nel ciclismo non solo toscano. Qualche giorno fa sottoposto al tampone per...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155